martedì, Aprile 13, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Georges Feydeau del 22 marzo alle 15.45 su Rai 5: “Il sistema Ribadier”

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Georges Feydeau del 22 marzo alle 15.45 su Rai 5: “Il sistema Ribadier”

il sistema ribadier

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Georges Feydeau del 22 marzo alle 15.45 su Rai 5: “Il sistema Ribadier”

Lucia Mosca on Twitter: "(Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di  Molière del 22 febbraio alle 15.45 su Rai 5: “Il misantropo”) Segui su: La  Notizia - https://t.co/OcN4KZlJWI… https://t.co/bUS2bZ9xXI"

Per il Grande Teatro in TV oggi pomeriggio lunedì 22 marzo alle 15.45 va in onda su Rai 5 la commedia “Il sistema Ribadier” scritto da Georges Feydeau nella versione diretta da Vittorio Sindoni ed andata in onda sulla Rai nel febbraio 1974. Gli interpreti dell’opera sono Enrico Montesano, Isabella Biagini, Antonio Casagrande, Angela Pagano ed Armando Bandini.

Ribadier, marito fedifrago, ogni sera ipnotizza la gelosissima moglie per poter raggiungere l’amante. Un giorno confida lo stratagemma ad un amico segretamente invaghito della consorte, con risultati imprevedibili.

Il sistema Ribadier (Le Système Ribadier) è una commedia in tre atti di Georges Feydeau e Maurice Hennequin rappresentata per la prima volta nel 1892.

Eugène Ribadier è il secondo marito di Angèle, vedova di M. Robineau. Dopo l’esperienza col suo primo marito (M. Robineau, che l’aveva tradita 365 volte in 8 anni), Angèle ha sviluppato una gelosia patologica e controlla attentamente le attività del suo secondo marito. Ribadier, tuttavia, conosce la tecnica dell’ipnosi — da cui il “sistema” del titolo — e la pratica sulla moglie per addormentarla ogni qualvolta vuol compiere una scappatella, salvo poi risvegliarla al suo ritorno grazie a un trucco che solo lui conosce. Un giorno Ribadier rivela imprudentemente il trucco ad Aristide Thommereux, un amico di Robineau, ritornato da Batavia nella speranza di poter finalmente rivelare il suo amore segreto ad Angèle.

Mentre Ribadier è assente perché impegnato in una delle sue scappatelle, Thommereux usa il sistema di Ribadier per svegliare Angèle e confessarle nuovamente il suo amore per lei. Angèle lo rifiuta, ma, nel momento in cui Thommereux prova a insistere, si sente un forte rumore dall’esterno: è Ribadier che ritorna a casa, inseguito da Savinet, un commerciante di vini e marito dell’amante di Ribadier. Thommereux scappa dalla finestra e Angèle finge di essere ancora sotto ipnosi. Angèle sente quindi Ribadier ammettere le sue colpe a Savinet; dopo la partenza di quest’ultimo, Angèle fa una furiosa scenata al marito.

Ribadier ricorre a vari stratagemmi per salvare la situazione, compreso quello di ipnotizzare ancora una volta la moglie nel tentativo di convincerla che ciò che aveva appena sentito era soltanto frutto di un sogno. Lei però sfrutta il sistema del marito fingendo di rivelare che, quando è ipnotizzata, riceve la visita di un amante. Thommereux pensa che lei si riferisca a sé stesso, mentre Ribadier indignato va alla ricerca dello sconosciuto intruso. Vicino alla finestra, i due scorgono una fibbia strappata dai pantaloni di un uomo: si scopre poi che apparteneva al cocchiere Gusman, salito per la finestra allo scopo di trovare la cameriera Sophie di cui era innamorato. Sotto compenso, Gusman rivela subito che era solito scavalcare la finestra per poter incontrare una donna dalla quale era accolto con entusiasmo; Ribadier e Thommereux sono atterriti e si voltano verso Angèle per valutare la veridicità delle parole del cocchiere. Il rifiuto della donna li convince della veridicità, ma Gusman li rincuora confessando loro che la donna a cui si riferiva era Sophie. Ribadier e Angèle si riconciliano; Thommereux, deluso, decide di far ritorno a Batavia.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *