mercoledì, Settembre 22, 2021
Home > Marche > Rinascere dalle macerie del sisma con curiosità e resilienza

Rinascere dalle macerie del sisma con curiosità e resilienza

Venerdì 21 luglio, ad Ascoli Piceno, due eventi di solidarietà e sensibilizzazione si sono incontrati nella magica cornice di Piazza del Popolo. Infatti, all’interno del Palazzo dei Capitani ha avuto luogo l’incontro “un me migliore di me” del percorso “prefigurare il futuro” e al suo termine è stata inaugurata la partenza del camper di volontari della “Carovana del Cuore”.

Quello svoltosi nello storico palazzo è stato l’ultimo dei 5 incontri gratuiti organizzati nell’ascolano e nel maceratese dalla Fondazione Patrizio Paoletti. Tale fondazione è un ente nazionale di ricerca con più di 16 anni di esperienza in interventi educativi e pedagogici in contesti di emergenza. Il percorso ha riscontrato un’ottima risposta da parte del pubblico, arrivando a contare, nel complesso, circa 500 spettatori. È stato proprio Patrizio Paoletti, presidente della fondazione, ad avere la parola per la maggior parte del tempo. La discussione è stata incentrata sul come migliorare l’apprendimento con la curiosità e sul come riuscire a superare catastrofi naturali e sociali attraverso la resilienza. Il tutto con l’obiettivo di aiutare le popolazioni marchigiane colpite dal sisma.

Al termine dell’incontro sono intervenute le molte autorità presenti per ringraziare organizzatori e partecipanti. Fra di esse: il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli, il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci, l’assessore di San Benedetto del Tronto Antonella Baiocchi, il vicesindaco di Acqua Santa Terme Luigi Capriotti e la presidentessa dell’ordine regionale degli assistenti sociali Marzia Lorenzetti.

Infine, alle 19 e 30, davanti al Palazzo dei Capitani, si è proceduto alla benedizione del camper di volontari della Carovana del Cuore e all’inaugurazione della partenza, con il tradizionale “taglio del nastro”. La scelta di partire dall’importante piazza ascolana ha un grande valore simbolico per la tredicesima edizione della Carovana. Quest’ultima rappresenta il coronamento di un lungo progetto realizzato dalla Fondazione Paoletti sul territorio marchigiano, a favore delle popolazioni colpite dal sisma. Il camper percorrerà, nel periodo estivo, 3000 km, puntando l’attenzione sui diritti dell’infanzia. Fino ad oggi più di 900 volontari della Carovana, provenienti da tutto il mondo, hanno incontrato circa 1 milione di persone, lasciando ad ognuno un braccialetto con su scritto “VIVI appassionatamente”, lo slogan della manifestazione.

“L’acqua, il cibo, le cure e le strutture sono la base, il terreno su cui poggiare i piedi. Ma è una volta saziati questi bisogni basilari che si giunge alla parte più complessa e più importante: il processo educativo”. È con tali parole che Patrizio Paoletti spiega la grande importanza che va attribuita, soprattutto nei momenti di grande difficoltà, all’istruzione e alla didattica, promuovendo un allargamento della propria “cornice” da un punto di vista egoistico ad uno comunitario.

Lorenzo Pallotta