venerdì, Marzo 5, 2021
Home > Marche > San Benedetto, sequestrato carico di pesce non conservato nei modi consentiti

San Benedetto, sequestrato carico di pesce non conservato nei modi consentiti

san benedetto

San Benedetto, sequestrato carico di pesce non conservato nei modi consentiti

La Polizia di Stato intercetta e sequestra carico di pesce destinato al mercato locale di San Benedetto del Tronto, non conservato nei modi consentiti dalla legge.

La Polizia di Stato intercetta e sequestra un carico abusivo di pesce congelato, non idoneo all’alimentazione e destinato al mercato locale di San Benedetto del Tronto.

Il personale del Distaccamento Polizia Stradale di San Benedetto del Tronto, nel corso dei normali controlli a campione del traffico veicolare predisposti al casello autostradale dell’A14, fermavano e perquisivano accuratamente un autocarro di piccole dimensioni; il conducente trasportava quasi un quintale di pesce e crostacei congelati, conservati in modo assolutamente non idoneo.

Il mezzo infatti non era dotato dell’impianto di refrigerazione previsto per legge e necessario a mantenere inalterata la cd “catena del freddo”: il veicolo era dotato dalla sola struttura coibentata frigorifera idonea eventualmente al trasporto di alimenti freschi, e non di quelli surgelati.

I prodotti ittici provenivano da Molfetta ed erano diretti al commercio locale della cittadina rivierasca.

In ausilio degli uomini della Polizia Stradale sono anche intervenuti, ciascuno per gli aspetti di specifica competenza, gli operatori della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto nonché il Servizio Veterinario della ASUR di Ascoli Piceno; gli stessi, esaminato il carico, stabilivano che i prodotti non potevano essere destinati al consumo alimentare in quanto potenzialmente gravemente dannosi per la salute.

La merce veniva quindi sequestrata per la distruzione, ed al conducente, oltre ad una denuncia penale, è stata comminata anche una salata sanzione amministrativa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *