venerdì, Maggio 24, 2024
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per le SS. Messe del 13 agosto alle 7, 8.30 e 19 su TV 2000: dal Santuario di S. Maria dell’Accoglienza in Mendicino (CS)

Anticipazioni per le SS. Messe del 13 agosto alle 7, 8.30 e 19 su TV 2000: dal Santuario di S. Maria dell’Accoglienza in Mendicino (CS)

messe

Anticipazioni per le SS. Messe del 13 agosto alle 7, 8.30 e 19 su TV 2000: dal Santuario di S. Maria dell’Accoglienza in Mendicino (CS) – Domenica 13 agosto alle 7, 8:30 e 19 su TV 2000 andranno in onda le SS. Messe quotidiane dal Santuario di S. Maria dell’Accoglienza in Mendicino (CS).

La trasmissione può essere seguita anche in diretta streaming sul sito https://www.tv2000.it/live/.

Prosegue così l’impegno di TV 2000 nel seguire le celebrazioni e le messe officiate in questo periodo particolare, segnato dal superamento delle misure restrittive disposte per il contenimento della pandemia di coronavirus e dal ritorno alle normali celebrazioni degli eventi religiosi.

La trasmissione televisiva delle Messe della giornata vuole avvicinare i sacramenti ai fedeli, consentendo a tutti di partecipare alla celebrazione, ed affiancandosi alle cerimonie liturgiche che sono riprese nelle Parrocchie di tutta Italia pur con le misure di sicurezza tuttora opportune.

Mendicino (Mennicìnu in calabrese[4]Mennikino in greco bizantino) è un comune italiano di 9 197 abitanti[1] della provincia di Cosenza in Calabria.

Mendicino è un comune della provincia di Cosenza, situato a 475 metri di altitudine alle pendici di monte Cocuzzo, non lontano dal mare e a pochissimi chilometri dal capoluogo. Da Cosenza verso il paese, la recente espansione edilizia si apre in ampi spazi verdi: la strada è fiancheggiata da numerosi ulivifichiquercevigneti e campi seminati a grano circondati da viottoli erbosi che costeggiano la strada, insieme a rari casolari appoggiati sulle colline. Giunti a Candelisi, ci appare a sud, la prima veduta dell’antico paese con due erte di case. Il sole nasce sul belvedere, propaggine di una gola di fiume culminante con la torre dell’orologio, edificata su una ventosa distesa di ulivi. Sul pendio troviamo il rione “Castello” che affida le sue vecchie case all’antico muro che le abbraccia insieme al viale alberato, e che, dalla vecchia Piazza del Duomo giunge fino alla piccola chiesa di Santa Caterina. L’altra sponda della strada e della piazza principale sono costeggiate da eleganti e grandi case risalenti al tardo ottocento: portoni e scale in pietra, larghi balconi, terrazze ed inferriate leggere in stile rinascimentale. Il borgo si inerpica sulla collina con case sempre più minute e serrate, con vicoli a gradoni e rumorose piazzuole, alternando archi a scalette sospese e a finestre di gerani: il nucleo centrale di Mendicino. In testa, si erge il vecchio Palazzo Campagna Del Gaudio, dimora nobiliare di fine Settecento, che si staglia dal cortile di ippocastani in delicatissimi toni di grigio e bianco, e dotato di un elegante porticato in pietra. Risalendo le strette curve che portano al Santuario in stile gotico di Santa Maria, la veduta opposta è altrettanto bella: ad ovest il paese si stempera in colline tinte di giallo e rosa, e di fronte, il Duomo con la sua facciata laterale con finestroni e il campanile, posata su un’enorme roccia color senape, dimora di gazze.

Santuario di S. Maria dell’Accoglienza

Facciata in tufo. Il primo insediamento cristiano sul luogo dove oggi sorge il santuario è datato intorno al VII-VIII secolo d.C. All’interno si trova una statua in pietra raffigurante la Madonna di Schiavonea, recentemente restaurata con iconografia moderna.

Foto intena ed esterna: https://www.tv2000.it/prega-con-noi/