sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Mondo > La Russia avverte l’ Ue: “Se vuoi la pace prepara la guerra”

La Russia avverte l’ Ue: “Se vuoi la pace prepara la guerra”

russia

La Russia “è pronta a rompere le relazioni con l’Unione europea”. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov al programma Soloviev Life, mentre cresce la tensione fra Mosca e la Ue per le prese di posizione europee in favore dell’oppositore incarcerato Alexey Navalny.

“Se vediamo ancora una volta, proprio come in altre occasioni, che le sanzioni vengono imposte in alcuni settori e creano rischi per la nostra economia, anche nei settori più sensibili, allora sì. Non vogliamo essere isolati dalla vita internazionale, ma dovremmo essere preparati a questo”, ha detto Lavrov. “Se vuoi la pace, prepara la guerra”, ha aggiunto. Lo riporta Interfax.

Parole  definite “sconcertanti” da una portavoce del
ministero degli Esteri tedesco in conferenza stampa a Berlino,
Mentre il portavoce della cancelliera Angela Merkel, Steffen Seibert, ha affermato di non dover aggiungere altro a quanto detto dalla collega. 

Nel frattempo il tribunale distrettuale Babushkinsky di Mosca ha ripreso il processo per diffamazione intentato contro Navalny, accusato di aver calunniato un veterano della seconda guerra mondiale. “I rappresentanti diplomatici di Lettonia ed Estonia sono presenti in tribunale”, ha detto il servizio della corte a Interfax. Stando ad altre fonti, è presente anche un funzionario della rappresentanza diplomatica dell’Ue in Russia. Navalny è presente in aula.
 

Il veterano della seconda guerra mondiale Ignat Artyomenko, la parte lesa, si è rivolto alla corte, parlando in collegamento video da casa. Artyomenko ha detto che stava aspettando le scuse pubbliche di Navalny. I procuratori dicono che il 2 giugno 2020 Navalny ha pubblicato un post su Twitter e Telegram su un video andato in onda sul canale televisivo RT, a sostegno degli emendamenti alla Costituzione della Russia, in cui figurava il veterano di guerra Artyomenko.

Navalny, secondo l’accusa, ha pubblicato un commento che conteneva informazioni consapevolmente false denigrando l’onore e la dignità di Artyomenko. Successivamente Navalny è stato accusato di calunnia. L’attivista dell’opposizione si è dichiarato non colpevole e descrive il caso come politicamente motivato (ANSA)