sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Mondo > Una pillola per combattere il Covid-19: la speranza arriva dagli Stati Uniti

Una pillola per combattere il Covid-19: la speranza arriva dagli Stati Uniti

una pillola

Una pillola per combattere il Covid-19: la speranza arriva dagli Stati Uniti

Una pillola antivirale, sviluppata dal produttore di farmaci statunitense Merck, potrebbe dimezzare le possibilità di morte o di essere ricoverati in ospedale per le persone più a rischio di contrarre il COVID-19 in forma grave. Gli esperti la salutano come una potenziale svolta nel modo in cui viene trattato il virus.

Punti chiave:

  • La pillola è pensata per introdurre errori nel codice genetico del virus
  • I produttori prevedono di richiedere l’autorizzazione all’uso negli Stati Uniti il ​​prima possibile
  • I risultati della prova hanno fatto salire le azioni Merck di oltre il 9%

Tuttavia gli scienziati hanno avvertito che il farmaco non porrà fine alla pandemia, poiché persistono resistenza e variazioni.

“Ci sono molte caratteristiche interessanti a riguardo, proprio come c’è per Tamiflu per l’influenza, che è un altro modo di pensare a questo”, ha detto Peter Hotez del Baylor College e del Texas Children’s Hospital Center.

“Riduce la gravità della malattia, ma non la previene del tutto. Ma può potenzialmente tenere molte persone fuori dall’ospedale”.

Il farmaco, chiamato molnupiravir, è progettato per introdurre errori nel codice genetico del virus.

Se autorizzato per l’uso, sarà il primo farmaco antivirale orale per COVID-19.

Merck e il partner Ridgeback Biotherapeutics hanno dichiarato di aver pianificato di richiedere l’autorizzazione all’uso di emergenza negli Stati Uniti per la pillola il prima possibile e di presentare applicazioni normative in tutto il mondo.

Il dottor Stephen Parnis, medico di emergenza che cura i pazienti COVID-19 a Victoria, ha affermato che sarebbe fantastico avere accesso a un nuovo farmaco che potrebbe aiutare a combattere il virus.

Gli scienziati hanno accolto con favore il potenziale nuovo trattamento per aiutare a prevenire gravi malattie causate dal virus, che ha ucciso quasi 5 milioni di persone in tutto il mondo.

“I vaccini MRNA [come Pfizer] sono difficili da realizzare”, ha spiegato Hotez.

“Ci vorranno anni per imparare a incrementare la produzione.

Anche Pfizer e la casa farmaceutica svizzera Roche stanno correndo per sviluppare una pillola antivirale di facile somministrazione per COVID-19.

Per ora, solo i cocktail di anticorpi che devono essere somministrati per via endovenosa sono approvati per i pazienti non ospedalizzati negli Stati Uniti.

Un’analisi ad interim pianificata di 775 pazienti nello studio molnupiravir di Merck ha esaminato i ricoveri e i decessi.

Ha rilevato che il 7,3% di quelli a cui era stato somministrato molnupiravir era stato ricoverato in ospedale e nessuno era morto entro 29 giorni dopo il trattamento.

Nel gruppo placebo, il 14,1% è stato ricoverato in ospedale e otto sono morti.

Lo studio ha coinvolto pazienti di tutto il mondo, che hanno assunto molnupiravir due volte al giorno per cinque giorni.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione scrive senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è la Associazione culturale “La Nuova Italia” che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net