sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Lazio > Allo Spallanzani il riconoscimento di Mattarella. D’Amato: “Fiero del team”

Allo Spallanzani il riconoscimento di Mattarella. D’Amato: “Fiero del team”

spallanzani

“Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto insignire dell’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica un primo gruppo di cittadini, di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l’emergenza del coronavirus.

I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali”. Così in un comunicato del Quirinale.

Del team presso l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani
di Roma – struttura di eccellenza della sanità pubblica fanno parte sono stati insigniti Maria Rosaria Capobianchi, a capo del team che ha contribuito a isolare il virus, Concetta Castilletti, responsabile della Unità dei virus emergenti, Francesca Colavita, Fabrizio Carletti, Antonino Di Caro, Lucia Bordi, Eleonora Lalle, Daniele Lapa, Giulia Matusali, biologi.

“Stamani appresa la notizia ho telefonato alla dottoressa Capobianchi a capo del team e scherzosamente le ho chiesto: ora come ti devo chiamare? E lei ha risposo: sempre Maria. Sono orgoglioso dell’Istituto Spallanzani e del Sistema sanitario regionale per la gestione del COVID-19.

Fiero degli operatori dello Spallanzani, in prevalenza donne, che hanno ricevuto questa importante onorificenza dal Presidente della Repubblica a testimonianza, attraverso di loro, di un impegno di tutto il sistema sanitario regionale.

Adesso la sfida continua, lo Spallanzani e la Regione Lazio sono impegnate per la ricerca del vaccino, un bene comune poiché il COVID verrà definitivamente sconfitto nel momento in cui sarà disponibile per tutti e senza limitazioni di accesso il vaccino”. Così sul proprio profilo Facebook Alessio D’Amato – assessore alla sanità della Regione Lazio.

Nel Lazio a ieri si registrano 7 casi positivi ai quali si aggiungono 3 recuperi di notifiche. Sono 33 i guariti e 6 i decessi. Continuano ad aumentare i guariti che sono 4.188 totali. Effettuati inoltre circa 73 mila test sierologici tra operatori sanitari e forze dell’ordine che hanno consentito dall’inizio di individuare 157 positivi asintomatici al tampone, ultimo un farmacista a Roma.

In occasione delle riaperture è stato potenziato il contact tracing e ogni giorno c’è una riunione operativa con le Asl sui tracciamenti.
“Dobbiamo mantenere alta l’attenzione anche in questa fase per evitare di disperdere i risultati finora acquisiti -spiega l’assessore alla sanità Alessio D’Amato- Proseguono le attività per i test sierologici. All’Istituto Spallanzani è stato attivato il servizio di follow-up. A Palestrina è stato riaperto l’ospedale all’attività ordinaria, mentre il drive-in dell’ospedale San Giovanni sarà operativo anche la domenica”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net