sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Lazio > La Giustizia tutela i minori? Un “sit-in” per sensibilizzare le Autorità

La Giustizia tutela i minori? Un “sit-in” per sensibilizzare le Autorità

osservatorio

Si terrà oggi, giovedì 11 giugno, a Piazza Montecitorio il sit-in indetto dall’avvocato Carlo Priolo, Presidente dell’Associazione Verità che, insieme al Dr. Michelangelo Letizia, hanno indetto per sensibilizzare le autorità
circa gli allontanamenti ingiustificati dei minori dalle loro famiglie.

Un sit-in che segue l’interrogazione della Parlamentare del gruppo misto, On. Veronica Giannone, a cui ha risposto il Ministro Bonafede.
Parte attiva sarà la Signora Giada Giunti, di cui diverse volte abbiamo scritto e che ancora non riesce ad incontrare il figlio allontanato e che i magistrati non hanno ancora ascoltato.

Interverranno diverse le mamme, evidenziando di fatto un problema che non è limitato ad una determinata area geografica, ma assai diffuso in tutta Italia, tanto che in molti sono del parere che sia necessario apportare opportune modifiche alle norme vigenti e risolvere la questione anche per una maggior tutela dei minori e dell’istituzione della famiglia.

Nello specifico si chiede quindi che vengano ascoltati i bambini, che ne hanno pieno diritto e che invece spesso vengono trascurati da magistrati sostituendo le loro audizioni con perizie, che potrebbero lasciare adito ad interpretazioni discutibili.

Sono diversi i casi “dubbi” oltre quello della Giunti, parliamo quindi anche quella della sig.ra Luana Valle. Spesso i motivi dell’allontanamento risalgono ad una attribuzione di patologia della madre che è la
“sindrome di alienazione parenterale”.

Tuttavia il 5 Giugno il Ministro della Salute Roberto Speranza ha risposto all’interrogazione della Senatrice Valente :
“la cosiddetta sindrome di alienazione parentale (PAS) non corrisponde ad una sindrome…è una parola definitiva: la Pas non è una patologia e non può essere utilizzata nei processi di separazione, specie nei casi
di violenza domestica”.

Sensibilizzare le Autorità competenti è il motivo scatenante di questo sit-in che, in un momento determinato nelle sue caratteristiche dalla presenza del Covid-19, non può certamente trascurare di tutelare i minori.

Di seguito il comunicato stampa che il Presidente dell’associazione Verità ci ha gentilmente inviato.

“L’avv. Carlo Priolo presidente dell’associazione Verità Altre assieme al direttore di Paeseroma, Dr. Michelangelo Letizia comunicano che giovedì 11 giugno dalle ore 15,00 alle ore 17,00 si troveranno a Montecitorio per un Sit In per sensibilizzare le Autorità sugli allontanamenti ingiustificati dei minori dalle loro famiglie. Saranno presenti, con le dovute precauzioni previste dal protocollo anti Covid 19, Autorità dei Diritti Umani, politici, avvocati, genitori a cui hanno sottratto i figli. Si parte dal caso di Giada Giunti, mamma coraggio accusata di “simbiosi” alla quale è stato allontanato il figlio 4 anni fa, che non lo incontra da un anno, ed in merito alla questione il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha risposto alla interrogazione parlamentare presentata dall’On.Le Giannone: “ … il pieno diritto di ascolto del minore considerato che nel caso trattato sembrerebbe essere completamente trascurata la volontà di quest’ultimo”.

Unitamente all’analogo caso della mamma Luana Valle ed altre vicende similari di altre mamme. E’ del 5 giugno la risposta del Ministro della Salute Roberto Speranza alla interrogazioneparlamentare della senatrice Valente: “la cosiddetta sindrome di alienazione parentale (PAS) non corrisponde ad una sindrome…è una parola definitiva: la Pas non è una patologia e non può essere utilizzata nei processi di separazione, specie nei casi di violenza domestica”. Le mamme accusate di PAS ed allontanate dai propri figli, chiedono di rivalutare le decisioni emesse dai giudici ed il ritorno a casa dei
propri figli, “urlano” il loro dolore di una vita che non è vita senza coloro ai quali hanno donato la vita.

Invocano quella giustizia tanto agognata che certamente le Autorità accoglieranno. Chiedono ai Ministri Bonafede e Speranza di ascoltare la volontà dei propri figli, così come previsto dalla nostra Costituzione,
dalle leggi nazionali ed internazionali. Le mamme parleranno con il cuore, aspettando il rientro a casa dei propri figli ed insieme pronunceranno il loro appello: “ascoltate la volontà dei nostri figli”.


Ettore Lembo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia