venerdì, Gennaio 21, 2022
Home > Mondo > Mosca ritira le forze CSTO inviate in Kazakistan per la repressione delle proteste

Mosca ritira le forze CSTO inviate in Kazakistan per la repressione delle proteste

kazakistan

Kazakistan, Mosca ritira le proprie forze: proteste sedate

File:Flag of the Collective Security Treaty Organization.png - Wikimedia  Commons

Ad una settimana dall’ingresso in Kazakistan delle forze armate guidate dalla Federazione Russa ed inviate dai paesi del CSTO – Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva formata da 6 repubbliche ex-sovietiche, Mosca ha dicharato di avere ripristinato la sicurezza e l’ordine in territorio kazako e di avere avviato il ritiro delle truppe.

Infatti I soldati dell’alleanza militare che comprende la Russia e cinque repubbliche ex sovietiche hanno iniziato il ritiro dal Kazakistan, dove erano stati chiamati dal presidente Tokayev per sedare le forti proteste contro il caro carburante. Lo rende noto il ministero della Difesa russo. Da parte loro le autorità del Kazakistan hanno annunciato di aver concluso “l’operazione anti-terrorismo” in 14 delle 17 regioni in cui era stato elevato il livello d’allerta che resta invece nella città di Almatay e provincia

Situazione drammatica in Kazakistan: decine di manifestanti uccisi dalle forze governative ed alleate

Kazakistan, decine di rivoltosi uccisi

2022 Proteste in Kazakistan — Aqtobe, 4 gennaio (01).jpg

Appare sempre più drammatico il quadro degli scontri di piazza in Kazakistan, dove si registrano decine di vittime fra i manifestanti mentre le autorità denunciano la morte di 8 agenti di polizia uccisi durante le rrivolte contro il regime autoritario che da decenni è al governo del Paese euroasiatico.

Intanto il presidente kazako Tokayev ha chiesto e ottenuto l’intervento della CSTO, organizzazione di 6 Stati ex-sovietici guidata di fatto da Mosca. Le truppe resteranno per “stabilizzare e normalizzare la situazione”

Kazakistan, Russia invia mezzi e truppe

Diversi blindati e decine di truppe a piedi, inviate da Mosca, hanno fatto il loro ingresso nella piazza principale di Almaty, la più grande città del Kazakistan, dove centinaia di persone stanno protestando contro il governo per il terzo giorno.

Si sono sentiti degli spari mentre le truppe si avvicinano alla folla. Intanto, decine di rivoltosi che hanno preso parte ai disordini ad Almaty sono stati “eliminati” e la loro identità è in corso di identificazione, riferisce un rappresentante della polizia locale.

Kazakistan, assaltati i palazzi municpali della prima e della terza città del Paese


Nonostante lo stato d’emergenza e lo scioglimento del governo Mamin da parte del presidente Tokayev, proseguono le proteste in Kazakistan originariamente causate dall’aumento dei prezzi del gas. e poi sfociate nella richiesta di abbattimento del regime al potere nel Paese.

Nel frattempo, dopo la dissoluzione del governo kazako è stato affidato al vicepremier Smailov l’interim fino alla formazione del nuovo esecutivo.

I dimostranti hanno preso il controllo del comune di Aktobe;occupato quello di Almaty,capitale finanziaria. Per reprimere le manifestazioni la polizia ha usato blindati, lacrimogeni e granate. Al momento il bilancio è di 95 poliziotti feriti e 200 arresti. Pugno duro contro le proteste, dice il presidente Tokayev chiedendo l’aiuto di Mosca,

Le proteste sono scoppiate in Kazakistan il 2 gennaio 2022 dopo un improvviso forte aumento dei prezzi del gas che, secondo il governo kazako , era dovuto all’elevata domanda e alla fissazione dei prezzi. Le proteste sono iniziate nella città petrolifera di Zhanaozen, ma si sono rapidamente estese ad altre città del paese, [5] inclusa la città più grande, Almaty . Anche il crescente malcontento nei confronti del governo e dell’ex presidente Nursultan Nazarbayev ha influenzato le manifestazioni più ampie. Non essendoci gruppi di opposizione popolare contro il governo kazako, i disordini sembravano essere assemblati direttamente dai cittadini. In risposta, il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha dichiarato lo stato di emergenzanella regione di Mangystau e Almaty, in vigore dal 5 gennaio. Il governo Mamin si è dimesso lo stesso giorno. [6] [7] [8] In risposta ai disordini, la Collective Security Treaty Organization (CSTO) – una raccolta militare di stati post-sovietici che include Armenia , Bielorussia , Kirghizistan , Russia , Tagikistan e lo stesso Kazakistan – ha accettato di schierare truppe di pace in Kazakistan.