lunedì, Gennaio 25, 2021
Home > Italia > Dall’estero dicono di noi: “Rimpasto a gennaio per un fragile Conte-ter”

Dall’estero dicono di noi: “Rimpasto a gennaio per un fragile Conte-ter”

il punto

Dall’estero dicono di noi: “Rimpasto a gennaio per un fragile Conte-ter”

Tratto e tradotto da cnbc.com. Conte premier per caso? “Giuseppi” è durato al potere più di quanto molti si aspettassero.

Nel giugno 2018, Giuseppe Conte – un avvocato e accademico senza esperienza politica – è diventato primo ministro italiano grazie ad un compromesso.

All’epoca, gli allora leader del Movimento 5 Stelle anti-establishment italiano, Luigi Di Maio, e il partito anti-immigrazione della Lega, guidato da Matteo Salvini, non erano in grado di decidere tra loro chi sarebbe stato primo ministro dopo aver formato la coalizione. governo.

Così hanno nominato premier Conte, un indipendente non alleato di nessuna delle parti. Era in gran parte visto allora come un tecnocrate, nel ruolo esclusivamente di supervisione del programma di governo della Lega e del M5S.

Tuttavia, i fatti non sono andati come ci si sarebbe aspettati ed il potere a Roma è passato di mano. Ciò è avvenuto dopo che Salvini, nell’estate 2019, ha presentato la mozione di sfiducia a Conte.

Ciò ha causato il crollo del governo di coalizione a cui apparteneva ed è stato ampiamente visto come un tentativo di presa di potere da Salvini, un politico divisivo ma popolare che all’epoca era in cima ai sondaggi degli elettori.

La mossa è fallita, tuttavia, con il M5S e il Partito Democratico che hanno accettato di formare un nuovo governo e Conte è rimasto primo ministro. L’improbabile alleanza tra M5S e PD ha rappresentato un sospiro di sollievo per molti funzionari in Europa, poiché si è visto che probabilmente avrebbe ammorbidito la posizione euro-scettica più dura del precedente governo.

Da essere entrato nel ruolo di presidente del Consiglio quasi per caso, alcuni analisti affermano che Conte ha effettivamente prosperato, diventando benvoluto dall’opinione pubblica e gestendo bene gli affari politici.

L’Italia non è un paese facile in cui operare politicamente; basti dire che ha avuto cinque primi ministri negli ultimi 10 anni. Conte è sicuramente durato più a lungo in carica rispetto ad altri recenti detentori della premiership: i predecessori Paolo Gentiloni, Mario Monti ed Enrico Letta sono durati ciascuno meno di due anni e Matteo Renzi solo di poco più del tempo attuale di Conte in carica.

“Come per tante cose nella politica italiana, le misure temporanee e di emergenza spesso finiscono per durare ben oltre la previsione iniziale. La carica di primo ministro non fa eccezione “, ha detto alla CNBC Federico Santi, analista senior per l’Europa presso l’Eurasia Group.

“Quindi non posso dire di essere troppo sorpreso che Conte sia durato così a lungo, anche se si è dimostrato più resiliente e adattabile di quanto molti gli credessero inizialmente. Ciò è in parte dovuto alle circostanze, in parte alla capacità di Conte di giocare all’umore politico del momento “, ha detto.

Per rendere merito a Conte, Santi ha osservato che il premier è “entrato davvero in scena” nel 2019, quando Salvini ha progettato il crollo del governo.

“Invece di placarlo, Conte si è opposto al leader di destra, creando un’apertura per il PD per sostituire la Lega come partner della coalizione M5S. Ancora una volta, nessuna delle due parti ha voluto cedere il controllo del governo all’altra, il che ha fatto di Conte la scelta più ovvia “.

L’inesperienza politica e il profilo “non controverso” di Conte, e quella che un analista politico ha definito la sua personalità “educata e calma” – attributi che il suo team mediatico ha sottolineato – avrebbero potuto contribuire a renderlo caro al pubblico.

“Conte ha fatto un uso attento e ponderato dei media, grazie anche al supporto di uno staff professionale” che ha contribuito a coltivare un’immagine mediatica di Conte come rappresentativa di “affidabilità e competenza politica, empatia, rassicurazione e condivisione personale in tempi di collettività difficoltà “, secondo Marino De Luca, ricercatore del Marie Sklodowska-Curie presso il dipartimento di politica dell’Università del Sussex nel Regno Unito.

“All’inizio, con la sua inesperienza, sembrava incapace di durare a lungo. Invece, ha dimostrato di poter resistere agli attacchi politici “, ha detto alla CNBC.

Politica pandemica


La pandemia di coronavirus nel 2020 sarebbe già stata abbastanza impegnativa per leader politici esperti.

Conte si è trovato nell’occhio del ciclone quando il virus è emerso per la prima volta nel nord Italia a febbraio con il governo italiano che ha imposto blocchi localizzati in Lombardia e Veneto, dove inizialmente sono apparsi gruppi di casi, e poi un blocco nazionale.

La pandemia avrebbe potuto impedire agli avversari di Conte di tentare di estrometterlo dall’incarico, secondo Santi di Eurasia Group, ma non per molto.

“Come con molti altri leader nel continente – indipendentemente dalla loro effettiva capacità di gestire l’emergenza sanitaria – Conte ha beneficiato di un notevole effetto ‘rally intorno alla bandiera’”, ha detto Santi.

Eppure De Luca ha notato come la pandemia abbia portato anche in Italia critiche pubbliche a Conte, in particolare in mezzo alla seconda ondata di contagi.

L’Italia sta ancora operando con rigide restrizioni sul coronavirus, che non vengono allentate durante il Natale mentre l’Italia cerca di evitare una terza ondata di casi.

“Con la seconda ondata qualcosa è cambiato”, ha detto De Luca. “La sua popolarità è diminuita. Le sue scelte sono più contestate dai cittadini o dai lavoratori autonomi e da altre categorie di lavoratori, come ad esempio i ristoratori ”, ha affermato.

Sono emersi nuovamente attriti anche nella coalizione di governo, più recentemente sulla gestione dei fondi UE e sulla riforma del meccanismo europeo di stabilità, il fondo di salvataggio della zona euro.

Decine di ribelli all’interno del M5S avevano minacciato di opporsi al governo sostenendo la riforma a livello dell’UE. Ma alla fine, il Parlamento italiano ha dato il via libera all’inizio del 9 dicembre al primo ministro per approvare i cambiamenti quando i leader dell’UE si sono incontrati in un vertice il 10-11 dicembre.

Secondo Wolfango Piccoli, co-presidente di Teneo Intelligence, la pandemia ha permesso a Conte di “concentrare il potere e garantire un margine di manovra significativo ai suoi sostenitori politici”, ma da allora è stato trovato carente.


“La disastrosa gestione da parte del governo della seconda ondata di Covid-19, unita alla gestione inefficiente degli aiuti finanziari promessi alle imprese e ai lavoratori e una politica di comunicazione amatoriale, hanno minato la posizione di Conte”, ha detto in una nota Piccoli.

Piccoli ha previsto un rimpasto di governo limitato a gennaio, mentre la fragile coalizione di governo cerca di appianare le sue differenze e di formulare un nuovo programma politico. Ma, ha detto, “guardando più avanti, il terzo governo di Conte rimarrà un fragile assetto di governo che è del tutto inadeguato a condurre il Paese fuori dal pantano economico precipitato dalla pandemia”.

La prospettiva di nuove elezioni è ancora lontana, dicono gli esperti, per ora, ma Santi ha osservato che “Conte è ancora su un terreno instabile”.

“Nessuno dei partiti al governo vuole elezioni anticipate, che rimangono una prospettiva lontana. Ma molti membri della coalizione apprezzerebbero un cambio di governo che introduca un nuovo primo ministro, sostenuto da una coalizione simile in parlamento ”, ha detto Santi.

“Ho il sospetto che con la graduale diminuzione dell’emergenza sanitaria, i tentativi di sbarazzarsi di Conte riprenderanno in maniera seria”.

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *