domenica, Agosto 1, 2021
Home > Mondo > Peste bubbonica in Cina, l’OMS: “La situazione non è ad alto rischio”

Peste bubbonica in Cina, l’OMS: “La situazione non è ad alto rischio”

peste bubbonica

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato di “monitorare attentamente” il caso di peste bubbonica registrato nella regione interna della Mongolia, affermando però che non sarebbe ad alto rischio.

Un uomo è stato trasportato in ospedale dopo essere risultato infetto, mentre nei giorni precedenti altri due casi erano stati confermati nella provincia di Khov.

Un portavoce dell’OMS ha dichiarato che il caso è “ben gestito”. La peste bubbonica era una volta la malattia più temuta al mondo, ma ora può essere facilmente curata.

Che cosa ha detto in sostanza l’OMS? La portavoce Margaret Harris ha dichiarato: “La peste bubbonica è stata con noi ed è sempre con noi, da secoli. Stiamo esaminando i numeri dei casi in Cina. La situazione è sotto controllo”.

E ancora: “Al momento, non consideriamo sussistano rischi elevati ma abbiamo attivato un attento monitoraggio”.

L’OMS ha dichiarato di essere stata informata lunedì del caso del pastore, che è in cura presso un ospedale di Bayannur.

L’agenzia di stampa cinese Xinhua afferma che la Mongolia ha anche confermato due casi la scorsa settimana: due fratelli che avevano mangiato carne di marmotta nella provincia di Khovd.

Funzionari russi hanno avvertito le comunità della regione di Altai del paese di non cacciare marmotte, poiché la carne infetta dei roditori è una via di trasmissione nota.


La peste bubbonica, causata da un’infezione batterica, fu responsabile di una delle epidemie più mortali della storia umana – la Morte Nera – che nel 14 ° secolo uccise circa 50 milioni di persone in Africa, Asia ed Europa.

Da allora ci sono stati poi altri grandi focolai. La malattia ha ucciso circa un quinto della popolazione di Londra durante la Grande Peste del 1665, mentre più di 12 milioni di persone sono morte durante il XIX secolo in Cina e India.

Tuttavia, al giorno d’oggi, può essere trattata con antibiotici. Se non trattata, la malattia ha un tasso di mortalità del 30-60%.

I sintomi della peste comprendono febbre alta, brividi, nausea, debolezza e linfonodi ingrossati nel collo, nell’ascella o nell’inguine.

Potrebbe esserci un’altra epidemia? I casi bi peste bubbonica sono rari, ma ci sono ancora alcune riacutizzazioni della malattia.

Il Madagascar ha visto oltre 300 casi durante un’epidemia nel 2017. Tuttavia, uno studio sulla rivista medica The Lancet ha scoperto che sono morte meno di 30 persone.

Nel maggio dell’anno scorso, due persone in Mongolia sono morte dopo aver mangiato la carne cruda di una marmotta. Tuttavia, sembra improbabile che si arrivi ad un’epidemia.

Secondo quanto riportato dal tabloid britannico Mirror, sarebbero oltre una trentina le persone poste in quarantena.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.