domenica, Ottobre 2, 2022
Home > Mondo > Zaporizhzhia, centrale riconnessa alla rete ucraina

Zaporizhzhia, centrale riconnessa alla rete ucraina

Zaporizhzhia

Zaporizhzhia, centrale riconnessa alla rete ucraina

La centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata riconnessa alla rete elettrica ucraina. Lo ha annunciato la compagnia nazionale per l’energia, Energoatom.

Il ricollegamento alla rete è avvenuto alle 14.04 locali (le 12 italiane). Questa mattina era stata “ripristinata” la linea elettrica che era saltata ieri, provocando la prima disconnessione dalla rete elettrica nazionale in 40 anni.

“La linea di alimentazione della centrale al sistema energetico ucraino è stata ripristinata e sono i corso i lavori per predisporre il collegamento alla rete delle due unità di potenza”, i reattori, si aggiunge su Telegram, spiegando che non si segnalano problemi al sistema di sicurezza e che la centrale riceve l’energia necessaria al suo fabbisogno interno “attraverso una linea proveniente dal sistema elettrico ucraino”.

Un funzionario filorusso, Vladimir Rogov, sostiene che, a causa di quelli che lui definisce attacchi delle forze armate ucraine a Energodar, al momento sarebbero state interrotte tutte e quattro le linee di fornitura di energia elettrica dalla centrale nucleare verso il territorio ucraino controllato dalle autorità di Kiev. Lo riporta la Tass citando una dichiarazione di Rogov alla tv statale russa. Secondo la fonte, la situazione nella centrale è sotto controllo e viene fornita energia alle zone dell’Ucraina occupate dalle truppe russe. Mosca e Kiev si accusano a vicenda di attacchi nella zona della centrale.

Intanto, mentre i costi energetici nei Paesi europei salgono alle stelle, la Russia brucia grandi quantità di gas naturale nel suo impianto di Portovaya, vicino al confine con la Finlandia: è quanto emerge da un’analisi della società norvegese Rystad Energy condivisa con la Bbc. L’emittente britannica pubblica oggi alcune immagini delle grandi fiamme che si levano dall’impianto, inclusa una a colori ripresa da un satellite che mostra la radiazione infrarossa provocata dalla combustione del gas.

Secondo alcuni esperti, il gas che brucia era destinato ad essere esportato in Germania e ogni giorno va in fumo gas per un valore di 10 milioni di dollari (circa 10 milioni di euro). La Rystad Energy ritiene che vengano bruciati circa 4,34 milioni di metri cubi di gas naturale liquefatto (gnl) al giorno nell’impianto a nord-ovest di San Pietroburgo. Sono stati i cittadini finlandesi i primi a segnalare che qualcosa non andava, dopo aver notato una grande fiamma all’orizzonte all’inizio dell’estate. 

Gas: media, Russia brucia gnl in impianto vicino Finlandia

Il nuovo segnale di allarme sulla centrale atomica era arrivato ieri quando l’impianto si è disconnesso dalla rete elettrica ucraina, tra le accuse reciproche di Mosca e Kiev di aver provocato l’incidente con i continui bombardamenti sulla zona.

Zaporizhzhia è “totalmente scollegata”, aveva annunciato Energoatom nel corso della giornata, spiegando che i “due reattori in funzione sono stati disconnessi dalla rete”. Ed anche se il sistema di sicurezza ha retto, l’ente nazionale per l’energia di Kiev ha puntato il dito sulle “azioni degli invasori”, i cui ripetuti attacchi hanno provocato degli incendi che hanno fatto saltare per due volte l’ultima linea di comunicazione con la rete. Altre tre linee di comunicazione erano state precedentemente danneggiate sempre dai russi. Dopo le operazioni di manutenzione, Energoatom ha fatto sapere che la linea elettrica era stata ripristinata. Diversa la versione dell’incidente da parte dei filo-russi che occupano la centrale da marzo. Il problema della disconnessione, in seguito risolto, è stato provocato dai “massicci bombardamenti ucraini” che hanno lasciato per diverse ore al buio gran parte delle regioni sotto controllo russo nelle province di Zaporizhzhia e Kherson. A questo punto la speranza, espressa dal direttore generale dell’Aiea Rafael Grossi, è che la sua agenzia possa ispezionare l’impianto “a giorni”. La preoccupazione maggiore è che i meccanismi di sicurezza possano saltare se l’impianto perdesse tutta la sua potenza. (ANSA)

Foto di Сергей Ильенко da Pixabay

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.