giovedì, Settembre 23, 2021
Home > Mondo > Esplosione a Beirut: la città chiede risposte

Esplosione a Beirut: la città chiede risposte

esplosione

BEIRUT – Gli abitanti di Beirut hanno espresso rabbia nei confronti del governo accusandolo di negligenza e di aver causato l’enorme esplosione di martedì.

Il presidente del Libano Michel Aoun ha dichiarato che l’esplosione è stata causata da 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio immagazzinate in modo non sicuro in un deposito.

Molti hanno accusato le autorità di corruzione, abbandono e cattiva gestione.

L’esplosione ha ucciso almeno 135 persone e ferito più di 4.000 soggetti. È stato dichiarato lo stato di emergenza di due settimane.

“Beirut sta piangendo, Beirut sta urlando, le persone sono isteriche e stanche”, ha dichiarato il regista Jude Chehab alla BBC, chiedendo ai responsabili della tragedia di affrontare la giustizia.

Chadia Elmeouchi Noun, residente a Beirut e attualmente in ospedale, ha dichiarato: “Ho sempre saputo che siamo guidati da persone incompetenti, governo incompetente […] Ma ti dico una cosa: quello che hanno fatto ora è assolutamente criminale “.

Mercoledì, il governo ha annunciato che un certo numero di funzionari portuali di Beirut sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa di un’indagine sull’esplosione.

Il Consiglio supremo della difesa del paese ha insistito sul fatto che i responsabili sarebbero stati sottoposti alla “massima punizione”.

Nel frattempo, Amnesty International e Human Rights Watch hanno chiesto un’indagine indipendente sull’esplosione. In una dichiarazione, HRW ha affermato di avere “serie preoccupazioni sulla capacità della magistratura libanese di condurre da sola un’indagine credibile e trasparente”.

Cosa ha scatenato l’esplosione?


Secondo quanto riferito, il nitrato di ammonio – che viene usato come fertilizzante in agricoltura e come esplosivo – era stato depositato in un magazzino nel porto di Beirut per sei anni dopo essere stato scaricato da una nave sequestrata nel 2013.

Il comandante del porto di Beirut e il capo dell’autorità doganale hanno entrambi riferito ai media locali di aver scritto diverse volte alla magistratura chiedendo che la sostanza chimica fosse esportata o venduta per garantire la sicurezza del porto.

Il direttore generale del porto, Hassan Koraytem, ​​ha detto a OTV che erano consapevoli del fatto che il materiale era pericoloso quando un tribunale ha ordinato per la prima volta che fosse immagazzinato nel deposito, “ma non a questo livello”.

Il nitrato di ammonio è arrivato su una nave battente bandiera moldava, il Rhosus, che è entrata nel porto di Beirut dopo aver subito problemi tecnici durante il viaggio dalla Georgia al Mozambico, secondo Shiparrested.com, che si occupa di casi legali relativi alle spedizioni.

Il Rhosus è stato ispezionato, e posto sotto sequestro. Il suo carico è stato immagazzinato in un deposito portuale per motivi di sicurezza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net