sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Lazio > Costarelli (ANP Lazio): “Una rete solidale per la scuola per uscire dall’emergenza”

Costarelli (ANP Lazio): “Una rete solidale per la scuola per uscire dall’emergenza”

Green pass

Costarelli (ANP Lazio): “Una rete solidale per la scuola per uscire dall’emergenza”. “Basta attese. Progetti per il recupero delle ore perse, servizi dedicati e introduzione dell’obbligo dei tamponi: ecco la ricetta per tornare in presenza”

“Creare una ‘rete solidale’ attorno alla scuola in emergenza. Non solo coinvolgendo le diverse realtà istituzionali, ma con l’ausilio di esperti della formazione, dell’istruzione e della realtà educativa. Possiamo superare il momento di allerta Covid unicamente mettendo a sistema le forze in campo attraverso una scuola aperta all’esterno, al mondo organizzativo e dell’associazionismo”.

A lanciare la proposta, nel corso del webinar organizzato dall’ANP Lazio “Parliamo di scuola: una rete di esperti per contributi di qualità”, Cristina Costarelli, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP) di Roma. “Non si può più aspettare. Il ritorno in presenza va organizzato fin da ora – ha proseguito Costarelli – con azioni mirate a recuperare le ore di lezione perse, progettualità e servizi dedicati a contrastare i nuovi problemi di bambini e ragazzi emersi in epoca di pandemia e la dispersione scolastica”, ribadendo la volontà “di introdurre l’obbligo dell’effettuazione dei tamponi per gli studenti in vista del rientro in classe”.

Il focus, partito dalle difficoltà emerse con l’inizio dell’allarme sanitario, ha accolto spunti provenienti dalle differenti esperienze dei partecipanti. All’evento online, a cui seguirà un secondo momento di confronto previsto per il prossimo 1 aprile, hanno portato i loro contributi Lidia Borzì, presidente ACLI Roma, che ha raccontato le best practices sviluppate insieme agli istituti tramite il cosiddetto Service Learning, Alberto Contri, docente di Comunicazione Sociale alla IULM, past president di Pubblicità Progresso e iniziatore della comunicazione sociale, che ha condiviso buone prassi comunicative in grado di fare la differenza nella formazione delle giovani generazioni, Eraldo Affinati,scrittore e insegnante, fondatore della “Penny Wirton”, scuola gratuita di italiano per immigrati, che ha rimarcato il ruolo dell’inclusione per affrontare specialmente le conseguenze dell’allerta Covid, Adriana Pannitteri,  giornalista del TG1, scrittrice, impegnata nella lotta contro il femminicidio, che ha incentrato la sua riflessione sulle problematiche dell’universo in rosa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net