giovedì, Ottobre 1, 2020
Home > Lazio > Sanità Privata Lazio, 1° settembre presidio per il contratto alla sede Aris

Sanità Privata Lazio, 1° settembre presidio per il contratto alla sede Aris

sanità privata

Roma –  La protesta per il rinnovo del contratto nazionale della sanità privata accreditata prosegue il 1 settembre. Le lavoratrici ed i lavoratori della sanità privata del Lazio saranno in presidio di fronte alla sede ARIS a Roma, Largo Sanità militare, dalle 10 alle 13. “Dopo 14 anni di attesa e una preintesa sottoscritta e poi ritirata dai datori di lavoro, pretendiamo la ratifica del nuovo CCNL. La protesta di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio non conosce sosta e il prossimo martedì metterà in scena il paradosso di una sanità privata alla frutta”, scrivono in una nota i segretari generali Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio, Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini.

La manifestazione si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, ma sarà aperta ai cittadini, con forme di manifestazione pacifica che rappresenteranno lo stato d’animo dei lavoratori, scegliendo simbolicamente l’anguria come frutto estivo per antonomasia. “Le angurie sono il simbolo di una rabbia sul punto di esplodere, così come di una determinazione incrollabile a conquistare il contratto. Ma sono anche la rappresentazione di un frutto che rischia di essere avvelenato dalla mancata ratifica dell’accordo sul ccnl e di mettere a repentaglio la tenuta di metà del sistema sanitario.

Durante il presidio rappresenteranno  fisicamente la protesta delle donne e degli uomini che lavorano nella sanità privata. I cittadini – proseguono Cenciarelli, Chierchia e Bernardini – cominciano a capire il senso della protesta: il sistema regionale dei servizi alla salute, che si fonda per quasi la metà su strutture private accreditate, è alimentato dai loro contributi.  

Vogliamo rendere chiaro a tutta la comunità che la questione del contratto non è solo un problema dei lavoratori, ai quali si nega il diritto al salario, alle tutele e al riconoscimento professionale, bensì una questione che riguarda i bisogni di salute di tutti: se la sanità accreditata si ferma, si ferma tutto il sistema. E non possiamo permetterlo”.

“Per questo invitiamo le associazioni datoriali che si sono “rimangiate” la firma, a essere presenti e ad avere almeno il coraggio di guardare in faccia quei lavoratori che continuano a oltraggiare. Così come invitiamo il vicepresidente di Confindustria Maurizio Stirpe”, proseguono Cenciarelli, Chierchia e Bernardini.

“La Regione Lazio deve prendere in mano la situazione in maniera incisiva”, aggiungono i segretari, “dando risposta immediata a un sistema di accreditamento finora troppo fragile e troppo sbilanciato dal lato del profitto. Serve un’azione chiara e netta: niente accreditamenti con il servizio pubblico per chi non rispetta la dignità dei lavoratori e non rinnova i contratti”.

“Ecco perché saremo di nuovo in piazza il 1° settembre e poi ancora la mobilitazione proseguirà in tutte le strutture della sanità privata, fino ad arrivare allo sciopero nazionale”, concludono Cenciarelli, Chierchia e Bernardini. “Non c’è alternativa: continueremo a lottare fino alla firma definitiva del contratto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *