martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Buongiorno con le poesie di Fausto Desideri

Buongiorno con le poesie di Fausto Desideri

fausto desideri

Fausto Desideri è un Uomo dalle sublimi virtù etiche e spirituali. Ha una disposizione naturale a fuggire il male e fare il bene, perseguito come fine a sé stesso.

Marcata in lui è la responsabilità deontologica, ovvero il senso del dovere, segnatamente in rapporto a particolari situazioni sociali, all’insieme delle norme riguardanti i diritti.

Vibrante e profonda è la sua adesione ai valori spirituali, siano essi inerenti la vita sociale siano essi inerenti la vita religiosa o i movimenti filosofici e letterari.

Egli crede in un Essere Supremo ed è scevro di qualsiasi pregiudizio per le differenze di credo religioso. Di seguito la poesia scelta per la giornata di oggi dalla sua corposa produzione.

La vita

Questa vita spesso
è una follia.
Troppo spesso
sì agisce
senza avere coscienza di ciò che si fa.
Si soffre
senza sapere il motivo della tristezza
ed allora si usa
la corazza della solitudine
o lo scudo del cinismo
per abbattere le colonne
della paura o del desiderio smodato,
colonne che sorreggono la volta
del tempio dell’invidia.

Troppo spesso
guardiamo solo il nostro ego,
solo le ombre
nella nostra anima:
edonismo e potere,
senza pensare che un paradiso vuoto
è peggiore dell’inferno.
Senza pensare
a vivere il minuto
e non bramare gli anni.
Senza pensare
che il sogno è fatto di piccoli sogni,
come il sole di tanti piccoli raggi.

Perciò cerchiamo con azione e coraggio
di combattere per la libertà, l’uguaglianza e la fraternità
perché questa vita
diventi un atto di Eroismo.
… Di pensieri, parole,ed opere.

Fausto Desideri

PROFILO UMANO

E’Uomo di ottima reputazione e di temperamento amichevole. I suoi caposaldi esistenziali sono l’amore fraterno, la carità e la verità. Fausto Desideri manifesta sempre  tolleranza e deferenza nei confronti degli ideali altrui e si comporta con affabilità e benevolenza verso i propri simili. Aiuta chiunque sia in difficoltà. Fausto Desideri si impegna nella società con opere di bene, elargendo contributi o il proprio volontariato. Precipuamente agisce a favore di Ospedali, Istituti di ricerca, Istituzioni per anziani, per orfani. Fausto Desideri interagisce moltissimo con la società, perché si trionfino i valori della Libertà, dei Diritti Civili e della Verità. Questo costante impegno produce una tensione evolutiva verso i più elevati valori morali . Il suo più grande anelito è quello di creare un tempio universale che aggreghi l’intera Umanità in un etra di Amore e di Armonia. Fausto Desideri lavora molto su sé stesso, con finalità l’evoluzione, la sublimazione dello spirito, anche attraverso catartiche meditazioni, riflessioni ed approfondimento dei valori etico-estetici e morali universali. E’ instancabile nel diffondere il pensiero positivo, indirizzando finalizzando questa sua iniziativa all’ottimizzazione dello stato di condivisione dei principi etici e filantropici, anteponendo l’Umanità a sé stesso ed auspicando di essere lui stesso un valore aggiunto nella crescita spirituale degli altri.  Crede in un Creatore, non pone limiti alla ricerca della verità, il suo concetto di fratellanza è aperto a tutti gli uomini (di ogni nazione, razza e credenza), lotta contro l’oscurantismo in ogni sua manifestazione. Fausto Desideri, sensibile agli aspetti filosofici e sociali del mondo, è a favore della libertà di religione e di pensiero politico. E’ paladino della libertà dell’uomo, della dedizione alla patria e della fratellanza universale. Modello da seguire, è un eccelso modello di “cittadino del mondo”!


Prima est eloquentiae virtus perspicuitas.

Prima virtù dell’eloquenza è la perspicuità. (II, 3, 8)

Quintiliano

Maièutica s. f. ([dal gr. μαιευτική (τέχνη), propr. «(arte) ostetrica», «ostetricia», der. di μαῖα «mamma, levatrice»]. – Termine con cui viene generalm. designato il metodo dialogico tipico di Socrate, il quale, secondo Platone (dialogo Teeteto), si sarebbe comportato come una levatrice, aiutando gli altri a «partorire» la verità: tale metodo consisteva nell’esercizio del dialogo, ossia in domande e risposte tali da spingere l’interlocutore a ricercare dentro di sé la verità, determinandola in maniera il più possibile autonoma. (http://www.treccani.it/vocabolario/maieutica). Ed è questo che Fausto fa (affermazione estremamente soggettiva di chi scrive). Fausto è molto sottile, estetizzante, sul limes de bizantinismo dialettico, quando preterisce (vale a dire quando glissa, omette, passa sotto silenzio assunti, tematiche topiche). Fausto è uno psicologo, dotato di potente insight (FREUD).

In psicanalisi, in psicologia, la capacità di vedere dentro una situazione, o dentro sé stessi, quindi, in genere, percezione chiara, intuizione netta e immediata di fatti esterni o interni; questo sign. generico (espresso anche con la corrispondente forma ted. Einsicht) ha acquistato accezioni specifiche in psichiatria e in psicanalisi, per indicare l’intuizione e la consapevolezza dei proprî sentimenti, delle proprie emozioni (i. emozionale) e dei moventi del proprio comportamento (i. intellettivo), ma, segnatamente, rilevare tutto ciò nell’animo altrui. Fausto è genotipicamente anelante di attingere il sublime reame dello scibile universale e, se possibile, esponenzialmente. Non è un neo, bensì il portato del suo DNA curioso. Il suo immmane magistero dialettico-comunicativo è prismatico ed immediato, la sua vis mentis “tracimante”! Avverte, incoercibile, l’istanza di tradurre in realtà tutte le policrome fantasie che gli corruscano nel NOUS, nella mente, una mente trascendente, fuori dall’ordinario. Peculiarmente sensibile, sul limes della medianicità, è una miniera, una fucina di idee! Non ama sentirsi alitare sul collo. Desiderio di volare, di volare ed ancora di volare, corroborato da una buona dose di futuristiche novità. Fausto ha una sorta di radar pivotante, una cospicua percezione, id est capta tutto ciò che gli prilla intorno.

Il suo potenziale noumenico è un apeiron, uno sconfinato archivio cibernetico-informatico di ecumenismo culturale. Per Fausto, la comunicazione è una specie di melica bussola che lo guida tra i dialleli dell’esistenza. In virtù dei rimbalzi della sua comunicativa, vale a dire della percezione che egli stesso ha dell’impatto delle sue parole sulla platea, Fausto effettua frequenti catabasi tra le tortuose latebre del proprio Es e lì assiste al cruento manicheismo, agli ininterrotti conflitti tra i propri Eros e Tanathos (*) che poi centrifuga verso la superficie (reactio) con superlative, dialettiche anabasi, extratemporali, permeate di riscatto e speranza, irradiate da luce metafisica. E’ così che Fausto magistralmente emancipa le urla agghiaccianti di un Es relegato in buie segreta (archetipo umano collettivo), ansioso di evadere dalla notte delle emozioni e di reificarsi, ovvero di tradursi nei pragmatici termini dell’esistenza reale. Similmente ai rizomi che si insinuano nelle viscere della terra per dare linfa all’albero, così le catabasi tra i meandri dell’Es, tra i dialleli senza più apparente egresso, tra le buie segreta dove confliggono Eros e Tanathos, per Fausto costituiscono tonica linfa esistenziale, per conoscere, combattere, sconfiggere l’orgoglio e le tentazioni, per convertire tutto ciò in elato, suadente e centripetante magistero comunicativo.

(*) Eros e Tanathos (Empedocle)

Nell’epistemologia psicanalitica di Sigmund Freud, Eros rappresenta la pulsione di vita (creatività), mentre Tanathos rappresenta la pulsione di morte (distruzione). Fausto ha istanza di abiurare qualsiasi inquietudine, qualsiasi diffidenza, per lasciare spazio alla pace, alla fiducia. Calma, naturalezza, semplicità dei sensi, sono questi gli intarsi del suo cammino, in una cornice di bellezza e di amore. Fausto afferma ( e me lo ha detto anche nella Sala della Protomoteca del Campidoglio, venerdi 20 dicembre 2019) che non  ama parlare, che preferisce scrivere. Sarà vero!?

Ovidio

(Heroides, 4, 10)

Dicere quae puduit, scribere iussit amor!

Amore consiglia di scrivere ciò che non osiamo dire a voce!

LA POETICA DI FAUSTO DESIDERI

Con la sua poetica, Fausto Desideri ha posto in essere un irrefutabile quanto icastico e complesso divenire di sé stesso. La sua poetica è un messaggio contro il depauperamento dei principi morali, è un invito a ciascuno individuo a ritrovare misericordia e devozione, un’esortazione ad abiurare l’egocentrismo, l’egoismo, la cupidigia, una sollecitazione all’empatia per le disgrazie altrui.Fausto Desideri  postula che gli ideali di attenzione e cura benevola tra gli uomini possono essere concretizzati soltanto tramite l’emancipazione dalle seduzioni consumistiche e dalle catechizzazioni sovrastrutturali. Soltanto così si possono creare i tempi e gli spazi, deflegmati da qualsiasi impurità, per la catabasi nel proprio es, per indagare negli anfratti più reconditi della propria essenza.

E’ necessario librarsi in alto, oltre la dimensione fisica, che ci limita, che ci interclude una più ampia visione, realizzabile soltanto con l’aspetto ontologico dell’essere umano, l’unico che ci può essere d’ausilio nel discernere il manicheismo luce-tenebre. La poetica di Fausto Desideri è un iter mentis ad deum, uno strumento per mezzo del quale il Poeta auspica una resurrezione, dando voce alla ricerca ed alle eco dell’anima, con l’intento di incontrare e di divulgare valori infinitamente grandi e preziosi, che non hanno né principio né fine, vale a dire mutua considerazione, autodeterminazione, consapevolezza franca da coercizioni, discernimento svincolato da aberranti condizionamenti. Con la sua poetica, Fausto Desideri si lascia trasportare dalle onde imperscrutabili dell’esistenza, fino a rimodellare la propria interiorità, fino a sperimentare, transitando per abrasioni psico-animiche, la gioia ineffabile dell’universalità. Fausto Desideri adotta canoni lirici sui generis, preferendo la meraviglia delle impressioni e delle sensazioni soggettive non vagliate in modo razionale e critico, piuttosto che l’analisi positivista, come pure le figure retoriche, piuttosto che il rigore semantico-letterario. Fausto Desideri, in virtù della sua sottile e vivace, percettiva fantasia, elicita il fruitore delle sue poesie ad annichilire gli stereotipi, a ponderare l’idea di inusitati scenari, di inusitati punti di osservazione, da cui riprendere il cammino.

Attraverso la poesia, che è l’oggettivazione lirica della propria essenza, Fausto Desideri platonicamente ricerca la vitalità della natura nella sua totalità, assimilata a un unico organismo vivente. Ricerca il principio unificante da cui prendono forma i singoli organismi, i quali, pur articolandosi e differenziandosi ognuno secondo le proprie caratteristiche singolari, risultano nondimeno vincolati tra loro da una tale comune Anima universale. Il repertorio poetico di Fausto Desideri è un’ambrosia, cibo dell’immortalità di cui si nutrivano gli dei omerici. Con la sua ambrosia Fausto Desideri nutre i cuori umani, attingendo cacumi di prelibatezza nel vernacolo romanesco, in cui la realtà propria e immutabile delle cose e la schietta autenticità germinano senza tortuosità dall’esperienza di un Uomo ormai proiettato in un universo luminoso, dopo aver attraversato le fosche lande del non indispensabile e quelle buie della gloria di un giorno. L’essere umano, sperduta monade, soltanto per mezzo della fede, per mezzo della costante ed ininterrotta volontà di conoscenza dell’assoluto, può elevarsi al di sopra del suo percorso terreno. La poesia di Fausto Desideri è una sollecitazione ad osare, a resistere anche quando si cade e bisogna ricominciare tutto daccapo. La poetica di Fausto Desideri, permeata di Amore, nella sua globalità, è una policroma e pedagogica fantasmagoria, è un ordito di sinestesie, un rapido susseguirsi di immagini, suoni, colori che colpiscono vivamente i sensi e la fantasia.

LIBERO IL SAPERE

Libero il sapere tra parole e simboli,

guidi la tua mente verso la ragione,

perché la luce danzi al centro della vita

e le abitudini non siano una prigione.

Così un fuoco scintillante arderà nel cuore,

illuminando il sentiero della libertà;

il mare sarà quello della conoscenza,

da navigar sulla barca della verità.

E potrai seminare nella terra giusta,

quella della Speranza, i sogni, i desideri,

e far volar per il cielo aperto e limpido,

liberi come aquile, tutti i tuoi pensieri.

Quello sarà il tempo che tu potrai vedere,

che tu potrai abbracciare e baciare la gente,

che tu potrai ascoltar la voce del silenzio

ed odorare il profumo del presente.

(Autore: Fausto Desideri – Tratta dalla silloge edita “Dal buio alla luce”

*

Libero il sapere tra parole e simboli,

Libero il sapere, non dogmatico, e non v’è interpretazione data come legge per alcuna di queste parole o di questi simboli.

guidi la tua mente verso la ragione,

Ergo, il sapere libero, emancipato da qualsiasi sophisma auctorictatis, guidi la tua mente (conduca il tuo compasso) verso la ragione (verso il logos, seconda persona della Trinità, Cristo, Figlio, Logo, Parola, Verbo).

perché la luce danzi al centro della vita

Perché la luce (coscienza, conoscenza, verità, Dio) danzi al centro della vita (“Io sono la via, la verità e la vita” Commento al vangelo – Gv 14,1-6).

e le abitudini non siano una prigione.

E gli stereotipi, la non conoscenza, la materia (orfismo) non siano una zavorra, un labirinto esistenziale.

Così un fuoco scintillante arderà nel cuore,

Agente vivificatore e purificatore per eccellenza, il fuoco è un elemento che eleva tutte le cose ad un grado maggiore di perfezione.

illuminando il sentiero della libertà;

“Io sono la via <il sentiero> , la verità e la vita” Commento al vangelo – Gv 14,1-6.

il mare sarà quello della conoscenza,

Matrice primigenia della vita e della rigenerazione, rigenerazione nella conoscenza.

da navigar sulla barca della verità.

Mare da navigare sulla barca …

“Passa la nave (barca, allegoria dell’esistenza) mia colma d’oblio
per aspro mare, a mezza notte, il verno,
enfra Scilla e Cariddi; ed al governo
siede’l signore, anzi’l nimico mio”

(Petrarca)

… della verità.

“Io sono la via, la verità e la vita” Commento al vangelo – Gv 14,1-6.

Una vita, dunque, da vivere all’insegna della rigenerazione della conoscenza, della conoscenza divina.

E potrai seminare nella terra giusta,

Un seme è un quantum di energia che attiva un processo. Un seme è l’impulso che avvia il processo e la volontà del Creatore. Il seme è lo spirito stesso dell’Uomo, che avvia il processo di generazione che ha esigenza di acqua (il mare) per avviare l’iter di generazione.

quella della Speranza, i sogni, i desideri,

La Speranza è la Virtù che consegna la nostra volontà a quella divina che, fluendo essa stessa verso di noi, ci indica le Verità Eterne, che  svela come deve essere la nostra completa illuminazione.

e far volar per il cielo aperto e limpido,

Volare è l’anelito più diffuso ed appagante in assoluto. Questo anelito è classico negli Artisti, desiderosi di fuggire dalla realtà (già lo fanno con l’Arte) ed elevare lo spirito.

liberi come aquile, tutti i tuoi pensieri.

Possente e maestosa è l’Aquila, superbamente libera nei cieli. L’Aquila, Essere di Luce. Universalmente contemplata come emblema celeste e solare, come condizione spirituale superiore.

La catarsi, l’iter mentis ad deum si sta per compiere. L’individuo è uscito dal buio dell’acqua stagnante del suo individualismo e sta per immergersi nella luce dell’acqua vivificante dell’universalità. E’ il trionfo, è il passo finale verso la completezza e la totalità dell’essere, verso l’abbraccio con le stelle, con l’intero creato!

Quello sarà il tempo che tu potrai vedere,

che tu potrai abbracciare e baciare la gente,

che tu potrai ascoltar la voce del silenzio

ed odorare il profumo del presente.

IL SENTIERO DELL’ANIMA

Lungo il sentiero dell’anima,

(Fausto Desideri)

Itinerarium mentis (animi) in Deum

Sulla scorta dell’estetica teologico-filosofica agostiniana, che trae afflato dalla consapevolezza della propria dimensione di essere umano, della propria intima coscienza spirituale, …

“Noli foras ire, in te ipsum redi, nam in intimitate hominis regnat verum.
Non uscire fuori, rientra in te stesso: nell’interiorità dell’uomo abita la verità.”

Sant’Agostino

… postulato inderogabile per la trascendenza verso la conoscenza e l’amore di Dio, San Bonaventura chiarisce i molteplici gradini di questa anabasi verso Dio: scorgere Dio in ogni cosa del Creato, …

lì dove la vita è assorta ad ascoltare la vita,

(Fausto Desideri)

… cercare di raggiungerlo addentrandosi in queste cose, percepirlo manifesto in noi e trovare la sua immagine nei penetrali della nostra anima. Adergersi quindi ad una condizione di anagogia, ove i tratti di Dio risplendono di purezza e limpidezza, ove si interrompe qualsiasi dialettica conoscitiva e la mente indugia in sublime “colta insipienza”. E’ questo il momento in cui l’anima, salendo l’ultimo gradino, si fonde con Dio, nella sua estasi, mentre l’essenza più genuina della mente percepisce l’irrorazione ininterrotta della grazia divina.

lì dove l’acqua incontra la terra,

(Fausto Desideri)

L’acqua

Archetipicamente l’acqua è meditazione, percezione, tenerezza, estetica, abnegazione, liberalità, estro creativo, fiducia, carisma medianico, affabilità, delicatezza. L’acqua ha una valenza allegorica molto elevata. E’ emblema di vita, di inconscio e di catarsi. L’acqua è la via obbligata del sentimento, dell’emozione, della sensibilità, della compassione.

La terra

La terra è sostanza, edonismo, pragmatismo, edificazione, ordine, costanza, determinazione, perseveranza. La terra è simbolo di fecondità, di accettazione della vita. La terra è capacità di analisi e di sintesi, indulgenza, cautela, virtù, responsabilità.

L’acqua irriga la terra con le sue emozioni, con i suoi sentimenti, con la sua sensibilità. L’acqua scuote la terra dal suo razionalismo. La terra da struttura all’acqua, riportandola al senso della realtà, recuperandola da mondi immaginari, arginandola con bilanciato materialismo.

lì dove l’aria incontra il fuoco,

(Fausto Desideri)

Il fuoco

Il fuoco è vigore , movimento, passionalità, corporeità, espansività, intraprendenza, estro, leadership, reattività. Il fuoco è energia cosmica, raggiante, stimolante, latrice di calore nel mondo. Il fuoco è individualità, autoaffermazione, potere, coraggio, sfida, entusiasmo, fede, forza di volontà.

L’aria

L’aria è spirito, fantasia, creatività, parola, elasticità, singolarità. L’aria è metamorfosi, intelletto, compromesso, estemporaneità, rapidità. L’Aria è l’energia dello spirito, è emblema di elevazione. L’aria è  il respiro, il soffio vitale. L’aria è libertà, l’aria è indipendenza.

Il fuoco scalda l’aria scuotendola dalla sua superficialità, facendo da contrappeso alla sua ingenuità, dando colore e forma alla sua evanescenza. L’aria sfuma e disperde la volontà aggressiva ed impositiva del fuoco, ma ne alimenta l’energia.

In un dialogo muto,

(Fausto Desideri)

un ossimoro epifanico, pregnante, più eloquente di lunghi discorsi.

tu con gli occhi aperti all’orizzonte cerchi tra  le tue emozioni.

(Fausto Desideri)

L’orizzonte, sul mare (acqua), è il punto in cui confluiscono l’acqua (emozioni) e l’aria. L’acqua, oltre ad essere archetipo di emozione, è anche simbolo di conoscenza, di saggezza. In “Giovanni, 4, 13-14”, l’acqua che disseta per sempre, che permette l’entrata nella Vita Eterna, è il simbolo di una conoscenza che abbiamo dentro di noi. Orizzonte, dal greco horos (“confine”). L’orizzonte è il limite di un’indagine o di un’idea, ciò che compendia qualsiasi  cosa entro di sé e restringe un determinato significato. L’orizzonte configura inderogabilmente un limite. Guardare con gli occhi aperti all’orizzonte significa non poter andare oltre un limite. Cercare tra le proprie emozioni significa cercare la conoscenza che abbiamo dentro di noi, l’acqua che disseta per sempre.

Cerchi tra la tua travagliata malinconia

(Fausto Desideri)

Il significato allegorico di “malinconia” è quello di “colui ch’è sottoposto alle prove”. Un’allegoria in cui un taumaturgo divino assegna le prove da superare per conquistare la “trionfante libertà ”. Durante le prove a cui la vita ci sottopone, la sensazione di desolazione provoca un male di vivere : le notti buie dell’anima. Le prove producono inquietudiniche cominciano con il processo di cambiamento di sé stessi: cambiare interiormente per evolversi. La metamorfosi interiore è un fenomeno che si fonde con la sensazione di malinconia, di sconforto dell’anima. Ogni cosa sembra eclissarsi, ma in realtà è un lasciare spazio ad una dimensione più ampia.

… petali di ricordi.

(Fausto Desideri)

Nel Fiore dell’Apocalisse, i suoi petali rappresentano i quattro elementi della natura (Fuoco, Acqua, Terra, Aria) ottimamente bilanciati.

lì dove l’acqua incontra la terra,

lì dove l’aria incontra il fuoco,

(ibidem Fausto Desideri)

Questo bilanciamento sta a rappresentare il rigermogliare della vita dallo scrigno dei ricordi, per germinare così l’Armonia.

E speri che una invisibile mano prenda la tua mano

(Fausto Desideri)

L’anima scende dall’invisibile realtà spirituale,

e ti porti ai confini dell’esistenza

(Fausto Desideri)

per indurre l’uomo a comportarsi secondo i progetti della vita.

per un abbraccio con l’infinito.

(Fausto Desideri)

L’uomo capace di risvegliare il proprio cuore, percorrendo il sentiero dell’anima, diventa apostolo dell’umanità, per un abbraccio con l’infinito.

E speri che lontano dal fulgore  del sole

(Fausto Desideri)

Il sole è una forza cosmica, collegata alla mente, all’intelletto, alla razionalità. E’ patente l’istanza in divenire di abiurare, in questo momento, l’anelito di qualsiasi razionalità.

sotto il bagliore delle stelle,

(Fausto Desideri)

E’ necessario lasciare spazio alle stelle, simbologia di intuizione, di risorse interiori, di voce che viene da dentro.

i sogni sulle ali del tramonto

(Fausto Desideri)

In silenzio, lasciar volare i sogni, in quest’universo che muta colore.

inizino a vagare, tra miraggi lontani,

(Fausto Desideri)

E con i sogni vagare, tra policrome anamorfosi di fate morgane, ma parlando alla propria anima, agghindati altro se non della propria anima.

alla ricerca dell’ armonia universale

(Fausto Desideri)

Alla ricerca della centralità dell’afflato tra fratelli. Sentire l’anima di un fratello come parte della propria anima. E per questo:

Quod ab alio oderis fieri tibi, vide ne tu aliquando alteri facias.

Panem tuum cum esurientibus et egenis comede, et de vestimentis tuis nudos tege.

Ciò che non vuoi che gli altri facciano a te, tu non lo fare agli altri.

Mangia il tuo pane con gli affamati e con i tuoi vestiti copri i nudi.

Tobiae 4:16-18 Biblia Sacra Vulgata (VULGATE)

e che la realtà cominci la fuga da se stessa.

(Fausto Desideri)

Tautologica abiura della razionalità in un icastico afflato di romantico esotismo.

Speri che…

(Fausto Desideri)

La Speranza è la Virtù che fa si che la nostra volontà sia sostenuta dall’azione divina che ci guida alle Verità Eterne, alla nostra perfetta illuminazione, così come la Fede ce le svela. La Speranza è totalmente off-limits se non supportata dalla Fede, poiché è solo la Fede che da la Speranza.

in questo teatro delle seduzioni,

(Fausto Desideri)

“O voi ch’avete l’intelletti sani, / Mirate la dottrina che s’asconde / Sotto il velame de li versi strani”. Dante Alighieri Inferno IX vv 61-63.

Monito allegorico a far attenzione al teatro delle seduzioni.

il cuore inizi un concerto di toccanti melodie;

(Fausto Desideri)

Il concerto è allegoria della vita reale. Un’esortazione all’autoanalisi, a tirare le somme, ad analizzare le esperienze vissute per tentare di capire cosa si è appreso fino ad ora e cosa è necessario ancora essere sperimentato ed imparato.

con l’anima come direttore d’orchestra

(Fausto Desideri)

Il direttore d’orchestra è l’armonia con il mondo, è l’anima in armonia con il mondo.

ed il tempo seduto in Platea

(Fausto Desideri)

Che cos’è il tempo? Forse un’illusione dei sensi? Il tempo è un invito alla meditazione, una meditazione in platea, tra la gente.

ad applaudire l’eterna permanenza dei sentimenti.

(Fausto Desideri)

Una meditazione che plaude ed applaude l’eterna permanenza dei sentimenti.

… lungo il sentirò dell’anima.

(Fausto Desideri)

Per tutto il futuro, eterno “sentirò” dell’anima, dall’alfa all’omega del suo sentiero, del sentiero dell’anima.

[17/1, 08:11] Fausto Desideri: Precious Academy

                                Svenska Akademien

                                LITTLE. Box 2118

                                SE-103 13 Stockholm

We Roberto Morassut,

Born in Rome on November 16th 1963.

Degree in modern letters and Member of the Italian Parliament since March 19th 2018. Former member of the finance and environment commissions and since September 13th 2019 Secretary of State for the protection of the territory and the sea, in the current government of the Italian Republic,

 are honored to propose the candidacy of Italian writer-poet Fausto Desideri for the award of the 2020 Nobel Prize in Literature.

His non-fiction and poetic work (over 3100 poems) insists on human and existential problems of the contemporary world.

With a Degree in Educational Science, psychosocial branch of studies, he is also:

specialized in psychology;

member of the Steering Committee of the LIDU (Italian League of Human Rights);

member of the Scientific Committee of the Association “Nel Nome del Rispetto”;

Knight of the Italian Republic since December 27th 1985;

Decorated for distinguished service during military service.

Some of his literary works have been translated into English and Chinese.

In this regard, a public reading of his works will be held in China the following month of April, including those collected in books published by the Gioachino Belli Publishing House:

– Roundtrip;

– The second trip;

– From darkness to light;

– The island at the bottom of the dream;

– Human rights;

– The lost word;

– The seventh seal;

– From soul to soul.

Works in the course of completion:

– The thousand faces of love;

– The path of the sword;

– The duties of man.

Fausto Desideri is currently the President of the “Cultural Academy”, an academy dedicated to the great Italian poet Gioachino Belli. It is in this prestigious Academy that the current President has organized numerous artistic and literary awards.

The poet has been attracted to the seduction of poetry since childhood.

Since the age of 11 he dabbles in composing verses.

He is an enlightened, visionary and passionate organizer.

Very appreciated are his poetry, acting, painting courses, courses of national and international importance, activities that involve also Italian prisons as well as schools.

The meeting with the Chinese Cultural Delegation, held at the Ministry of Italian Culture, has been rich in perspectives.

An all-round artist, Desideri is a tireless and enthusiastic person, generous in putting himself at the service of citizens and institutions, who entrust him, among other things, with multiple positions of responsibility.

All this attains to the person, admirable and edifying corollary of the individual but, as is obvious, the ultimate reason for this candidacy is the artistic creation which however contaminates the work itself. It is good to read and internalize the poetic creation of Fausto Desideri: it’s like spreading our wings and rising up breaking through the thick blanket of the times that oppress us and prevent us from distinguishing the right from the unjust, the good from the bad, the piétas from the indifference.

Taken from the published sylloge”The seventh seal” – Fausto Desideri.

    “… How can we talk about peace,

    we who, now soul predators,

    and inhabitants of Babel,

    demolish the world every day

    raising strongholds of fear.

    How can we talk about peace

    we love thieves

    silent accomplices of soul and

    dream massacres   

    considering man to be the means and not the end.

    We who steal with the sound of bombs

    the serenity and affections of fathers and mothers,

    carrying with planes, ships, trucks,

    only hateful days.

    How can we talk about peace

    we who use fire to destroy,

    the sea to plunder it,

    the air to make us fly death,

    the earth as a grave of feelings.

    For this, man, it’s time to start again,

    to give birth to the dream of a time

    of fraternity, of equality.

    And not among the empty words

    of having, of just seeming

    tools of power

    but it’s time to learn to live… “

His poetry can be seen as an initiatory path, aimed at realizing a rebirth through redemption from the pains that afflict the world: selfishness, indifference, gain for gain, exasperated materialism; Furthermore, it allows invaluable and eternal treasures to be found in the reader: free knowledge, autonomy of judgment, inner freedom and mutual respect, which is “Amor Humanitatis” and not “Amor sui”.

These are certainly known but still essential themes, from Eastern Wisdom to the pre-Socratics, to the metaphysical cathedrals of philosophies and religions, whose ultimate goal, beyond various doctrinal contents, is unique: to restore the human to himself, to the fullness of the self .

Taken from the published sylloge”The seventh seal” – Fausto Desideri.

“… We live in a theater with only one spectator

    and billions of actors,

    of an everlasting show:

    of fake equality,

    of brotherly cunning,

    of false freedom. “

Give yourself the momentum to immerse in the “katabasis” of life, mold yourself in the spirit until you reach, through the lacerations of the body and the wounds of the soul, the unspeakable experience of totality.

With his poetry, Desideri makes a poetic attempt: to bring to the attention of those who have a conscience the indifference and the cynicism of the contemporary world, a world that has only one absolute religion: the possession and power that only money can give.

No one better than the artist, with the volatile and excessive use of  imagination, can help the reader to overturn the most nested ideas, identifying new paths, new clearings and internalizing other values. More simply, it encourages us to cultivate the now neglected ideals.

The poet invites us to search for the “Anima Mundi”.

His poetics are like an arrow: it has only one trajectory, the straight line.

It hits the target or dies from its inertia. It aims to the reasons of the heart.

Desideri wants to tell us that the art has an educational function when focusing on themes that form a reason for redemption and it postulates a new humanity, alert and trained for a distant mission and yet careless of the siren song. Thus the miserable and tome man in the universe, through the rediscovery of Humanitas and the incessant search, can become greater than his own destiny

The work of Fausto Desideri that we will submit to the evaluation of this illustrious Academy is an invitation …

… it is an invitation to perseverance, courage and continuous research, even if every time you will find yourself at the starting point, seduced by the imperative of economic growth and by the accounting logic, losing, day after day, the soul of the night fly that marks our uniqueness, our sacredness and the ultimate reason for existence.

His message is clear: we need an elaboration of the psychology of the soul with a psychology of the image as its foundation.

One of his great teachers, James Hillman, summarizes: “there is an invisible connective tissue in the poetic image that constitutes its essence. And we cannot reach the symbols of the soul without love”.

It is evident that in his sapiential training Desideri was able to learn freely from “Teachers” listening to their decisive word, capable of producing metamorphoses of the personality, to the point of teaching, therapeutically, to live and die.

In this era where everything is consumed immediately, where everything runs fast as a wave on a corrosive ocean, we must still hear, among incessant and confused babelic appeals, the universal calls that poets like him offer us as a trait of union, it belongs to them by right, between the inexpressible and our internal communications … our final destiny.

Taken from the published sylloge “From darkness to light” – Fausto Desideri.

“… Freed the knowledge among words and symbols

    you guide your mind to reason

    so the light dances at the center of life

    and habits are not a prison.

    Thus a sparkling fire will burn in the heart

    By illuminating the path of liberty,

    the sea will be that of knowledge

    to sail on the boat of honesty.

    And you can sow in the right land,

    that of dreams, desires, hopes

    and fly through the open and clear sky,

    free as eagles, all its thoughts.

    In that time you will see,

    that you will hug and kiss all,

    that you will hear the voice of silence,

    and the scent of today you will smell… “

[17/1, 08:16] Fausto Desideri: Personal information                   

Name

DESIDERI FAUSTO

Address

Via Ardeatina n.13

 00042 Anzio

Phone

3287462849

E-mail

desiderifausto@gmail.com

Nationality

Italian

Date of birth

May 22, 1948

Fiscal Code

DSD FST 48 E 22 H 501 R

From 27 December 1985 Knight of the Italian Republic

During military service decorated for distinguished service

Work experience:

• Year                  

2014 – to the present

• Name and address of the employer

Lazio Region

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Member of the Committee of Strategic Control and Evaluation of Executives and Anti-corruption of the Lazio Regional Council

• Main tasks and responsibilities       

Supervision and control of the assigned objectives

• Year

2005 – 2014

• Name and address of the employer

Province of Rieti

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Member of the Strategic Control and Evaluation Committee of the Executives of the Province

• Main tasks and responsibilities

Supervision and control of the assigned objectives

• Year

2003 – 2014

• Name and address of the employer

Province of Rome

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Member of the Strategic Control and Evaluation Committee of the Executives of the Province

• Main tasks and responsibilities

Supervision and control of the assigned objectives

• Year

2008 – 2010

• Name and address of the employer

Lazio Region       

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Member of the Strategic Control and Evaluation Committee of the Managers of the Region

• Main tasks and responsibilities

Supervision and control of the assigned objectives

• Year

May 2006 – September 2009

• Name and address of the employer

RISCOSSIONE SICILIA SPA

• Type of business or sector

Tax collection

• Kind of employment

Managing Director

• Main tasks and responsibilities

Management of all corporate delegations

• Year

1997 – January 2009

• Name and address of the employer

DEAS SRL

• Type of business or sector

Private company

• Kind of employment

General Manager

• Main tasks and responsibilities

Regarding all business activities

• Year

01/03/2003 – 31/12/2003       

• Name and address of the employer

National Civilian Service

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Advisory service

• Main tasks and responsibilities

Management Advice

• Year

June 2005 – 2008

• Name and address of the employer

Presidency of the Council of Ministers – Department of Public Administration

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Member of the Civil Service Guarantors Committee

• Main tasks and responsibilities

Control and evaluation of Public Administration managers disputes

• Year

2006 – 2008

• Name and address of the employer

Municipality of Rome – Human Resources / I.T./ Local Police Department

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Head of the Department Secretariat

• Main tasks and responsibilities

Supervision of all activities related to the staff of the Municipality of Rome   

• Year

2006 – 2007

• Name and address of the employer

SOGEI IT

• Type of business or sector

Public Administration I.T.

• Kind of employment

Advisory Service with Operational and Management Delegations

• Main tasks and responsibilities

Advisor for the computerization of local taxation and relations with local authorities

• Year

04/21/2000 – 2002

• Name and address of the employer

 Presidency of the Council of Ministers – Department of Public Administration

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Advisory service

• Main tasks and responsibilities

Member of the Steering Committee of the “Management Control: Best Practice” Project on behalf of DEAS SRL

• Year

1999 – 2000

• Name and address of the employer

Municipality of Rome

• Type of business or sector

Public Administration                    

• Kind of employment

Advisory service

• Main tasks and responsibilities

Organization and set up of Human Resources of the Municipality of Rome

• Year

2001

• Name and address of the employer

Presidency of the Council of Ministers – Civil Protection Dept.

• Type of business or sector

Public Administration

• Kind of employment

Advisory service

• Main tasks and responsibilities

Study for the creation of the Civil Protection Agency, with particular reference to issues relating to the Mission, organization and internal and external articulation of the new structure.

• Year

1994 – 1997

• Name and address of the employer

A.C.M. Services s.c.r.l.

• Type of business or sector

Private company

• Kind of employment

Joint General Manager

• Main tasks and responsibilities

Start-up management of the FIAT consortium of Melfi with all operational powers

• Year

1987 – 1994                          

• Name and address of the employer

CEFOR SPA

• Type of business or sector

Banking

• Kind of employment

Manager

• Main tasks and responsibilities

Responsible for recruiting in the system of Italian Banche Popolari, and for training and organizational development of the affiliates

• Year

1974 – 1987

• Name and address of the employer

I.B.M. ITALY

• Type of business or sector

I.T. services

• Kind of employment

Internal and external staff management

• Main tasks and responsibilities

Internal and external personnel management, with increasing levels of responsibility in the Personnel Management Area and in the SW Development Department

• Year

1973

• Name and address of the employer

• Type of business or sector

• Kind of employment

• Main tasks and responsibilities

Voluntary assistant lecturer, Department of Sociology (prof. Antiochia)

Education and training                     

• Year

1973

• Name and type of education or training institution

University of Rome “La Sapienza”

• Main subjects / professional skills studied

• Qualification achieved

Degree in Educational Science, psychosocial branch of studies

Personal skills and competences

First language

ITALIAN

Other languages

FRENCH

• Reading ability

reasonably good

• Writing skills

reasonably good

• Oral expression skills

reasonably good

Relationship skills and competences

Excellent ability:

to operate actively with internal and external interlocutors of the various organizations;

to interact with the institutional and situational context of the operating moment;

to quickly and effectively activate a complex organization;

to act firmly and incisively in interpersonal challenging relationships;

social intelligence, i.e. prediction and understanding of the interlocutor’s motivations, expectations and behaviors and psychological elements of the context in order to manage interactions effectively and constructively;

to interact “in parallel” with several people;

to have an “open  office”, to communicate with everyone;

to “bear” emotional pressure, contain the negative effects of stress, not multiplying the emotions.

Organizational skills

Analysis and design of socio-technical systems: change, product and process problems, organizational development in function of socio-economic transformations and technological evolution (internal and external environment).

Organizational check-up: analysis skills and techniques of the various company functions (diagnosis and measurement of efficiency, power relations, communication and control processes, structures and organizational changes, corporate culture and its influence on processes decision-making), evaluation of potential, positions, performances.

Technical skills and competences

Human Resources Management and Evaluation Systems / Local Taxation / Organization / Control Systems

Management Advisory

Other skills and competences

Coordination and company setting with particular reference to the start up phases

Driving LICENCE

B driving license

Further information

Member of the Scientific Committee of ASCOFORMAZIONE, a company that takes care of the development and innovation of taxation / collection, of the Steering Committee of ASSOINTERIM (trade association of companies for temporary work)

Committee member in the SSPAL competition for public managers

Responsible for research and implementation in the One Stop Shop for Production Activities in some Municipalities of Basilicata and Puglia, on behalf of DEAS SRL

Coordinator of the activities of the CITY MANAGERS (members of the ANCI) where he has set up numerous researches on management and social issues.

Councilor of the EURISPES LAZIO Association

Vice President of PUBBLITECNICA (Institute of Operational Assistance and Research of CISPEL and ANCI) for Municipal Companies (water, electricity, gas, transport)

President of FORMAT (ASSOINTERIM Training School)

Vice President of ARTIGIANSOA (ARTIGIANCASSA-ANCI company)

President of the European Institute for Work Safety and Environmental Protection

(IESA – Law 626/94)

President of the Gioacchino Belli Academy Author of two thousand and seven hundred poems and eight books of the same, as well as speaker of various conferences on Roman Culture.

Knight of the Italian Republic

He also collaborated with:

Italian Exchange Office

ANCI CNC

Ascotributi

Civil Protection

Italia Lavoro

Basilicata Region

Bank 2000

Banca Popolare di Verona

C.R. of Rimini

B.P. Jonica

Consiel

CONI

C.S.E.

FORMEZ

Consorzio Banche Popolari

Artigiancassa

Banca del Fucino

ConfCommercio

Autonomous Agency for the Management of the Register of Municipal and Provincial Secretaries

Registered with the National Board of Psychologists of the Lazio Region

Postgraduate courses, in the area of ​​Organization and Business Planning, Personnel Management, Industrial Relations and EDP, Control Systems

 _______________________________

[17/1, 10:45] Fausto Desideri: Il cartaceo va inviato a questo indirizzo

Svenska Akademien

P.O. Box 2118

SE-103 13 Stockholm

Penso, però, che sia opportuno contattare la segreteria, sekretariat@svenskaakademien.se , per conferma.

LA PIETRA FILOSOFALE

Secondo Aristotele la Terra risulterebbe composta da quattro elementi: terra, acqua, aria, fuoco.

Oltre a ciò, secondo la cosmologia aristotelica, ogni singola particella di materia presente nell’Universo risulterebbe costituita da un quinto elemento: l’etere. Elemento inalterabile, privo di peso, noto pure  come quintessenza. Secondo gli alchimisti l’etere sarebbe il maggior composto della pietra filosofale. La pietra filosofale o lapis philosophorum risana la corruzione della materia. Tra le sue varie virtù va citata la capacità di trasmutare in oro i metalli vili. Essendo l’oro contemplato come un metallo immortale, riuscire a trasmutare un metallo vile in oro significa rendere immortale un corpo mortale. L’oro è simile alla luce, a sua volta simile allo spirito (Dio è luce). Trasmutare i metalli vili in oro significa dunque trasmutare la materialità in spirito. Nella lirica “Il sentiero dell’anima”, Fausto Desideri cita i quattro elementi aristotelici acqua, terra, fuoco e aria. L’etere-quintessenza e la pietra filosofale non vengono direttamente citati, ma la lirica ne è pregnante.

Littera enim occidit, spiritus autem vivificat.

Infatti la lettera uccide, lo spirito invece vivifica.

Parole di s. Paolo, nella 2a lettera ai Corinzî 3, 6

La frase è talora ripetuta per contrapporre all’interpretazione letterale di un testo, l’interpretazione del pensiero riposto nelle parole. La pietra filosofale, dunque, è l’elemento topico per la trasmutazione dei metalli in oro, emblema di immortalità, di luce, di spirito. La lirica “Il sentiero dell’anima” è ageminata di spiritualità. Nella poesia Fausto Desideri ha trovato la sua pietra filosofale, la sua immortalità, la sua luce, la sua spiritualità.

IL SENTIERO DELL’ANIMA

Lungo il sentiero dell’anima,

lì dove la vita è assorta ad ascoltare la vita,

lì dove l’acqua incontra la terra,

lì dove l’aria incontra il fuoco,

In un dialogo muto,

tu con gli occhi aperti all’orizzonte cerchi tra  le tue emozioni.

Cerchi tra la tua travagliata malinconia

… petali di ricordi.

E speri che una invisibile mano prenda la tua mano

e ti porti ai confini dell’esistenza

per un abbraccio con l’infinito.

E speri che lontano dal fulgore  del sole

sotto il bagliore delle stelle,

i sogni sulle ali del tramonto

inizino a vagare, tra miraggi lontani,

alla ricerca dell’ armonia universale

e che la realtà cominci la fuga da se stessa.

Speri che…

in questo teatro delle seduzioni,

il cuore inizi un concerto

di toccanti melodie;

con l’anima come direttore d’orchestra

ed il tempo seduto in Platea

ad applaudire l’eterna permanenza dei sentimenti.

… lungo il sentirò dell’anima.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia