domenica, Novembre 29, 2020
Home > Lazio > Omicidio Cerciello, arrivano dal carcere le dichiarazioni di Elder Lee

Omicidio Cerciello, arrivano dal carcere le dichiarazioni di Elder Lee

cerciello


ROMA- Il 26 luglio sarà trascorso un anno dal tragico delitto del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, presumibilmente ucciso con 8 coltellate da due ragazzi americani, mentre era in servizio. 
https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/07/26/news/roma_carabiniere_ucciso_a_coltellate_in_centro-232067432/ )
Dal carcere di Regina Coeli, uno dei presunti colpevoli, Finnegan Elder Lee, avrebbe dichiarato che sarebbe stato il vicebrigabiere ad aggredirlo.

“Lui mi è salito sopra e mi ha dato qualche pugno e poi ha iniziato a strangolarmi ed ecco perché ho tirato fuori il mio coltello. Lui ed il suo collega, mi hanno menato di brutto alla stazione e mi hanno detto che mi avrebbero dato quarant’anni se non gli davo la password del mio telefono e quindi non so se hanno trovato qualche foto o qualcosa contro di me lì dentro”. 

Sono queste le parole che avrebbe affermato il giovane americano accusato insieme al connazionale Gabriel Natale Hjort per la morte del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, che continua, 

“Mi hanno buttato a terra, mi hanno dato calci e pugni. Mi sono saliti sopra e mi hanno sputato addosso. Io e il mio amico abbiamo visto due poliziotti che si sono avvicinati di nascosto da dietro e il tizio grosso mi ha placcato, mentre quello più piccolo aveva raggiunto il mio amico. Noi eravamo rivolti verso l’altra direzione e loro stavano, avvicinandosi di soppiatto per arrivare dietro di noi e poi mi sono girato e l’ho visto tipo a un metro da me e poi mi ha placcato. Mi è salito sopra e mi ha dato qualche pugno. Poi ha iniziato a strangolarmi  ecco perché ho tirato fuori il mio coltello. 

L’ho accoltellato tipo, due volte nella pancia ma ancora continuava a strozzarmi così l’ho pugnalato finché non ha mollato la presa. Quando ha lasciato il collo, mi sono alzato per scappare via. Dopo questa esperienza, non voglio imparare l’italiano, sono così stanco di sentire questa lingua, la odio, se mai tornerò negli Stati Uniti e la gente mi fa ooh la cultura italiana, la lingua italiana, che bellezza! io dirò che sono disgustose”.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *