sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Mondo > Disastro ambientale in California: una chiazza di petrolio verso la costa

Disastro ambientale in California: una chiazza di petrolio verso la costa

chiazza di petrolio

California, marea nera di petrolio minaccia costa

Un grave disastro ambientale simile a quello del Golfo del Messico di alcuni anni fa sta minacciando la costa Californiana.

Una marea nera sta minacciando infatti il Golden State, dopo che da un oleodotto sono fuoriusciti almeno 3000 barili di greggio nel Pacifico al largo della costa della contea Orange,creando una chiazza di petrolio di 25km quadrati.

Secondo le prime informazioni a causare la marea nera allargo della California, potrebbe essere stata l’ancora di una delle tante navi che attendono di entrare nel porto di Los Angeles. E’ una delle ipotesi degli investigatori.

Nel frattempo, si tenta di arginare la macchia.

Il disastro ambientale della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, affiliata alla BP, è stato un massiccio sversamento di petrolio nelle acque del Golfo del Messico in seguito a un incidente riguardante il Pozzo Macondo che si trova a oltre 1.500 m di profondità.

Lo sversamento è iniziato il 20 aprile 2010 ed è terminato 106 giorni più tardi, il 4 agosto 2010, con milioni di barili di petrolio sulle acque di fronte alla LouisianaMississippiAlabama e Florida, oltre alla frazione più pesante del petrolio che ha formato grossi ammassi sul fondale marino.

È il disastro ambientale più grave della storia americana, avendo superato di oltre dieci volte per entità quello della petroliera Exxon Valdez nel 1989[1], pertanto spesso ci si riferisce a questo disastro con l’espressione “Marea nera”[1][2].