sabato, Luglio 2, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Sauvajon del 25 marzo alle 15.45 su Rai 5: “Adorabile Giulia”

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Sauvajon del 25 marzo alle 15.45 su Rai 5: “Adorabile Giulia”

adorabile giulia

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Marc-Gilbert Sauvajon del 25 marzo alle 15.45 su Rai 5: “Adorabile Giulia”

Grande Teatro in TV di Petito 11 marzo Rai 5: “Una mangiata impossibile"

Per il Grande Teatro in TV di Marc-Gilbert Sauvajon va in onda oggi sabato 26 marzo alle 15.45 su Rai 5 la commedia scritta nel1954 “Adorabile Giulia” nella versione andata in onda nel giugno 1975 sulla Rai con la regia di Fulvio Tolusso e la interpretazione di Giseppe Pambieri, Edmonda Aldini ed Alberto Lupo.

Trama

Nei tre atti di Marc-Gilbert Sauvajon, tradotti da Ada Pasquato Montereggi, Edmonda Aldini interpreta il ruolo di Giulia Lambert, attrice di teatro che si ostina a recitare la parte della giovane donna sia in scena che nella vita privata

Adorable Julia (tedesco: Julia, Du bist zauberhaft ) è un film commedia  franco-austriaco del 1962, diretto da Alfred Weidenmann e interpretato da Lilli Palmer , Charles Boyer e Jean Sorel . [1] È stato presentato al Festival di Cannes del 1962 . [2] È basato sul romanzo del 1937 Theatre di W. Somerset Maugham e sull’opera teatrale successiva “Adorabile Giulia” che Guy Bolton e Marc-Gilbert Sauvajon hanno adattato dal romanzo.

Le scenografie sono state progettate dall’art director Leo Metzenbauer . Il film è stato in parte girato in esterni a Londra. È stato realizzato con il sostegno della tedesca Constantin Film , che ha prodotto numerosi film austriaci durante il periodo.

Marc-Gilbert Sauvajon[1], all’anagrafe Sauvajon Marc Henri (Valence25 settembre1909 – Montpellier15 aprile1985) è stato un registasceneggiatore e drammaturgo francese.

Figlio di un commerciante morto quando Marc-Gilbert aveva solo due anni, fu allevato dalla madre che desiderava entrasse in diplomazia. Studiò giurisprudenza a Lione e poi a Parigi. Tornato a Valence divenne capo redattore del quotidiano Sud-Est. Dopo la sua chiusura fondò il settimanale Valence-Républicain.[2]. Ma le sue passioni erano il teatro ed il cinema.[3] Cominciò a scrivere per il teatro nel 1936, prediligendo il genere brillante.[4]
Incoraggiato dall’accoglienza del suo primo lavoro teatrale, l’L’Amant de paille si trasferì da Valence a Parigi.[5]
La sua commedia All in the Family, adattamento da Victor Wolfson, è stata rappresentata per la prima volta allo Strand Theatre di Londra il 17 giugno 1959. Era diretta da Norman Marshall e con la scenografia di Paul Mayo. Il cast era composto da Maxine Audley, Donald Sinden, Andre Morell, Brian Oulton, Peggy Thorpe-Bates, Michael Logan, Vanda Godsell, Pauline Cavaliere, Virginia Maskell, Mary Powell, Douglas Malcom e Philip Ashley.[6]

Ha collaborato a circa 60 film.[4][7]
Nel 1947 ha fatto parte della giuria del Festival di Cannes.[8]
Nel 1959 ha vinto il Prix Courteline per il suo libro Trois Mille ans dans un fauteuil.[4]
La Société des Auteurs et Compositeurs Dramatiques (S.A.C.D.) gli ha concesso il grand prix nel 1976.[9]

Lasciò il lavoro e si ritirò nella provincia natale alla morte della moglie Lucienne, a cui era molto legato.[10]
È sepolto nel cimitero di Tain-l’Hermitage (Drôme).[11]