sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Abruzzo > Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Alto Medievale nel Castello di Crecchio

Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Alto Medievale nel Castello di Crecchio

CHIETI– Il Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Alto Medievale di Crecchio (Ch), ospitato nelle sale del Castello Ducale De Riseis – D’Aragona, nasce a seguito dei ritrovamenti archeologici presso i resti di una villa rustica romana di età tardo antica (V-VI secolo) in località Casino Vezzani-Vassarella e a numerosi altri ritrovamenti in una terra di incontro e di passaggio fra le genti del mare e quelle della montagna, fra Oriente ed Occidente, fra Italici e Greci prima, fra Goti – Longobardi e Bizantini successivamente.

Il Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Alto Medievale ha diverse sezioni tematiche: 

Sezione Bizantina: ci permette di avere una testimonianza importante  della vita quotidiana materiale delle genti romane in Abruzzo nel periodo della Tarda Antichità ( VI – VII sec.) fra il regno goto,  la riconquista bizantina e il regno longobardo, ricostruendo, tramite i manufatti, le rotte commerciali dell’Abruzzo bizantino con l’Oriente. 

Sezione italico – etrusca : comprende la collezione “Alberto Carlo Fraracci con 600 reperti che vanno dall’Età del Ferro (IX secolo prima dell’era comune), all’Impero Romano (I – II secolo dell’era comune). Inoltre, sono conservati diversi materiali marrucini e frentani ritrovati durante lavori agricoli in particolar modo in Contrada Tucci e Santa Maria Carderola. 

Sezione Storica: gli arredi del castello e gli oggetti della vita quotidiana sociale dei De Riseis , e degli importanti personaggi storici che hanno soggiornato temporaneamente in queste stanze come  il Re d’Italia Vittorio Emanuele III  e la Regina Elena, Gabriele d’Annunzio, Umberto e Maria José di Savoia e Letizia Bonaparte. 

Per ulteriore approfondimenti vedi anche: “Crecchio, la storia a portata di mano, ieri, oggi e domani” del 29 marzo 2021.

Per visitare il Castello di Crecchio e il Museo dell’Abruzzo Bizantino ed Alto Medievale museoabruzzobizantinoaltomedievale.it

Tratto da Discovery Abruzzo Magazine