domenica, Marzo 7, 2021
Home > Lazio > Monumenti illuminati di giallo per la liberazione di Patrick Zaki: anche Latina aderisce

Monumenti illuminati di giallo per la liberazione di Patrick Zaki: anche Latina aderisce

monumenti illuminati

Monumenti illuminati di giallo per la liberazione di Patrick Zaki: anche Latina aderisce. Valeria Campagna (LBC): “Libertà e la tutela dei diritti umani: anche dall’Italia deve arrivare un messaggio forte e chiaro”


Anche Latina aderirà alla campagna lanciata da Amnesty International per la liberazione di Patrick Zaki, recentemente condannato a scontare altri 45 giorni di reclusione. Il giovane, di origine egiziana, studente dell’università di Bologna, è imprigionato in Egitto già da un anno con l’accusa di propaganda sovversiva: esattamente ieri ricorreva l’anniversario del suo arresto, avvenuto il 7 febbraio 2020.

“Patrick George Zaki – come riporta Amnesty in una nota – rischia fino a 25 anni di carcere per dieci post di un account Facebook, che la sua difesa considera ‘falso’. Nel suo paese avrebbe dovuto trascorrere solo una vacanza in compagnia dei suoi cari in una breve pausa accademica. Riteniamo che Patrick George Zaki sia un prigioniero di coscienza detenuto esclusivamente per il suo lavoro in favore dei diritti umani e per le opinioni politiche espresse sui social media

Latina Bene Comune ritiene sia necessaria una mobilitazione collettiva per la liberazione di Patrick ed è per questo che anche la città di Latina parteciperà alla protesta internazionale, illuminando di giallo la fontana in Piazza della Libertà nella serata di oggi come faranno molti altri comuni in tutta Italia.

“Invitiamo tutti a firmare la petizione lanciata da Amnesty: il messaggio dell’Italia e degli altri Paesi, per la libertà e la tutela dei diritti umani, deve arrivare forte e chiaro” – afferma la capogruppo di LBC Valeria Campagna.

Questo il link della petizione: https://www.amnesty.it/appelli/liberta-per-patrick/
Nei giorni scorsi Latina aveva partecipato anche alla manifestazione per Giulio Regeni, apponendo sulla biblioteca comunale uno striscione per la ricerca di verità e giustizia per il suo omicidio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *