domenica, Settembre 20, 2020
Home > Lazio > Lazio, ospiti positivi al Covid scappano dal centro d’accoglienza: attimi di tensione ai Castelli Romani

Lazio, ospiti positivi al Covid scappano dal centro d’accoglienza: attimi di tensione ai Castelli Romani

lazio

LAZIO- Erano circa le 9:30 di ieri quando tre ospiti positivi al Coronavirus sarebbero fuggiti dal dal centro d’accoglienza straordinario, “Un Mondo Migliore”, situato a Rocca di Papa.

A segnalare il fatto, sarebbero stati diversi residenti, che avrebbero visto tre uomini originari del Ghana alla fermata del bus della piazza di Rocca di Papa.

Sul posto sono subito intervenuti la Polizia Locale, i Carabinieri e gli agenti della municipale, che avrebbero identificato i tre uomini, denunciando anche due di questi per per atti osceni in luogo pubblico, in quanto avrebbero urinato contro un muro.

Sempre durante la giornata anche altre due donne volevano allontanarsi dalla struttura, ma fortunatamente sono state fermate.

I tre ghanesi prima di essere accompagnati di nuovo nel centro di accoglienza, sarebbero stati denunciati per aver violato la quarantena.

Dopo questo episodio, la Vicesindaca Veronica Cimino, che ha firmato una ordinanza di isolamento della struttura, sui social comunica:

“Si sono verificati problemi di ordine pubblico, che hanno impegnato diversi agenti sul territorio. Nonostante l’ordinanza sindacale che vieta in modo categorico l’ingresso e l’uscita dal centro e nonostante i controlli intensi delle Forze di Polizia, si sono verificati allontanamenti e momenti di alta tensione nella struttura.Ho ribadito al Prefetto vicario che al di là della sicurezza interna del Centro, è obbligo dello Stato garantire la sicurezza, e in particolare quella sul territorio di Rocca di Papa. Non è compito dell’Amministrazione Comunale farsi carico delle competenze dello Stato che per legge è chiamato alla gestione del sistema immigrazione in particolare nei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS), come “Mondo Migliore”. Ribadisco alla Prefettura di Roma la necessità dell’immediato trasferimento di tutti i soggetti positivi: Il CAS non può diventare centro Covid. Inoltre, chiedo alla Prefettura ancora maggiori controlli perimetrali fissi attraverso il progetto “Strade Sicure” e dunque con l’impiego dell’Esercito. L’obiettivo dell’ordinanza sindacale da me emessa ha come obiettivo il blocco degli ingressi nella struttura e il trasferimento dei positivi. Se la direzione del Centro e la Prefettura non sono in grado di garantire quanto previsto, chiederò al Ministro dell’Interno di chiudere la struttura. La sicurezza e la salute dei cittadini sono da sempre al primo posto”.

Riguardo ai trasferimenti, Domenico Alagia, direttore di Un Mondo Migliore, lo scorso 11 agosto avrebbe dichiarato queste parole:

“Si sta lavorando per la fine del cluster sanitario. Riteniamo però che le persone che sono risultate positive al Covid non debbano continuare a svolgere la loro quarantena a Mondo Migliore, ma in una delle strutture che la Regione Lazio ha adibito per questo scopo. E abbiamo fatto richiesta in merito”.

Stando alle informazioni della struttura, due persone positive al Covid-19 sarebbero state trasferite in un’altra sede destinata alla cura del virus.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com