sabato, Ottobre 24, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film di avventura consigliato in TV: “Indiana Jones e l ‘Ultima Crociata” giovedì 26 marzo 2020

Il film di avventura consigliato in TV: “Indiana Jones e l ‘Ultima Crociata” giovedì 26 marzo 2020

film indiana jones e l'ultima crociata

Il film di avventura consigliato in TV: “INDIANA JONES E L ‘ULTIMA CROCIATA” giovedìì 26 marzo 2020 alle 21:00 su IRIS (Canale 22)

Risultati immagini per INDIANA JONES E L'ULTIMA CROCIATA POSTER

Indiana Jones e l’ultima crociata (Indiana Jones and the Last Crusade) è un film del 1989 diretto da Steven Spielberg, con Harrison Ford , Sean Connery ed Alison Doody nonché terzo episodio cinematografico della tetralogia di Indiana Jones.

«L’archeologia si dedica alla ricerca dei fatti, non della verità… perciò toglietevi dalla testa città abbandonate, viaggi esotici e scavi in giro per il mondo; noi non seguiamo mappe di tesori nascosti, e la “X” non indica mai il punto dove scavare!»
(Indiana Jones)

Utah, 1912. Indiana Jones, giovane scout, cerca di impedire che la croce d’oro di Coronado cada in mano di alcuni trafficanti di reperti. La strappa dalle mani dei criminali con lo scopo di consegnarla alle autorità affinché possa stare in un museo, e dopo un duro inseguimento, giunge a casa. Il padre è però troppo preso dai suoi appunti per ascoltarlo, e il giovane è costretto a rendere la croce ai trafficanti poiché, come si viene a scoprire, lo sceriffo, sopraggiunto a casa sua, è dalla loro parte, e li riconoscerà quali “legittimi proprietari” del manufatto. Nel 1938, ventisei anni dopo, sulla costaportoghese un ormai adulto Indiana Jones lotta nuovamente per la croce, ma questa volta riesce a recuperarla, portarla al college dove insegna e mostrarla all’amico Marcus Brody.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 220px-Chiesa_di_San_Barnaba_-_Venezia.jpg
La chiesa di San BarnabaVenezia, utilizzata come location per gli esterni della biblioteca lagunare.

Jones viene contattato dal miliardario Walter Donovan affinché lo aiuti nella ricerca del Santo Graal, il calice usato da Gesù Cristo nell’Ultima Cena e nel quale fu raccolto il sangue del Redentore. Le ricerche del mitico reperto, giunte a buon punto in seguito alla scoperta di un’indicazione su di una tavola di pietra spezzata, erano state poi interrotte dalla misteriosa sparizione di uno degli archeologi impegnati: proprio Henry Jones Sr., padre di Indiana.

Partito per Venezia, Indy fa la conoscenza dell’archeologa Elsa Schneider, con la quale raggiunge l’indicazione gemella di quella della tavola di pietra, scolpita su uno scudo di un sarcofago nelle catacombe di una chiesa sconsacrata e riconvertita in biblioteca. Il ritrovamento viene però ostacolato dalla “Fratellanza della Spada Cruciforme”, un gruppo segreto che protegge il Graal; da Kazim, il loro capo, Indy apprende che il padre è tenuto prigioniero dai nazisti nel castello di Brunwald, al confine tra Austria e Germania.

    Il tempio che custodisce il Graal ad Alessandretta, nella realtà El Khasneh di Petra, in Giordania.

Dopo aver scoperto il doppiogioco di Elsa – in realtà in combutta coi nazisti – Indy libera l’anziano professore, scoprendo in seguito che è stato il Reich tedesco a mettere a capo Donovan della missione di recupero del Graal. Jones riesce a fuggire insieme al padre, non prima di aver recuperato a Berlinol’importante libretto di appunti del padre.

Durante il ritorno dalla Germania a bordo di un dirigibile Zeppelin, i due sono costretti a fuggire impossessandosi di un aereo e riescono a raggiungere Alessandretta. Nel deserto devono lottare contro gli uomini di Donovan e nella sanguinosa sparatoria Kazim e tutti i membri della “Confraternita della Spada Cruciforme” rimangono uccisi. Giunti nell’antico tempio di Alessandretta, dove è custodito il Graal, i due devono nuovamente confrontarsi con i tedeschi e con Donovan, interessato al calice per l’immenso potere che ne deriverebbe, che ha già mandato a morire tre dei suoi uomini.

Minacciato da Donovan, che ha ferito gravemente il padre, Indy è costretto ad affrontare tre difficili prove per raggiungere la stanza del Graal e salvare la vita al genitore; superatele, si trova faccia a faccia con il cavaliere crociato che da 700 anni custodisce il calice, il quale gli propone l’ultimo enigma: tra tante coppe nella stanza, deve sceglierne una, per poi berci, il vero Graal. Pena di un eventuale errore è la morte. Il sopraggiunto Donovan sbaglia e muore, mentre Indy riesce nell’impresa e salva il padre. Una condizione però lega il possessore del Graal: il calice non può uscire dal tempio. Elsa, cercando di portarlo via, precipita in un crepaccio apertosi improvvisamente nel pavimento e perde la vita. Indiana, caduto a sua volta nel crepaccio, è costretto a scegliere tra la salvezza e il Graal: sceglierà la fuga, sotto lo sguardo benevolo del cavaliere guardiano. Dopo l’addio al cavaliere, Indy e i suoi compagni fuggono dal tempio, cavalcando verso il tramonto.

Regia di Steven Spielberg

Con Harrison Ford , Sean Connery ed Alison Doody  

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *