venerdì, Gennaio 21, 2022
Home > Marche > Screening di massa nelle Marche, la proposta di Biancani e Vitri: “Precedenza ai Comuni con meno 20mila abitanti”

Screening di massa nelle Marche, la proposta di Biancani e Vitri: “Precedenza ai Comuni con meno 20mila abitanti”

screening

Screening di massa nelle Marche, la proposta di Biancani e Vitri: “Precedenza ai Comuni con meno 20mila abitanti”

PESARO – È previsto per il 18 dicembre lo screening di massa che, come disse il Presidente della Regione Francesco Acquaroli, punta ad individuare, a tracciare e ad isolare il più possibile il virus.

In considerazione a tale progetto, il Vicepresidente del Consiglio Regionale, Andrea Biancani e la consigliera Micaela Vitri (Pd), favorevoli allo screening di massa, approvato dalla Giunta regionale per la prevenzione del Covid, propongono di dare precedenza ai comuni con meno 20mila abitanti, dove la curva dei contagi è in crescita.

Ad esporre l’invito è proprio Andrea Biancani, che sulla sua pagina Facebook dichiara:

“Dal 18 dicembre lo screening anche nei comuni con indici di contagio in crescita come Fermignano, mentre Urbino va inserita tra i centri capoluogo di Provincia. La proposta, che ho condiviso con la consigliera Micaela Vitri (Pd), è quella di dare priorità ai Comuni, anche sotto i 20mila abitanti, dove la curva dei contagi sta salendo velocemente.

Opportuno che in queste realtà i tamponi agli asintomatici inizino il prima possibile, non tra un mese.

Bene il progetto di screening per la prevenzione del Covid, ma dovrebbero essere considerati anche i Comuni dove la crescita dell’indice dei contagi è particolarmente alta negli ultimi giorni.Il 18 dicembre, partendo dai Capoluoghi di Provincia, seguiranno i Comuni con più di 20 mila abitanti, per poi proseguire a gennaio con la seconda fase, che coinvolgerà tutti gli altri comuni con meno di 20 mila abitanti.

Questo significa che nei piccoli centri lo screening inizierà tra oltre un mese, nonostante ci siano realtà, come Fermignano, dove sarebbe importante svolgere il prima possibile i test a tappeto per contenere una curva di contagi che sta crescendo in modo preoccupante.

Inoltre occorre inserire anche Urbino tra i centri dove l’avvio dello screening è previsto per il 18 dicembre, perché è una città Capoluogo di provincia, nonostante spesso questo venga dimenticato.”

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net