giovedì, Ottobre 1, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film thriller a pranzo in TV: “Il Promontorio della paura” martedì 8 settembre 2020

Il film thriller a pranzo in TV: “Il Promontorio della paura” martedì 8 settembre 2020

film il-promontorio-della-paura

Il film thriller a pranzo in TV: “Il Promontorio della paura” martedì 8 settembre 2020 alle 13 su IRIS (Canale 22)

Il promontorio della paura

Il promontorio della paura (Cape Fear) è un film del 1962 diretto da J. Lee Thompson ed interpretato da Robert Mitchum e Gregory Peck, basato sul romanzo The Executioners di John D. MacDonald.

Considerato un classico esempio di suspense nonché il film più riuscito del regista, grazie soprattutto alle efficaci musiche di Bernard Herrmann e all’inquietante presenza di Robert Mitchum.[1]

Nel 1991Martin Scorsese ha diretto il remake Cape Fear – Il promontorio della paura, con Robert De Niro e Nick Nolte.

All’uscita da un’udienza l’avvocato Sam Bowden viene seguito fino all’auto e poi avvicinato da Max Cady, un ex-detenuto sadico. Il criminale, uscito da pochi giorni di galera, aveva scontato più di otto anni a seguito di una condanna per essere stato arrestato mentre malmenava una giovane donna, riducendola in fin di vita.

L’avvocato, testimone chiave che permise la condanna di Cady, comprende sin dal primo momento che è stato il sentimento di vendetta a spingere lo squilibrato in città, e tenta di tutelare l’incolumità della moglie Peggy e della giovane figlia Nancy rivolgendosi all’amico Mark Dutton, ispettore di polizia. L’ispettore tenta in tutti i modi che la legge gli mette a disposizione di cogliere Cady in fallo per poterlo arrestare nuovamente e garantire protezione alla famiglia Bowden ma ogni tentativo sembra vano, anche se si capisce che la violenza dell’uomo nei confronti delle donne è tutt’altro che estinta quando picchia una ragazza che successivamente si rifiuta di sporgere denuncia terrorizzata dalle possibili conseguenze. Ormai la famiglia Bowden vive in un clima di continua apprensione, ma nonostante la sorveglianza accordata alla famiglia dall’ispettore Dutton ed i continui controlli della polizia su Cady, l’uomo riesce, in un crescendo di violenza, prima ad avvelenare il cane dell’avvocato, poi a braccarne la figlia all’uscita da scuola. L’avvocato Bowden, esasperato, decide di farsi giustizia da solo salvo poi essere portato a miti consigli dalla moglie e tentare di proporre un indennizzo in denaro al criminale per garantire sicurezza alla propria famiglia. Al rifiuto di Cady, Bowden decide di accettare il consiglio del detective privato Charles Sievers, assoldato per pedinare l’ex-galeotto, e paga alcuni scaricatori di porto con l’ordine di fare in modo che Cady non disturbi più la sua famiglia. Tuttavia l’uomo ha la meglio e telefona a casa di Bowden per metterlo al corrente dell’esito dello scontro e per fargli capire che commissionando il pestaggio ai suoi danni può reputare finita la carriera da avvocato, terrorizzando al contempo la moglie, sua prima interlocutrice telefonica.

Bowden comprende che la situazione diventa ogni giorno più critica e chiede aiuto all’ispettore Dutton per tendere una trappola a Cady; l’ispettore non può aiutarlo direttamente, ma lo fa affiancare da un vicesceriffo della contea. Con una propria finta partenza, Bowden fa credere a Cady di aver lasciato moglie e figlia sole in una casa galleggiante di loro proprietà ormeggiata su un fiume, tornando nottetempo per sorvegliare la zona insieme al vicesceriffo. Arrivato in zona, Cady non impiega troppo tempo ad accorgersi della presenza di una sorveglianza all’abitazione galleggiante e ad eliminare il vicesceriffo per poi levare gli ormeggi ed allontanarsi nella casa galleggiante in compagnia della signora Peggy. Bowden, trovato il corpo del vicesceriffo, insegue la casa galleggiante alla deriva sul fiume, salvo una volta arrivato a bordo essere informato dalla moglie che tutta la manovra era un diversivo per farlo allontanare dalla figlia Nancy, reale obiettivo dello squilibrato. L’avvocato corre in direzione del capanno dal quale la figlia stava cercando senza sosta di contattare lo sceriffo, ma viene bloccato da Cady con il quale ingaggia una lotta. In un attimo di lotta meno concitata l’avvocato ritrova sua figlia, impaurita nell’erba alta ma incolume, e le intima di scappare. Alla fine Bowden riesce a prendere una pistola ed a far fuoco contro Cady, il quale, ferito, gli intima di ucciderlo perché tanto non gli importa più di niente. L’avvocato, inizialmente sul punto di sparare un secondo colpo, si ferma, condannando così alla sopravvivenza il criminale ed alla pena che il tribunale gli commisurerà a seguito del processo che di certo lo aspetta.

Regia di J. Lee Thompson

Con  Robert Mitchum e Gregory Peck

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *