sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Ovidio, L’Arte di Amare – Ritorno al libro I

Ovidio, L’Arte di Amare – Ritorno al libro I

ovidio

OVIDIO – L’ARTE DI AMARE. L’opera si divide in tre libri, i primi due dedicati agli uomini con la conquista della donna (la preda) e la tecnica da impiegare, mentre il terzo alle donne per come proporsi e come comportarsi. Il poema, scritto nel periodo in cui Augusto cercava di mettere un freno ai liberi costumi dei suoi cittadini con le leggi matrimoniali, costò ad Ovidio l’esilio a Tomis sul mar Nero (oggi Costanza). Traduzione e introduzione di Ortensio Celeste RL S.P.A. editore 2017 – Un libro da leggere.

Ritorno al libro I. 723 – 738 Bando alla abbronzatura.

In un marinaio la carnagione chiara proprio non va: uno che va per mare ed è esposto ai raggi del sole deve essere bello abbronzato; e non va neanche per un contadino, che passa il suo tempo all’aria aperta a rivoltare la terra con il vomere ricurvo e i pesanti rastrelli; e, se il tuo corpo non sarà abbronzato, non andrà bene neanche per te che cerchi di ottenere la gloria della corona sacra a Pallade. Ogni innamorato sia segnato dal pallore, perché questo è il colorito che va bene per un innamorato, questo gli si confà, a questo non c’è persona che non attribuisca efficacia. Pallido per Side andava errando Orione per i boschi, e pallido per la ritrosa Naiade era Dafni. Contribuisca anche una generale debilitazione a rivelare il tuo stato d’animo e non vergognarti di mettere il cappuccio in testa, anche se ha dei bei capelli. Le notti insonni, le preoccupazioni e il dolore per un grande amore indeboliscono il fisico ai giovani. Per poter soddisfare il tuo desiderio devi suscitare compassione, tanto che le parole di chi ti vede possano essere “ Ma tu sei innamorato!”

739 – 754 Ogni uomo è un potenziale rivale.

Cosa devo fare? Lamentarmi o avvertirti del fatto che non si riesce più a distinguere tra cosa è bene e cosa è male? Amicizia è solo una parola vuota, una parola vuota è lealtà. Secondo me non è cosa sicura decantare tanto l’oggetto del tuo amore con il tuo compare, così poi crede alle tue lodi e si fa sotto lui.        “ Ma no, Patroclo non ha profanato il letto di Achille! Almeno con Piritoo Fedra è stata una donna onesta! Per Ermione Pilade provava lo stesso affetto che Febo prova per la sorella Pallade, lo stesso tipo di affetto che per te, Elena, provava il gemello Castore” Se c’e’ chi spera che possa essere ancora così, speri pure che dia frutti il tamarisco e vada a cercare il miele in mezzo al fiume. Alla gente piacciono solo le sconcezze e ognuno ha a cuore il proprio piacere, di cui si è contenti anche se nasce dal dolore di un altro. Ah, che vergogna! Non è dal nemico che deve guardarsi l’innamorato. Sta lontano da chi credi fidato, e sarai tranquillo. Sta attento al parente, a tuo fratello, all’amico caro: è questa la razza di gente che ti offrirà motivo di aver veramente paura.

755 -770 Bisogna comunque adattare le tecniche di conquista alla preda prescelta.

Stavo per finire, ma purtroppo ogni ragazza ha un cuore diverso: tanti caratteri ci sono, tante strategie escogita per conquistarli. Neppure il terreno è capace di produrre tutto dovunque: c’è quello adatto per la vite, quello adatto che vede fiorire l’olivo e quello che fa bene al grano. Ci sono tanti caratteri come esistono tante fisionomie: chi è intelligente si adatterà ad una enorme quantità di caratteri e, come Proteo, ora diventerà fluido per confondersi con acque leggere, poi si farà leone, poi albero, poi un cinghiale dal pelo ispido. In un punto i pesci vengono catturati con una piccola rete, in un altro con l’amo, questi altri si tirano su con quelle reti che si richiudono tirando una corda. Quindi non andrà bene che tu ti serva di un’unica strategia per tutte le età: una vecchia cerva, ad esempio, le vedrà da una certa distanza le trappole. Se ti mostri esperto con quella che esperta non è, o sfacciato con quella ritrosa, la donna perderà subito ogni sicurezza in sé stessa, poverina. E così poi succede che prima si spaventa di mettersi nelle mani di un uomo per bene e poi va a cadere tra le braccia di un uomo volgare e peggiore del primo.

771 – 772 Passaggio al libro II.

E’ terminata una parte dell’opera e della fatica resta da compiere una parte. Gettiamo l’ancora e fermiamo qui la nave.

NOTA. 1– E’ l’atleta colui che ambisce alla corona della vittoria sacra a Pallade. 2- Orione, Side, Naiade e Dafni: ancora come paragone riferimenti mitici, come anche Patroclo, Achille, Piritoo e gli altri, che abbondano in Ovidio. 3 – Il tamarisco (Tamerice) detto anjhe tamericio, o cipressina o scopa marina, è  un arbusto che vegeta vicino al mare e non dà frutti, e così le api non vanno in mezzo ai fiumi a fare miele.4 Passiamo ora al libro II.

Luciano Magnalbò

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net