sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Lazio > Roma, Choc ad Ardea: uccide il patrigno con due colpi di cacciavite sul petto

Roma, Choc ad Ardea: uccide il patrigno con due colpi di cacciavite sul petto

aprilia

ROMA – Erano le 21:45 di sabato scorso, quando ad Ardea, in un appartamento situato in via Fosso dell’Acqua Buona, un ragazzo romeno di 31 anni, si sarebbe scagliato contro il patrigno, un connazionale di 44 anni, ferendolo gravemente al petto con due colpi di cacciavite.

Segnalata la vicenda, sul posto sono subito intervenuti i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati e i sanitari del 118, che hanno trasportato il 44enne all’ospedale Sant’Anna di Pomezia.

Durante il tragitto, l’uomo è deceduto dentro l’ambulanza a causa delle due ferite al petto, mentre i militari dell’arma, in base alle testimonianze del 31enne e della madre, hanno ricostruito una prima versione dei fatti.

Stando ai loro racconti, l’uomo era solito maltrattare il figliastro e la mamma, specialmente dopo l’assunzione di alcolici.

In base alle indagini, gli episodi di violenza perpetrati per anni e non denunciati, avrebbero a che fare con il movente del delitto.

A seguito dell’accaduto, il 31enne è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario e in questo momento si trova nel carcere di Velletri in attesa dell’interrogatorio.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net