domenica, Aprile 11, 2021
Home > Italia > Allarme Astrazeneca: bloccato in Italia un lotto vaccinale

Allarme Astrazeneca: bloccato in Italia un lotto vaccinale

vaccinazioni

Allarme Astrazeneca: bloccato in Italia un lotto vaccinale

L’Agenzia italiana del farmaco Aifa ha deciso oggi, in via precauzionale, di emettere un divieto di utilizzo del lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca. Dosi di questo lotto sono state distribuite in tutta Italia.

E’ quanto apprende l’ANSA. Sono circa 500mila le dosi contenute in ogni lotto del vaccino di AstraZeneca.

Mario Draghi ha avuto un colloquio telefonico con Ursula von der Leyen. Dalla conversazione – riferiscono fonti di Palazzo Chigi – è emerso che non c’è alcuna evidenza di un nesso tra i casi di trombosi registrati in Europa e la somministrazione del vaccino Astrazeneca. Nella telefonata con Draghi la presidente von der Leyen “ha comunicato che l’Ema ha avviato una ulteriore review accelerata” sui vaccini di Astrazeneca.

L’Aifa “sta effettuando tutte le verifiche del caso, acquisendo documentazioni cliniche in stretta collaborazione con i NAS e le autorità competenti. I campioni di tale lotto verranno analizzati dall’Istituto Superiore di Sanità”. L’Aifa comunicherà tempestivamente “qualunque nuova informazione dovesse rendersi disponibile”. L’Aifa si riserva di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l’EMA, agenzia del farmaco europea. Al momento non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e tali eventi. 

Danimarca, Islanda e Norvegia hanno nel frattempo sospeso l’uso del vaccino Oxford-AstraZeneca Covid-19. La Danimarca ha annunciato una sospensione di due settimane a seguito di una serie di segnalazioni di casi di coaguli di sangue, tra i quali uno mortale.

Islanda e Norvegia hanno seguito l’esempio, ma non hanno detto per quanto tempo sarebbe durato il provvedimento. Il ministro della Salute danese Magnus Heunicke ha chiarito che la pausa era una “misura precauzionale”, dicendo che non era ancora possibile trarre conclusioni.

“Agiamo presto, la vicenda deve essere indagata a fondo”, ha detto in un tweet. Anche l’Autorità sanitaria danese ha sottolineato che la decisione è in ogni caso temporanea. “Siamo nel bel mezzo del più grande e importante lancio di vaccinazioni nella storia danese. E in questo momento abbiamo bisogno di tutti i vaccini che possiamo ottenere. Pertanto, metterne in pausa uno non è una decisione facile. Ma proprio perché vacciniamo così tante persone, dobbiamo anche rispondere con tempestività quando si è a conoscenza di possibili effetti collaterali gravi.

Dobbiamo chiarire questo prima di poter continuare a utilizzare il vaccino AstraZeneca “, ha dichiarato Søren Brostrøm, direttore del National Board of Health.

Parlando alla CNN, Kjartan Njálsson, funzionario del ministero della Salute islandese, ha affermato che sebbene non ci fossero state segnalazioni di pazienti che sviluppavano coaguli di sangue nel paese, stavano aspettando il consiglio dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA). 

“È la mancanza di dati in questo momento che ci preoccupa”, ha aggiunto. L’Istituto norvegese di sanità pubblica ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che il paese ha anche scelto di “sospendere” le vaccinazioni in seguito alla notizia di un decesso in Danimarca a seguito di un coagulo di sangue. 

Ha anche notato che sono stati segnalati casi di coaguli di sangue subito dopo aver ricevuto le vaccinazioni anti Covid-19 in Norvegia, ma “principalmente negli anziani che spesso avevano a che fare con patologie pregresse.

All’inizio di questa settimana, un certo numero di nazioni dell’UE ha sospeso l’uso di dosi provenienti da un particolare lotto di vaccino AstraZeneca, dopo che domenica una donna di 49 anni in Austria è morta di trombosi multipla. L’EMA ha detto mercoledì che non c’era “nessuna indicazione” che la vaccinazione fosse alla base dei casi di trombosi o morte.

AstraZeneca difende la sicurezza del lotto

In una recente dichiarazione, AstraZeneca ha affermato che la sicurezza dei pazienti è la sua “massima priorità”.

La sicurezza del vaccino è stata ampiamente studiata in studi clinici di fase III e dati sottoposti a revisione paritaria confermano che il vaccino è generalmente ben tollerato”, ha detto la società in una nota.

Oggi, l’Italia si è unita ad Austria, Estonia, Lituania, Lussemburgo e Lettonia sospendendo l’uso delle dosi dal lotto “sospetto”. L’EMA ha affermato che lo stesso è stato consegnato a 17 paesi dell’UE, con 1 milione di dosi del vaccino. “Alcuni paesi dell’UE hanno anche successivamente sospeso questo lotto come misura precauzionale, mentre è in corso un’indagine profondità. Sebbene un difetto di qualità sia considerato improbabile in questa fase, la qualità del lotto è oggetto di indagine”, ha affermato l’EMA in una nota.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *