domenica, Marzo 7, 2021
Home > Italia > Attacchi informatici: in Italia uno ogni 19 secondi

Attacchi informatici: in Italia uno ogni 19 secondi

attacchi informatici

Attacchi informatici: in Italia uno ogni 19 secondi

In una recente indagine della Kaspersky sono state quasi 300mila le vittime di hacker. Un attacco ogni 19 secondi solo in Italia. Nell’ultima infografica di Unicusano scopriamo i dieci attacchi che hanno fatto la storia

Un attacco informatico ogni 19 secondi. E l’Italia, in fatto di sicurezza digitale, è agli ultimi posti della classifica: +667% di colpi messi a segno dagli hacker, +390% di dispositivi colpiti nell’ultimo anno. Una fotografia ancora più buia se si prende in considerazione l’ultimo report della Kaspersky: a gennaio 2021 gli episodi di cybercrime sono aumentati del 60% rispetto alla prima metà del 2020. In ambito scolastico, da luglio a dicembre dello scorso anno sono stati 270.171 gli utenti delle piattaforme di apprendimento a essere colpiti da virus.

Ma quali sono stati gli attacchi informatici più famosi che hanno scritto la storia? L’Unicusano ripercorre le tappe nella sua ultima infografica.

La storia è ricca di esempi del genere e alcuni sono stati veri e propri attacchi militari, come nel caso della detonazione del gasdotto siberiano a opera della CIA durante la Guerra Fredda. Gli stessi americani, in collaborazione con il governo israeliano, sferrarono nel 2006 un attacco pesantissimo alla centrale nucleare iraniana di Natanz, proprio attraverso l’hackeraggio dei sistemi informatici. Riuscirono così nell’impresa di rallentare il programma nucleare iraniano per anni senza alcun uso della forza.

Ma gli esempi raccontati in questa nuova infografica non si fermano alle azioni di tipo bellico perché molti degli hacking più interessanti sono frutto di singoli informatici o piccole organizzazioni. Nel corso degli anni si sono moltiplicate le condanne per crimini del genere, anche se spesso è risultato difficile risalire ai colpevoli. Il primo caso trattato dalla cronaca mondiale è sicuramente quello dell’allora sedicenne J.J James che nel 1999 riuscì a penetrare i computer della NASA e del Pentagono spiando migliaia di documenti militari riservati.

Nel 2000 è stato diffuso il virus romantico “ILOVEYOU” tramite e-mail con un allegato apparentemente in formato testuale chiamato “LOVE-LETTER-FOR-YOU.TXT.vbs”. Il file in realtà nascondeva un trojan che appena aperto andava a rubare informazioni sensibili. Il worm inviava inoltre una copia di sé stesso a tutti i contatti presenti in rubrica, cosicché i mittenti spesso apparivano come conoscenti e venivano pertanto considerati “sicuri”. La diffusione partì dalle Filippine spostandosi verso ovest fino agli Stati Uniti. Furono stimati danni da 5,5 miliardi di dollari con 50 milioni di computer infettati.

A metà del 2009, sfruttando due falle nel sistema di controllo dei server Google, dei pirati informatici riuscirono ad accedere illecitamente alla banca dati di multinazionali americane, organi di sicurezza e difesa militare. Questa operazione denominata “Aurora” secondo i vertici Google era stata guidata dal governo di Pechino: molti account Gmail compromessi appartenevano infatti a attivisti americani, europei e cinesi impegnati a difendere i diritti umani nel paese asiatico. Lo scandalo ebbe ovviamente dei risvolti politici ed evidenziò le lacune del sistema di sicurezza Google.

Ma, sicuramente, l’attacco cyber più famoso è quello portato a segno da un gruppo di hacker nel 2012 contro il Vaticano. Il 7 marzo “Anonymous” rese inagibile per due giorni il sito della Santa Sede. I membri ritenevano che nel XXI secolo non potevano esistere ancora le discriminazioni religiose, sessuali o politiche, portate avanti secondo loro dalla Chiesa. I pirati informatici criticavano in particolare la scelta di proibire la sperimentazione su cellule staminali per la ricerca della cura di molte malattie mortali.

Una settimana più tardi, Anonymous hackerò il database di Radio Vaticana in segno di protesta per aver usato ripetitori con potenze di trasmissione fuori dai limiti di legge.

Le storie di questi e di molti altri casi rimasti impressi nella storia, potete trovarli nella nuova infografica realizzata dalla facoltà di Ingegneria Informatica dell’Università Niccolò Cusano.Scarica gli allegati selezionati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *