martedì, Dicembre 7, 2021
Home > Mondo > Cina, addio a Li Wenliang: diede l’allarme sul Coronavirus

Cina, addio a Li Wenliang: diede l’allarme sul Coronavirus

cina

Cina – Abbiamo appreso ieri pomeriggio della morte dell’oftalmologo cinese 34 enne, Li Wenliang che lavorando in un ospedale di Wuhan, per primo diede l’allarme, riconoscendo che i sintomi presentati da alcuni pazienti assomigliavano alla Sars. Poi la smentita. Il medico si sarebbe in realtà trovato in fin di vita, ma ancora vivo. La #BreakingNews era stata lanciata dal Global Times, giornale comunista e nazionalista di Pechino. Anche il Quotidiano del Popolo aveva espresso «il cordoglio nazionale». Quindi la speranza: “Il dottor Li ha avuto un arresto cardiaco, è in rianimazione, stiamo cercando di salvarlo”, avevano comunicato dal suo ospedale.

Ieri sera i social cinesi erano pieni di messaggi di cordoglio e di rabbia tanto che dopo un annuncio della sua morte, ne era appunto seguita una smentita, fino alla comunicazione ufficiale dell’ospedale di Wuhan alle 2.58 ora di Pechino. Li Wenliang è deceduto.

Per primo, a dicembre, Wenliang aveva notato in Cina 7 casi sospetti e subito si era allertato, denunciando il pericolo ai suoi colleghi ed alle autorità locali che non solo non hanno raccolto la sua testimonianza ma l’hanno invitato a tacere. L’immagine di Li, giacente sofferente nel suo letto, ricoverato dopo un mese in ospedale, contagiato dal Coronavirus, che mostra il suo tesserino diidentità, e avverte i connazionali della presenza e diffusione del virus è diventata presto virale.

Li ora, nella sua Cina è riconosciuto come un eroe che ha sfidato il sistema, pur di salvare in tempo delle vite.

Anna Maria Cecchini

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net