venerdì, Aprile 16, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film cult a pranzo in TV: “Troppo forte” domenica 4 aprile 2021 alle 12 su Rai Movie

Il film cult a pranzo in TV: “Troppo forte” domenica 4 aprile 2021 alle 12 su Rai Movie

film troppo forte

Il film cult a pranzo in TV: “Troppo forte” domenica 4 aprile 2021 alle 12 su Rai Movie

Troppo Forte.PNG

Troppo forte è un film del 1986 di Carlo Verdone, interpretato dallo stesso Verdone insieme a Stella HallAlberto Sordi.

Roma. Oscar è un giovane della periferia che frequenta gli studi di Cinecittà, atteggiandosi a bullo di quartiere e sognando una grande carriera di attore; ma, al momento, è costretto a guadagnarsi da vivere come stuntman in film minori. Scartato all’ennesimo provino per una grossa produzione, un deluso Oscar viene spinto da un estroso avvocato incontrato casualmente a vendicarsi del ricco produttore della pellicola, truffandolo con un falso incidente stradale: il destino vuole però che quel giorno alla guida dell’auto non ci sia l’uomo bensì la sua amante, Nancy, una giovane attrice italoamericana indicata come astro nascente dello star system. L’accaduto, e il possibile scandalo che potrebbe derivarne, le costano il licenziamento.

Abbandonata da tutti e rimasta bloccata a Roma senza un soldo, Nancy non trova altro appiglio che Oscar, il quale, in realtà ragazzo dall’animo mite e bonario, le offre ospitalità a casa sua; con il passare dei giorni, cercando di darsi una mano a vicenda, tra i due nasce una forte amicizia, se non qualcosa di più profondo. Allo stesso tempo Oscar è alle prese con le sempre più frequenti bizzarrie dell’avvocato, il quale è deciso a portare la tentata truffa finanche in tribunale, e pur di vincere la causa trascina il suo assistito in situazioni al limite, tra operazioni chirurgiche superflue e arringhe inverosimili.

Tutto degenera quando Oscar scopre che l’avvocato altri non è che un mitomane, incappato nell’ennesima crisi di personalità: resosi improvvisamente conto dell’abbaglio, il ragazzo vede svanire di lì a breve anche l’amore quando Nancy torna oltreoceano, decisa a riprendere in mano la sua carriera, ma ora ben conscia di quanto la fama non sia tutto. Oscar accusa il colpo ma non si dà per vinto e, reso possibilmente più maturo dagli ultimi eventi, affronta l’ennesima audizione con una rinnovata consapevolezza.

Regia di Mario Mattoli

Con: TotòDolores PalumboEnzo TurcoValeria MoriconiFranca Faldini e Sophia Loren

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *