venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Marche > Cittadinanzattiva: “Basta barriere architettoniche a partire dalla Stazione”

Cittadinanzattiva: “Basta barriere architettoniche a partire dalla Stazione”

Cittadinanzattiva: “Basta con le barriere architettoniche a partire dalla stazione di San Benedetto del Tronto dove dal sottopasso ferroviario non e’ possibile raggiungere il piano strada, nemmeno con una carrozzina per bimbi. Urge un ascensore o una scala mobile”.

Si tratta di un appello, quello dell’assemblea territoriale di San Benedetto del Tronto, che La-notizia.net condivide pienamente avendo già  pubblicato un articolo in questa direzione.

“Il caldo si fa sentire – si legge nella nota stampa –  e le difficoltà a muoversi aumentano soprattutto per i cittadini con disabilità. Urgono soluzioni concrete per risolvere le difficoltà legate alla mobilità delle  disabilità. Una integrazione sempre più in salita.  Pertanto è “l’obiettivo barriere” che in primis occorre affrontare eliminando materialmente le barriere architettoniche che impediscono la mobilita’ sia dei disabili sia di quanti anche momentaneamente hanno difficolta’ motorie.
Insomma abolire le barriere architettoniche attraverso iniziative concrete di civilta’ e liberta’ al di la’ della retorica sulla disabilita’:
1)difesa della qualita’ della vita;
2)applicazione di tutte le normative a difesa dei diversamente abili;
3)disabilita’ che non abbiano a soffrire piu’ di quanto la vita non le abbia gia’
penalizzate;
4)risorse economiche che vengano utilizzate correttamente sulla base del principio
solidaristico, che sta alla base della tassazione.
Chiediamo un intervento immediato per risolvere intanto questo primo problema
evidenziato, chiedendo contestualmente a questa amministrazione un incontro per verificare se esiste un piano di abbattimento delle barriere architettoniche”.
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *