mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Schnitzler in TV del 29 settembre alle 15.45 su RAI 5: “Girotondo – parte 2″

Anticipazioni per il Grande Teatro di Schnitzler in TV del 29 settembre alle 15.45 su RAI 5: “Girotondo – parte 2″

girotondo parte 2

Anticipazioni per il Grande Teatro di Schnitzler in TV del 29 settembre alle 15.45 su RAI 5: “Girotondo – parte 2″

PANORAMA: Girotondo Kabarett e Festival di Pasqua a Montepulciano - Rai  Radio 3 - RaiPlay Radio

Per il Grande Teatro in TV in onda oggi martedì 29 settembre alle 15.45 su Rai 5 la commedia “Girotondoparte 2” di Arthur Schnitzler.

Girotondo (Reigen) è un’opera teatrale dello scrittore e drammaturgo austriaco Arthur Schnitzler.

In lavorazione già dal 1897 e pronta tre anni dopo, fu rappresentata per la prima volta solo nel 1920, terminata la grande guerra e soppressa la censura imperiale, al Kleines Schauspielhaus di Berlino per la regia di Max Reinhardt.

Trama

L’intreccio si basa sugli incontri tra dieci personaggi di dieci differenti condizioni sociali e umane: la prostituta, il soldato, la cameriera, il giovane signore, la giovane signora, il marito, la ragazzina, il poeta, l’attrice, il conte. In una serie di dieci quadri i personaggi dialogano due alla volta, per poi concludere immancabilmente il dialogo con un atto sessuale che tuttavia non viene mai mostrato o agito in scena. Uno dei due personaggi è poi protagonista anche del quadro successivo, in modo da creare un concatenarsi di atti sessuali che legano le sorti della vicenda, di cui non esiste una effettiva trama. Da qui il titolo: quando il conte, ultimo personaggio ad entrare in scena, si congiunge alla prostituta, la danza sessuale ha termine. O meglio, va da qui all’infinito.

Scene

  1. La prostituta e il soldato
  2. Il soldato e la cameriera
  3. La cameriera e il giovane signore
  4. Il giovane signore e la giovane signora
  5. La giovane signora e il marito
  6. Il marito e la ragazzina
  7. La ragazzina e il poeta
  8. Il poeta e l’attrice
  9. L’attrice e il conte
  10. Il conte e la prostituta

Interpretazioni dell’opera

Girotondo è un’amara critica all’impossibilità umana di amare,[senza fonte] o meglio alle difficoltà che un amore puro implica nel realizzarsi. I contatti umani sono ridotti a mero comportamento sessuale, pura furia negli istinti e negli intenti. Ma l’atto sessuale che conclude ogni quadro è preceduto da un corteggiamento, una sorta di rito o danza dell’accoppiamento: i dialoghi e le interazioni tra i personaggi tendono a far risaltare l’aspetto grottesco di una comunicazione che tende solo a celarne i veri intenti. Non a caso coloro che vengono coinvolti nel girotondo sono poi rappresentanti di tutte le classi sociali senza distinzioni: l’aridità colpisce tutti inevitabilmente, come la morte. Nella forma drammatica si rovescia la commedia di gusto francese, i cui intrighi amorosi riempivano di vita i personaggi: il sostrato comune di Girotondo è invece la banalità, il quotidiano, l’inutilità di convenzioni e la retorica che, di fatto, smascherano il personaggio della sua veste sociale (attrice, conte, prostituta, soldato eccetera) per renderlo schiettamente umano.

Teatro

Nel 1993 il compositore, librettista e paroliere americano Michael John LaChiusa ha realizzato un adattamento musicale dell’opera, intitolata Hello Again. Il musical è andato in scena per 101 repliche al Lincoln Center di New York.

Girotondo è stato riadattato più volte sulle scene con diverse chiavi di lettura. Tra gli adattamenti teatrali di maggior successo ci sono: The Blue Room di David Hare con Nicole Kidman (1998), Seduction (2004) e Fucking Men (2009).

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *