martedì, Febbraio 7, 2023
Home > Mondo > Ucraina, Zelensky dimissiona i vertici istituzionali sospetti di irregolarità amministrative

Ucraina, Zelensky dimissiona i vertici istituzionali sospetti di irregolarità amministrative

ucraina

Ucraina, Zelensky ottiene una raffica di dimissioni dai vertici istituzionali sospettati di irregolarità amministrative – Dopo le notizie diffuse dai media di gravi irregolarità amministrative commesse dai vertici di numerose istituizioni Ucraine sospettati di acquisti di forniture di armi e cibo a prezzi gonfiati, il Presidente Zelensky ha “dimissionato i sospetti”.

Una raffica di dimissioni infatti sono state annunciate stamattina al vertice delle istituzioni ucraine. Hanno annunciato che lasciano la carica il vicecapo dell’ufficio presidenziale Tymoshenko,i vice ministri della Difesa Shapovalov, dello Sviluppo della comunità Lekerya e Negoda, e Politiche sociali Muzychenko.

Dimissionario anche il vice procuratore Symonenko. L’ondata di dimissioni, dopo le rivelazioni di stampa su presunti acquisti di forniture di armi e altro a prezzi gonfiati e altre irregolarità. Destituiti anche 5 governatori regionali. Le dimissioni indotte da Zelensky.

Ramstein, l’Europa: “Dobbiamo continuare ad aiutare l’Ucraina” – Chiarissime e prive di ogni possibilità di dubbi interpretativi le parole del Presidente del Parlamento europeo Metsola: “Dobbiamo continuare ad aiutare l’Ucraina, anche militarmente”.

Sembra quindi diventare un sostegno forte alle continue richieste di armi pesanti, denaro e quant’altro serva contro la Russia, che Zelensky effettua nei vari video-incontri con i burocrati di alcuni governi europei, tra cui l’Italia, che gli danno spazio.

Non sembra essere un caso che il vertice si sia tenuto a Rammstein, e dopo che Il direttore della Cia, William J. Burns, si è recato in segreto in Ucraina alla fine della scorsa settimana:,ha comunicato al presidente Volodymyr Zelensky le proprie previsioni riguardo al conflitto e ai piani militari della Russia per le prossime settimane e mesi. 

Dispiace vedere che tra coloro che promuovono il conflitto, possa esserci l’Italia.

Anzi sembra proprio che l’Italia voglia promuovere un incremento e magari un allargamento della guerra, con il coinvolgimento di altri stati, e forse della stessa Italia.

Le parole del Ministro della Difesa Crosetto, proferite a Rammstein, sembrano andare in questa direzione: “Probabile inasprimento guerra”.

Aggiungendo: bisogna passare dalle parole ai fatti nel più breve tempo possibile. Ogni nazione contribuirà fornendo materiale militare (batterie antimissili e mezzi terrestri) per aiutare la difesa ucraina a fronteggiare il peggioramento del conflitto che rischia di esserci nei prossimi mesi.

Che sia una situazione in crescendo, verso l’allargamento del conflitto, lo dimostra il fatto che da un lato, c’è un gruppo di Paesi disposto a correre – capitanato da Regno Unito e Polonia – e a fornire a Kiev armi finora considerate tabù, tipo i carri armati e persino i caccia F-16, dall’altro c’è chi frena, come stranamentela la Germania chenonostante le pressioni del pre-vertice, non ha dato il via libera all’esportazione dei suoi Leopard 2, che Kiev chiede a gran voce.

E ricordiamo invece il famoso viaggio in treno di Schokz a Kiew  insieme a Draghi e Macron.

Le parole di Crosetto che ha partecipato per l’Italia al vertice:  “Bisogna passare dalle parole ai fatti nel più breve tempo possibile”, e dopo le affermazioni riportate in precedenza, lasciano spazio a varie interpretazioni, non escludendo certamente anche le più disastrose per il popolo Italiano.

Non arrivano a caso le risposte, a volte incredule, a volte sibilline, che i Russi ci hanno fatto pervenire, anche in occasione della partecipazione di Zelensky alla serata conclusiva del Festival di Sanremo.

Che sia una discutibile azione di “propaganda” per convincere gli Italiani ad una guerra di cui i rischi sono enormi?

Non ci e’ dato da sapere, se non il chiederci quale senso possa avere in una manifestazione canora, invitare un personaggio come Zelensky che piaccia o no, ha diviso il mondo.

Ettore Lembo

Fonti: https://www.adnkronos.com/ucraina-zelensky-a-germania-dateci-i-tank-la-gente-qui-muore_1ODf9yGR8cXewSyNsTIA06

https://www.adnkronos.com/ucraina-direttore-cia-ha-incontrato-in-segreto-zelensky-a-kiev_2npQmCd7NfVcYUa0ycSw0m

https://www.agi.it/estero/news/2023-01-20/ucraina-ramstein-nuove-armi-2-5-miliardi-aiuti-usa-19719538/

https://www.rainews.it/video/2023/01/metsola-dobbiamo-continuare-ad-aiutare-lucraina-anche-militarmente-d1d5f061-d2be-4900-905f-313b51a0c627.html?wt_mc=2.www.wzp.rainews24

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2023/01/20/ucraina-a-ramstein-si-arma-kiev-per-la-controffensiva-ma-berlino-nega-i-tank_b1e06bf5-6155-4eab-8107-ed9cdf0cf47a.html

https://www.adnkronos.com/ucraina-crosetto-a-stoltenberg-italia-continuera-a-fare-sua-parte_4xI4qNCboVNoaKO3SCgNMy

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Foto interna ed esterna: https://it.wikipedia.org/wiki/Volodymyr_Zelens%27kyj#/media/File:Volodymyr_Zelenskyy_address_the_nation_following_the_Kramatorsk_railway_station_attack.jpg