giovedì, Dicembre 2, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Gor’kij in TV del 1° novembre alle 15.45 su RAI 5: “I Piccoli Borghesi” con Gigi Proietti

Anticipazioni per il Grande Teatro di Gor’kij in TV del 1° novembre alle 15.45 su RAI 5: “I Piccoli Borghesi” con Gigi Proietti

i piccoli borghesi

Anticipazioni per il Grande Teatro di Maksim Gor’kij in TV del 2 novembre alle 15.45 su RAI 5: “I Piccoli Borghesi” con Gigi Proietti

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Georges Feydeau del 23 marzo  alle 15.45 su Rai 5: “Lèonie è in anticipo”

Per il Grande Teatro di Maksim Gorkij in TV in onda oggi lunedì 1° novembre su Rai 5 alle 15.45 il dramma di Maksim gorkiano “Piccoli borghesi” che narra le vicende di una famiglia borghese della piccola provincia russa, prima della rivoluzione.

Bezsemionov (Mario Feliciani), uomo mediocre e reazionario, ha rapporti difficili con i figli Piotr (Renato De Carmine), pigro e irresoluto, e Nil (Gigi Proietti), il figlio adottivo, che lo contesta apertamente nella versione andata in onda nel 1968 sui canali Rai con la regia di Edmo Fenoglio e la partecipazione di Lina Volonghi e Gianrico Tedeschi. 

Un volto, una voce e un’umanità indimenticabili: Rai Cultura rende omaggio allo straordinario Gigi Proietti ad un anno dalla sua scomparsa.

I piccoli borghesi (I Filistei) ( russo : Мещане , romanizzato :  Meshchane ) è l’opera prima di Maxim Gorky scritta nel 1901. Fu pubblicata per la prima volta da Znaniye nel 1902, sottotitolata: “Le scene nella casa di Bessemenov. Il dramma abbozzo in 4 atti”. [1]

I Piccoli Borghesi (I Filistei)
Gorky al Moscow Art Theatre con il cast, 1902
Scritto daMaxim Gorky
Data in anteprimaIl 26 marzo 1902
Luogo in anteprimaTeatro d’arte di Mosca
Lingua originalerusso
GenereDramma realistico
AmbientazioneLa casa di Bessemenov a Mosca, all’inizio del 1900

Lo spettacolo è stato presentato in anteprima il 26 marzo 1902 al Moscow Art Theatre , diretto da Konstantin Stanislavski e Vasily Luzhsky , quest’ultimo con la parte principale di Bessemenov. La produzione ebbe un successo sbalorditivo, anche se ogni frase considerata “troppo rischiosa” era stata tagliata dalla censura. [1]

Nel corso del primo anno furono vendute 60mila copie de I Filistei . Nel 1903 è stato insignito del Premio Griboedov .