domenica, Settembre 27, 2020
Home > Italia > Aumentano le ondate di calore: a rischio anche le infrastrutture

Aumentano le ondate di calore: a rischio anche le infrastrutture

ondate di calore

Agosto 2020: caldo africano tutto il mese, tra canicola e qualche temporale. In aumento le ondate di calore: da qui al 2050 il riscaldamento globale rappresenterà un rischio per le infrastrutture a livello mondiale. A metterlo in evidenza è sensoworks, la startup italiana specializzata in monitoraggio infrastrutturale, che con l’occasione ha ridisegnato una geografia delle regioni piú monitorate d’italia, sottolineando però la necessità di passare dal monitoraggio statico a quello dinamico.

I ponti italiani sono mediamente più sicuri rispetto a quelli di molti altri Paesi. Liguria, Toscana, Abruzzo, Calabria ed Umbria nella top-5 delle regioni più monitorate. Ma il punto è ora sapersi adattare al futuro con sistemi di monitoraggio che stiano al passo con i tempi. «Nel momento in cui vennero ideati, i ponti del Belpaese sono stati costruiti benissimo ed anche la manutenzione è stata efficiente ed adeguata» sostiene l’amministratore delegato di Sensoworks. Oggi però le nuove tecnologie consentono di fare di più: il monitoraggio dinamico deve prendere il posto di quello statico. 

Aumentano di frequenza e di durata le ondate di calore che con il passare degli anni diventano sempre più estreme. Nel Mediterraneo l’accelerazione è stata drastica: dal 1980 ad oggi si sono aggiunti 6,5 giorni di caldo estremo ogni decennio, una situazione che diventerà ancora più critica nel ventennio 2030-2050. A lanciare l’allarme è Sensoworks (www.sensoworks.com), la startup italiana specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportata da piattaforme tecnologiche multilivello.

Il meteo di agosto? Secondo le proiezioni del Centro Meteo Europeo il rischio di caldo africano persiste per tutto il mese, tra canicola e qualche temporale. Certo è che a livello globale —a causa del climate change— le ondate di calore continuano ad aumentare, diventando sempre più persistenti.

«Da qui al 2050 il riscaldamento globale metterà a rischio la sicurezza delle infrastrutture a livello mondiale» avvisano gli esperti di Sensoworks. E non è solo il caldo ma anche il conseguente incremento dei periodi di alluvione, delle tempeste e degli uragani. Fenomeni climatici che sono aumentati in quasi ogni parte del mondo, sia in frequenza che in durata.

Secondo il Centre of Excellence for Climate Extremes (CLEX), centro di ricerca a cui aderiscono 5 università australiane, il Consiglio Nazionale delle Ricerche del governo australiano (ARC) e numerose organizzazioni internazionali, la somma delle anomalie di temperatura rispetto una determinata soglia durante i giorni di ondata di calore (calore cumulativo) sta aumentando in media a livello globale in una forbice che varia da 1 a 4,5 gradi Celsius ogni decennio. Ma in Medio Oriente ed in certe zone dell’Africa e del Sud America l’aumento raggiunge anche i 10 gradi Celsius.

Nella peggiore stagione delle ondate di calore —secondo i dati del CLEX— in Australia si sono verificati addirittura 80 gradi Celsius di calore cumulativo in più e la situazione è ancora peggiore nel Mediterraneo dove il calore cumulativo ha superato i 200 gradi Celsius. Lo studio coordinato da Sarah Perkins-Kirkpatrick dell’Università di Sydney insieme a Sophie Lewis dell’Università di Canberra è stato pubblicato questo mese su Nature Communications (www.nature.com/articles/s41467-020-16970-7).

«Sottovalutare questa situazione sarebbe un errore. Ma con il monitoraggio dinamico sarà possibile risolvere fin d’ora il problema infrastrutturale» sottolinea Niccolò De Carlo, ceo e co-fondatore di Sensoworks, startup già attiva a livello globale, con uffici anche a Boston e monitoraggi in molti Paese europei, includendo anche la Francia.

«I ponti italiani sono stati costruiti a regola d’arte ed anche la manutenzione è stata nella maggior parte dei casi adeguata. Oggi —tuttavia— le nuove tecnologie consentono di fare di più: di prevedere il futuro e prevenire un evento infrastrutturale prima che accada» puntualizza Niccolò De Carlo, sottolineando la necessità di passare da un monitoraggio statico delle nostre infrastrutture —quello caratterizzato da ispezioni tecniche sporadiche realizzate da tecnici in carne ed ossa— ad un monitoraggio dinamico, consentendo così di avere un controllo costante ed in tempo reale attraverso strumenti tecnologici all’avanguardia.

Insomma —mediamente— i ponti non sono a rischio, basta monitorarli adeguatamente. «Ma è proprio il monitoraggio l’aspetto critico per il futuro —prosegue De Carlo— perché seppure progettato alla perfezione e manutentato con grande impegno dagli enti e dalle società preposte, bisogna anche considerare che il patrimonio infrastrutturale italiano è stato ideato tenendo conto di una determinata sismicità che poi è variata nel tempo, così come è cambiato anche il contesto climatico».

Le cose cambiano, ma anche la tecnologia evolve ed oggi cambia più velocemente di prima, consentendo di potersi adeguare non solo alle nuove esigenze di oggi ma anche a quelle di domani. In questo campo Sensoworks rappresenta il futuro, un futuro perfetto dove non potranno esserci errori perché ogni scenario possibile viene preso in considerazione.

Il prodotto di punta di Sensoworks è infatti in grado di fare predizioni e fornire responsi in forma chiara e precisa, consentendo di intervenire tempestivamente quando necessario. Per questo la società romana ha aperto uffici anche in America, volendo contribuire con una tecnologia made-in-Italy ad evitare quegli scenari che purtroppo si sono verificati —ad esempio— negli Stati Uniti dove negli ultimi 32 anni sono crollati 1062 ponti.

Tutti ricorderemo nel 2018 il crollo a Miami —a pochi giorni dalla sua inaugurazione— del ponte pedonale da 14,2 milioni di dollari, progettato per durare 100 anni e per resistere ad uragani forza 5. A pochi giorni dalla costruzione, invece, le 950 tonnellate di cemento del ponte pedonale che collegava il campus della Florida International University con la città si sono schiantate su un’autostrada ad 8 corsie.

In Italia, certo, la situazione è diversa perché i criteri adottati sono tra i più sicuri al mondo. Ma è il contesto che cambia: ad esempio questo agosto —secondo le attuali previsioni— il caldo potrebbe risultare particolarmente violento. E così anche i temporali che potrebbero essere significativi.

«Le tempeste di piena estate confermano la tendenza alla tropicalizzazione, con una elevata frequenza di sfasamenti stagionali, precipitazioni intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con eventi estremi e sbalzi termici anche notevoli» osservano gli esperti di Sensoworks, che con l’occasione ha ridisegnato una geografia delle regioni più monitorate d’Italia.

Volendo fare una graduatoria delle regioni in quanto a monitoraggio infrastrutturale, facendo riferimento a dati ANAS aggiornati a gennaio 2020, Sensoworks ha calcolato il rapporto tra le ispezioni annuali obbligatorie da realizzare su quelle effettivamente realizzate ed ha aggiornato tali dati tenendo anche conto degli ultimi provvedimenti adottati, come le ispezioni recentemente disposte in Liguria, normalizzano poi i risultati in maniera tale da partire da un punteggio massimo di 100/100.

Sul podio di questa «Geografia del Monitoraggio», basata su un modello di  monitoraggio statico delle nostre infrastrutture e non su un modello di  monitoraggio dinamico che consentirebbe molto più efficacemente di avere un controllo costante ed in tempo reale attraverso strumenti tecnologici all’avanguardia, salgono la Liguria che è prima con un punteggio di 100/100, seguita al secondo posto dalla Toscana con un punteggio di 75/100 e poi l’Abruzzo che è terza con un punteggio di 70/100. A breve distanza, quarta è la Calabria che totalizza 68/100 e segue poi — a chiudere la top-5 di Sensoworks— l’Umbria con un punteggio di 65/100.

«In generale un po’ per tutte le regioni italiane le performance sono buone. Ma la vita di un ponte è comunque legata a molte variabili, includendo quella climatica, che —se mal combinate tra loro— possono portare talvolta a problemi strutturali» commenta Niccolò De Carlo.

«Oggi con Sensoworks eventuali problemi possono essere monitorati, previsti e risolti prima che si arrivi ad una situazione in cui vi sia la seppure minima probabilità che si verifichino» conclude il ceo e co-fondatore di Sensoworks. (AJ-Com.Net)

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *