mercoledì, Dicembre 1, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “PAESI CHE VAI…” del 22 dicembre alle 9.40 su RAI 1: i castelli Piccolomini in Abruzzo

Anticipazioni per “PAESI CHE VAI…” del 22 dicembre alle 9.40 su RAI 1: i castelli Piccolomini in Abruzzo

paesi che vai
Anticipazioni per “PAESI CHE VAI…” del 22 dicembre alle 9.40 su RAI 1: i castelli Piccolomini in Abruzzo Risultati immagini per i castelli Piccolomini in Abruzzo rai Ci sono terre di cui tutti conoscono i tesori e altre che sembrano scrigni di bellezza, chiusi ma non sigillati, semplicemente in attesa che qualcuno vada ad aprirli per mostrarne al mondo le meraviglie. La provincia dell’Aquila è uno di questi scrigni, un forziere che si è dischiuso per le telecamere di “Paesi che vai”, programma che gode del Patrocinio del MIBACT, e ha mostrato lo splendore dei manieri che la punteggiano. Domenica 22 dicembre, alle 9.40 su Rai1, i telespettatori potranno lasciarsi guidare da Livio Leonardi, ideatore e conduttore della trasmissione, nella scoperta dei castelli e dell’avventura storica e politica della famiglia Piccolomini.  Celano, Ortucchio, Pacentro, Rocca Calascio: quattro castelli e quattro vicende di potere, di dominio, di guerra e d’amore, calate nell’atmosfera del XV secolo e ricostruite, come in una fiction storica, popolando quei castelli di dame e cavalieri, di paggi e soldati in costume d’epoca. Ed è proprio per questa sua capacità di far rivivere il passato nel racconto televisivo che Livio Leonardi è stato insignito di importanti riconoscimenti, quali la medaglia d’oro della Società Dante Alighieri per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel Mondo o il Premio Internazionale Visioni per la TV della Fondazione Civita di Bagnoregio. Oltre ai castelli che furono dei Piccolomini, si potrà ammirare la Sulmona di Ovidio, il monastero di Bominaco con i suoi miti di fondazione che portano fino a Carlo Magno e la conca del Fucino, tanto cara a Ignazio Silone. E non mancherà certo, nella rubrica “Naturosa”, uno sguardo ai sontuosi panorami del Gran Sasso e della Maiella. Per finire, un “dolce” ritorno a Sulmona e all’Eccellenza che l’ha resa famosa in tutto il mondo: si assisterà alla preparazione dei confetti tradizionali e al loro confezionamento come autentiche opere d’arte da gustare e da guardare.