mercoledì, Gennaio 27, 2021
Home > Marche > Autonomi e Partite Iva Marche – lettera aperta al governatore Ceriscioli

Autonomi e Partite Iva Marche – lettera aperta al governatore Ceriscioli

marche

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta indirizzata al presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, a Rodolfo Pasquini, Dirigente dell’ARS Marche e all’Assemblea Regionale Marche dall’Associazione Politico-Culturale “Autonomi e Partite IVA”: Il sottoscritto Stefano Agranni, Coordinatore Regionale per le Marche dell’Associazione Politico-Culturale “Autonomi e Partite IVA” evidenzia a codesti Onorevoli destinatari alcune importanti valutazioni che dovranno necessariamente essere considerate quale spunto di riflessione e di azione per una adeguata strategia operativa a salvaguardia degli interessi della nostra terra marchigiana.

Non vi è dubbio che dopo l’8 marzo 2020 tutto il mondo è cambiato e ciò comporta una rivisitazione non solo dei comportamenti civici, da parte dell’intera popolazione marchigiana e nazionale, ma anche una differente gestione operativa del comparto economico aziendale e delle attività autonome che rappresentano la vera “spina dorsale” della nostra Regione come quella dell’intera Nazione Italia.

Purtroppo visti i provvedimenti posti in atto dal Governo centrale, pur tenendo conto delle Istituzioni nelle proprie costituzionali competenze, li riteniamo inadeguati o comunque indiscutibilmente insufficienti per affrontare la grave crisi economica che si profila in tutta la sua gravità e ferocia nel prossimo futuro.

Non intendiamo spingerci oltre nella valutazione di tutti i provvedimenti posti in atto dal Governo centrale, così da scongiurare una quanto meno sterile ed inutile critica che non porterebbe a nulla se non quello di lasciare noi tutti liberi di evidenziare il terrore e la paura che ci attanaglia quali cittadini italiani, quali autonomi, professionisti ed imprenditori.
Ciò che ci prefiggiamo, nel ruolo di rappresentanti dell’imprenditoria marchigiana e nazionale è di proporre, e sperare, in un’azione forte e di grande impatto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *