lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Marche > San Benedetto: Via Roma bloccata e continui disagi dopo l’apertura di un cantiere

San Benedetto: Via Roma bloccata e continui disagi dopo l’apertura di un cantiere

via Roma di nuovo bloccata

Il disagi infiniti e l’ingorgo sulla intasatissima via Roma

Oggi poco dopo le 14 gli interminabili disagi causati da oltre un mese alla centralissima via Roma di San Benedetto dall’apertura di un maxi cantiere sono sfociati nella paralisi della viabilità per l’impossibilità degli autobus a proseguire a causa di una vettura parcheggiata nella strettoia causata dai lavori edili.

Nonostante le reiterate e vibranti proteste dei residenti per l’apertura di un maxi cantiere nella trafficatissima strada centrale della cittadina rivierasca , già continuamente intasata dal transito di decine di autobus l’ora provenienti dalla vicina stazione ferroviaria, non sono stati adottati i necessari provvedimenti facilitare il transito e per garantire il parcheggio ai residenti che pagano il permesso annuale, ed infine si è giunti alla paralisi della viabilità nel pomeriggio di oggi.

E’ bastato infatti che una Fiat Punto parcheggiasse nello spazio di fronte al maxicantiere non essendosi il conducente accorto del novello divieto di fermata perchè il primo bus sopraggiunto non potesse proseguire creando una interminabile fila di torpedoni che bloccavano il transito fin quasi al piazzale della stazione.

Tanto tuonò che piovve evidentemente non essendosi voluto prestare orecchio alle sacrosante proteste dei residenti di via Roma, già regolari contribuenti del canone annuo per i parcheggi a pagamento che oggi non possono più utilizzare poichè indisponibili.

Infatti a memoria d’uomo nessuno dei numerosi cantieri edili che continuamente intasano ulteriormente il transito si era spinto addirittura a voler occupare uno spazio maggiore di quello del regolare parcheggio, giungendo a impedire la fermata di fronte al cantiere stesso ed esponendo la viabilità al rischio -poi puntualmente verificatosi – che al primo parcheggio sbadato il centro cittadino andasse in tilt.

E dalle informazioni assunte dalla redazione risulterebbe che l’autorizzazione all’occupazione di suolo pubblico sciaguratamente concessa al cantiere in questione durerà addirittura almeno fino a maggio con le disastrose conseguenze facilmente immaginabili soprattutto nei giorni di mercato del martedì e del sabato.

Cos’altro dire? Non resta che sperare che un minimo di buon senso finalmente illumini le autorità competenti per porre fine al disastro autorizzato.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *