mercoledì, Marzo 3, 2021
Home > Abruzzo > Polizia, due arresti a Pescara

Polizia, due arresti a Pescara

pescara

PESCARA – Ieri mattina, la Squadra Volante, impegnata  nell’ordinario servizio di controllo del territorio per la prevenzione e repressione dei reati, ha notato un uomo che camminava a piedi, sulla Riviera, in direzione Montesilvano.

Gli Agenti lo hanno identificato per A.A., 40enne, di nazionalità marocchina, irregolare sul territorio e senza fissa dimora, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio (furti aggravati, furti di biciclette, danneggiamento, possesso ingiustificato di armi, possesso ingiustificato di arnesi da scasso e grimaldelli) nonché per rissa, minacce, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale, tutti commessi a Pescara negli ultimi 4 anni.

Dagli accertamenti svolti attraverso la banca dati in uso alle forze di polizia, è emerso che l’uomo era destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Pescara,  dovendo espiare la pena definitiva della reclusione di anni 2, mesi 11 e giorni 14: pertanto, è stato arrestato e condotto in carcere.

La Squadra Mobile ha tratto in arresto S.G., pescarese di anni 42, residente nel quartiere Rancitelli, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pescara – Ufficio Esecuzioni Penali, in data 22.01.2021.

I fatti che hanno portato alla condanna definitiva risalgono al 27 agosto 2013, quando i figli di una coppia di anziani residente a Pescara allertavano la Polizia di Stato segnalando tre individui che, spacciandosi per dipendenti comunali, avevano cercato di introdursi nella casa dei genitori.

L’attività d’indagine svolta dagli investigatori ha consentito di identificare due dei presunti autori del tentativo di furto: l’arrestato di ieri e S.S., pescarese di anni 20, entrambi denunciati in stato di libertà all’ Autorità Giudiziaria con richiesta di applicazione per entrambi della misura cautelare della custodia cautelare in carcere, eseguita qualche mese più tardi.

Ieri, a seguito della condanna divenuta definitiva e l’ordine di esecuzione,  S.G. è stato arrestato: dovrà espiare la pena di mesi 9 e giorni 4 di reclusione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *