sabato, Novembre 28, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film consigliato stasera in TV: “SAVING MR. BANKS” venerdì 27 dicembre 2019

Il film consigliato stasera in TV: “SAVING MR. BANKS” venerdì 27 dicembre 2019

film saving mr. banks



Il film consigliato stasera in TV: “SAVING MR. BANKS” venerdì 27 dicembre 2019 alle 21:20 su RAI 2

(none)

Saving Mr. Banks è un film del 2013 diretto da John Lee Hancock, con protagonisti Emma Thompson nei panni di Pamela Lyndon Travers e Tom Hanks nei panni di Walt Disney.

La pellicola, pur prendendosi diverse libertà circa la verità degli eventi, si ispira alla storia vera di come Walt Disney ottenne i diritti del romanzo Mary Poppins della scrittrice australiana Pamela Lyndon Travers, dopo venti anni di continue e pressanti richieste.

Nel 1961, l’autrice Pamela “P. L.” Travers viaggia a malincuore dalla sua casa a Londra a Los Angeles per lavorare con Walt Disney su sollecitazione del suo agente, Diarmuid Russell. Disney ha perseguito i diritti cinematografici per le sue storie di Mary Poppins per vent’anni, avendo promesso alle sue figlie che avrebbe prodotto un film basato su di loro. Travers ha fermamente resistito agli sforzi della Disney perché temeva ciò che avrebbe fatto al suo personaggio. Tuttavia, non avendo scritto libri per un po’, la scrittrice rischia di perdere la casa. Eppure, Russell deve ricordarle che la Disney ha accettato due importanti clausole – nessuna animazione e approvazione senza precedenti di sceneggiatura – prima che lei accetti di andare.

L’infanzia difficile della Travers ad Allora, QueenslandAustralia, è rappresentata attraverso i flashback ed è l’ispirazione per gran parte dei suoi romanzi. Travers ha sempre idolatrato il suo amorevole e fantasioso padre, Travers Robert Goff, ma il suo cronico alcolismo ha provocato ripetuti licenziamenti, ha teso il matrimonio dei suoi genitori e causato alla madre, in difficoltà, il tentato suicidio. Goff morì giovane, a causa della tubercolosi, quando Pamela aveva appena sette anni. Prima della sua morte, la sorella di sua madre, che è notevolmente ferma ma pratica, è venuta a vivere con la famiglia, che in seguito è stata l’ispirazione principale per il personaggio di Mary Poppins.

A Los Angeles, Travers è irritata da ciò che percepisce come l’irrealtà della città e la gentilezza invadente degli abitanti, personificata dal suo autista di limousine, Ralph. Nei Walt Disney Studios di Burbank, Travers incontra il team creativo che sta sviluppando la sceneggiatura: lo sceneggiatore Don DaGradi, ed i compositori musicali Richard e Robert Sherman.

Il rapporto lavorativo della Travers con Disney e la sua squadra è difficile fin dall’inizio, con la sua insistenza sul fatto che Mary Poppins sia nemica del sentimento e della fantasia. Disney e il suo team sono perplessi dal disprezzo per la fantasia di Travers, data la natura della storia di Mary Poppins, così come la ricca immaginazione della scrittrice. In particolare, ella si oppone a come viene raffigurato il personaggio di George Banks, padre estraneo dei bambini e datore di lavoro di Mary Poppins, insistendo nel dire che non è né freddo né crudele. Gradualmente, capiscono quanto profondamente siano personali le storie di Mary Poppins e quanti i personaggi siano stati ispirati dal suo passato.

Il team ha realizzato che Travers ha valide critiche e apporta cambiamenti, sebbene diventi sempre più disimpegnata a causa del riemergere di ricordi infantili dolorosi. Cercando di capire che cosa la turba, Disney invita la Travers a Disneyland, che, insieme alla sua amicizia con Ralph, le revisioni del team creativo al personaggio di George Banks e l’aggiunta di una nuova canzone (L’aquilone) e un finale diverso, aiuta a dissolvere le opposizioni di Pamela. La sua creatività si risveglia e inizia a lavorare con la squadra; tuttavia, quando scopre che Disney ha programmato una sequenza interamente animata a mano, si confronta con Disney sulla sua promessa fallita e torna a casa.

Disney apprende che P. L. Travers è in realtà il suo pseudonimo, preso dal nome del padre. Il suo vero nome è Helen Goff, e in realtà è australiana, non inglese. Questo dà a Disney una nuova visione della scrittrice, e lui la segue a Londra. Arrivando inaspettatamente alla sua porta, Disney le dice che anche lui ha avuto un’infanzia tutt’altro che facile, ma sottolinea il valore curativo della sua arte. Egli esorta la Travers a non lasciare che le delusioni del passato profondamente radicate dettino il presente, così la donna cede, concedendo a Disney i diritti cinematografici.

Tre anni dopo, nel 1964, Mary Poppins tiene la sua prima mondiale al Grauman’s Chinese Theatre ad Hollywood. La Disney non ha invitato la Travers, temendo come potrebbe reagire con la stampa. Esortata da Russell, la Travers si presenta senza preavviso all’ufficio di Disney, che a malincuore le porge un invito. Inizialmente, la scrittrice osserva Mary Poppins con una mancanza di entusiasmo, in particolare durante le sequenze animate. Si avvicina gradualmente al resto del film, tuttavia, diventando profondamente commossa dalla raffigurazione della crisi personale e della redenzione di George Banks.

Regia di John Lee Hancock

Con Tom Hanks ed Emma Thompson

Fonte: WIKIPEDIA



Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *