lunedì, Luglio 4, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Goldoni in TV del 6 giugno alle 15.40 su Rai 5: “I due gemelli veneziani” con Alberto Lionello

Anticipazioni per il Grande Teatro di Goldoni in TV del 6 giugno alle 15.40 su Rai 5: “I due gemelli veneziani” con Alberto Lionello

i due gemelli

Anticipazioni per il Grande Teatro di Goldoni in TV del 6 giugno alle 15.40 su Rai 5: “I due gemelli veneziani” con Alberto Lionello

I Due Gemelli Veneziani, (1978, DVD, 119 min.)

Oggi pomeriggio 12 marzo su Rai 5 alle 15.40 per il Grande Teatro di Goldoni sulle reti RAI, va in onda la commedia di Carlo Goldoni “I due gemelli veneziani”, proposta nella versione scenica trasmessa dalla Rai nel’aprile 1978 con la regia di Luigi Squarzina e l’interpretazione di Alberto Lionello, Fiorenza Marchegiani e Maddalena Crippa

Un eccezionale saggio di bravura di Alberto Lionello che ne I Due Gemelli Veneziani di Carlo Goldoni è protagonista in un doppio ruolo. La commedia fu uno dei suoi più grandi successi, rimasta in scena per quindici anni, dal 1963 alla fine degli anni 70, e acclamata in tutto il mondo in una serie di tournée trionfali.

I due gemelli veneziani è una commedia in tre atti in prosa di Carlo Goldoni scritta e rappresentata per la prima volta a Pisa nel 1747, con Cesare D’Arbes nel doppio ruolo di Zanetto e Tonino. La commedia ottenne un vasto successo, fu replicata a VeneziaFirenzeMantova e in altre città italiane[1] e rimase per lungo tempo il cavallo di battaglia dell’attore[2]. Nel 1751 fu portata a Vienna[3].

Trama

Verona. Zanetto, figlio sciocco di un mercante e cresciuto a Bergamo, arriva in città per incontrarsi con la sua futura sposa, Rosaura, figlia del dottor Balanzoni. Zanetto ha un fratello gemello, Tonino, che è cresciuto a Venezia e che si distingue da lui perché dotato di grande intelligenza e fascino.

Il caso vuole che nello stesso periodo anche Tonino si trovi a Verona, poiché deve incontrarsi con la sua amata Beatrice, affidata alle cure dell’amico Florindo affinché la difenda dalla corte insistente di un certo Lelio. Una serie di coincidenze ed equivoci dà luogo ad uno scambio fra i due gemelli Zanetto e Tonino, che si ritrovano quindi al centro di varie peripezie.

Mentre Colombina, la serva di casa Balanzoni, cerca di farsi dare in sposa al servitore di Zanetto, Arlecchino, l’anziano Pancrazio, ipocrita amico del dottore, ha messo gli occhi su Rosaura e cerca di convincerla a mandare a monte le nozze, ma non riuscendovi, uccide Zanetto, avvelenandolo. Smascherato dal sagace Tonino, Pancrazio si darà la morte, bevendo lo stesso veleno.