domenica, Febbraio 28, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Italia Sì” del 6 febbraio alle 16.45 su Rai 1: sul podio Amadeus

Anticipazioni per “Italia Sì” del 6 febbraio alle 16.45 su Rai 1: sul podio Amadeus

italia sì

Anticipazioni per “Italia Sì” con Marco Liorni del 6 febbraio alle 16.45 su Rai 1: sul podio sale Amadeus

(none)

Sabato 6 febbraio, un nuovo appuntamento con l’ormai celebre podio del pomeriggio di Rai1. Alle 16.45, come di consueto, Marco Liorni condurrà ItaliaSì! con al suo fianco, vari personaggi dello spettacolo e della cultura che si metteranno in gioco confrontandosi su temi delle persone comuni, per conquistare con allegria, il pubblico in collegamento e quello a casa. Nella ventunesima puntata del programma, grande protagonista sul podio sarà Amadeus per parlare del rapporto personale e professionale che lo lega al  Festival di Sanremo. Il piccolo Davide racconterà di un grande sogno che ha potuto realizzare, in collegamento da Cavaglià (Biella), Caterina Varvello parlerà di un calendario per beneficenza, mentre Manuel Bortuzzo porterà gli spettatori a riscoprire la bellezza del Colosseo appena riaperto. Tante anche le tematiche delicate: salirà sul podio Hillarry Sedu, l’avvocato di 34 anni di origini nigeriane, per raccontarci la disavventura ripresa dai giornali,  che gli è capitata durante un’ udienza in tribunale e  che ha fatto gridare al razzismo.
Si parlerà ancora  di covid con tutte le  buone notizie degli ultimi giorni e ovviamente, dei vaccini:  il dottor Nicola Mumoli, primario di Medicina interna e responsabile del Reparto Covid negli ospedali di Magenta e Abbiategrasso,  spiegherà perché ha rinunciato al vaccino al quale aveva pieno diritto, per mettersi in coda dietro a chi è più a rischio di infettarsi. Dal podio, racconterà poi la sua guarigione dal Covid la signora Claudia, la prima paziente in Italia curata con gli anticorpi monoclonali, innovativo metodo approvato nel nostro Paese dall’Aifa solo in questi giorni.

La Regia di ItaliaSì! è di Salvatore Perfetto. La sigla “Italia d’Oro” di Pierangelo Bertoli è stata riarrangiata per l’occasione dal figlio Alberto.  

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *