martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “IL FOLLE DI DIO” del 21 dicembre alle 23.30 su RAI 1: un documentario sulla vita di San Francesco

Anticipazioni per “IL FOLLE DI DIO” del 21 dicembre alle 23.30 su RAI 1: un documentario sulla vita di San Francesco

il folle di Dio

Anticipazioni per “IL FOLLE DI DIO” del 21 dicembre alle 23.30 su RAI 1:  un documentario sulla vita di San Francesco

(none)

Stasera sabato 21 dicembre, su Rai1 alle 23:30, andrà in onda “Il Folle di Dio”, un documentario sulla vita di San Francesco, il santo di tutti gli italiani e di tutti i cristiani del mondo.

Il documentario, girato in 4k, seguirà il percorso del santo facendo del viaggio un’occasione di crescita morale e spirituale. Angelo Mellone, nelle vesti di conduttore-narratore, sarà un “pellegrino”, un esploratore che, attraverso la vita di Francesco, mostrerà anche alcune bellezze naturalistiche e artistiche dell’Italia centrale (tra Umbria, Lazio e Toscana). Ogni luogo di pellegrinaggio rappresenta un ambito tematico particolarmente significativo per la vita del santo. Ad Assisi, città natale di Francesco ma anche meta di milioni di devoti, si racconterà il modo in cui si spogliò dei suoi beni.
«Non rinnegò mai la sua famiglia – afferma padre Enzo Fortunato del Sacro Convento di Assisi – Francesco voleva vivere pienamente la sua vocazione» e cominciò a vivere una vita di povertà insieme a un gruppo di compagni e amici, amici che nel giro di pochissimi anni costituiranno un Ordine con frati provenienti da ogni parte d’Italia e d’Europa». 
Il tema dell’amicizia e dell’Ordine dei Frati Minori porterà nella Valle Reatina, oggi chiamata, dopo il passaggio di Francesco e dei suoi, anche Valle Santa, dove Francesco ha compiuto due importanti azioni. In primis, ha realizzato il primo presepio della cristianità a Greccio. Il Vescovo di Rieti, Monsignor Mauro Pompili, parlando con il conduttore-pellegrino, afferma che il «Presepe ha fatto comprendere che andare a Greccio valesse come andare a Betlemme. Francesco, con quell’invenzione, ha voluto anche smobilitare il concetto di guerra santa». Dettò, inoltre, ai suoi confratelli (a Fonte Colombo) le due Regole dell’Ordine dei Francescani (quella non bollata e quella bollata, ovvero accettata dal Papa). Regola che fu anche causa di molti dissidi all’interno dell’Ordine e motivo di grande turbamento interiore da parte di Francesco. 
I contrasti interni all’Ordine, e all’interiorità stessa di Francesco, portano a parlare di un conflitto più universale, quello che riguarda le due maggiori religioni monoteistiche, Cristianesimo e Islam, che negli anni in cui visse il santo era particolarmente aspro, viste le numerose crociate organizzate dalla Chiesa Cattolica in Terrasanta. Per parlare di questo tema, il pellegrino visiterà il suggestivo Santuario del Sacro Speco di Subiaco (nel Monastero Benedettino) in cui è conservato il solo affresco che ritrae San Francesco quando era ancora in vita. Prima di tornare ad Assisi – dove Francesco morirà nel 1226, «salutato da tutti, vista la sua già enorme fama, come un santo», come dice Padre Mauro Gambetti, Custode del Sacro Convento di Assisi – il documentario farà tappa nel santuario de La Verna (nella provincia di Arezzo), dove Francesco si era ritirato negli ultimi anni della sua vita, stremato nel corpo e nello spirito, e dove ricevette le stigmate. 
Per approfondire i temi che il pellegrino affronterà nel suo percorso, anche dialogando con alcuni frati incontrati nei santuari, ci si è avvalsi del contributo di alcuni tra i maggiori esperti della vita del santo: gli storici Franco Cardini, Chiara Frugoni e Chiara Mercuri; il filosofo Massimo Cacciari; lo psichiatra Armando Piccinni. Ospiti che hanno parlato dalle sale dello splendido Palazzo Barberini a Roma, la cui direttrice, Flaminia Gennari Santori, mette in risalto la ricchissima collezione di opere d’arte che il Palazzo conserva, «dalle croci lignee del XIII secolo, ai dipinti italiani ed europei del Settecento, vantando nomi come quelli di Raffaello, Caravaggio, Bernini». 
A dettare, inoltre, le tappe della vita di Francesco, verranno letti, da Andrea Caterini, alcuni significativi brani dalla “Leggenda Maggiore” di Bonaventura da Bagnoreggio, la biografia ufficiale che per secoli ha costruito l’immaginario di Francesco, influenzando anche il ciclo di affreschi realizzati da Giotto nella Basilica superiore d’Assisi, dedicati alla vita del santo. 
Gli autori del documentario, prodotto interamente dalla Rai con telecamere 4k dotate di elevata tecnologia, sono Angelo Mellone, Giuseppe Bosin e Luca Mancini, con la collaborazione di Andrea Caterini, per la regia di Walter Romeo.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *