giovedì, Ottobre 1, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Sigismondo” di Rossini del 9 settembre alle 10 su RAI 5: dal Teatro di Pesaro

Anticipazioni per “Sigismondo” di Rossini del 9 settembre alle 10 su RAI 5: dal Teatro di Pesaro

sigismondo

Anticipazioni per “Sigismondo” di Rossini del 9 settembre alle 10 su RAI 5: con la regia di Damiano Michieletto e la direzione di Michele Mariotti dal Teatro Rossini di Pesaro

Comune di Pesaro : Abbonamenti alla Stagione di Prosa & Danza 2018-19

Per la Grande Musica Lirica in TV in onda oggi mercoledì 9 settembre alle 10 su RAI 5 l’opera “Sigismondo” di Rossini nell’allestimento andato in scena nel 2010 dal Teatro Rossini di Pesaro per la 31ma edizione del R.O.F. con la regia di Damiano Michieletto e la direzione di Michele Mariotti per l’interpretazione di Daniela Barcellona e Andrea Concetti..

Sigismondo è un’opera lirica di Gioachino Rossini. Il libretto, denominato “Dramma in due atti”, è di Giuseppe Maria Foppa, che aveva già scritto per Rossini i libretti di tre farse veneziane (L’inganno feliceLa scala di seta e Il signor Bruschino).

Il libretto di Francesco Aventi, un dramma con cori per musica in due atti, è basato sul libro biblico di Daniele (Cap. 5, 1–30). La prima rappresentazione ebbe luogo il 14 marzo 1812 al Teatro comunale di Ferrara con Marietta Marcolini ed Elisabetta Manfredini. Sebbene Rossini lo definisse “uno dei miei fiaschi”, l’opera ebbe una buona accoglienza, testimoniata da decine di riprese negli anni successivi (lo stesso Stendhal la definì “opera piena di grazia”). Nonostante ciò, si tratta di uno dei lavori più deboli del pesarese.

L’opera fu rappresentata la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia il 26 dicembre 1814 senza riscuotere successo. Una parte dell’insuccesso fu dovuta al soggetto già utilizzato da Foppa nella farsa L’inganno felice: una moglie fedele (Isabella/Aldimira) insidiata da un seduttore (Ormondo/Ladislao) viene da lui calunniata presso il marito (Bertrando/Sigismondo), che ne ordina la condanna a morte; tale condanna, tuttavia, non viene eseguita, e la donna trova rifugio presso un uomo pietoso (Tarabotto/Zenovito) che l’aiuta a dimostrare la sua innocenza.
L’opera, dopo una discreta circolazione (CremonaReggio EmiliaPadova e Senigallia nel 1819, Firenze e Siena nel 1820, Porto nel 1822 e infine Bologna nel 1827) scomparve dai cartelloni. Le prime rappresentazioni moderne furono nel 1992 a RovigoSavona e Treviso, con una giovane Sonia Ganassi nel ruolo del titolo, e in seguito a Praga nel 1995. Recentemente ha aperto la trentunesima edizione del Rossini Opera Festival del 2010 con Daniela Barcellona. Nel 2016 l’opera viene rappresentata al Belcanto Opera Festival di Bad Wildbad.

Parte della musica fu utilizzata da Rossini (Elisabetta, regina d’InghilterraIl barbiere di SivigliaLa Cenerentola).

Trama

La scena è parte in Gesna, antica capitale della Polonia, e parte in alcune selve e luoghi montuosi non molto discosti dalla medesima.

L’opera si apre con la pazzia di Sigismondo: egli teme la vendetta di Ulderico, padre della moglie Aldimira, che ha fatto uccidere per infedeltà. In verità Aldimira è viva, ed è stata vittima di una trappola del perfido Ladislao, che ha inventato tutto.

Aldimira incontra di nuovo Sigismondo, sotto falso nome, seducendo il re, che la vuole sua sposa; lei accetta, ma vuole rivedere il genitore, che sta proprio per scontrarsi con Sigismondo.

Ladislao intanto rivela a Ulderico il delitto e che Aldimira non è viva, scatenando l’attacco. Sigismondo perde, ma salva Aldimira dalla spada di Ladislao.

L’inganno viene svelato, Ladislao è incarcerato, e l’opera si conclude nel tripudio generale.

Numeri musicali

  • Sinfonia

Atto I

  • 1 Introduzione O prence misero (Coro, Ladislao, Anagilda, Radoski)[1]
  • 2 Cavatina Non seguirmi! Omai t’invola (Sigismondo)
  • 3 Scena e Cavatina Oggetto amabile (Aldimira)
  • 4 Coro Al bosco, alla caccia!
  • 5 Aria Vidi…ah no, che allor sognai (Ladislao)
  • 6 Duettino Un segreto è il mio tormento (Sigismondo, Aldimira)[2]
  • 7 Aria Tu l’opra tua seconda (Zenovito)
  • 8 Duetto Perché obbedir disdegni? (Ladislao, Aldimira)[3]
  • 9 Finale primo Quale, o Ciel, d’idee funeste (Sigismondo, Aldimira, Ladislao, Zenovito, Coro, Anagilda, Radoski)

Atto II

  • 10 Introduzione seconda In segreto a che ci chiama? (Coro)[4]
  • 11 Coro Viva Aldimira!
  • 12 Duetto Tomba di morte e orrore (Aldimira, Sigismondo)
  • 13 Aria Sognava contenti (Anagilda)
  • 14 Cavatina Giusto ciel, che i mali miei (Ladislao)[5]
  • 15 Scena e Aria Ah signor, nell’alma mia (Aldimira, Coro)
  • 16 Quartetto Genitor, deh, vien! (Aldimira, Sigismondo, Ladislao, Ulderico)
  • 17 Coro, gran scena e Aria Alma rea! Il più infelice (Sigismondo)
  • 18 Finale secondo Qual felice amico giorno (Aldimira, Sigismondo, Ulderico, Ladislao, Coro)
Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *