sabato, Settembre 18, 2021
Home > Marche > Un regolamento per chiudere le vertenze tributarie

Un regolamento per chiudere le vertenze tributarie

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il presidente Giovanni Chiarini ha convocato il Consiglio comunale per sabato 26 agosto alle 9 con tredici punti all’ordine del giorno. Si segnalano:

 

– l’interrogazione di Domenico Pellei che chiede se il Comune ha intenzione di effettuare studi su mobilità e inquinamento propedeutici al cambiamento della viabilità a nord del centro cittadino;

 

– le tre interrogazioni di Flavia Mandrelli per chiedere conto dell’operato di Picenambiente e dei controlli che il Comune esercita sull’azienda, della querela presentata dal Comune nei confronti di alcuni profili satirici su Facebook, delle condizioni igieniche dell’edificio adibito a guardia medica turistica di Porto d’Ascoli;

 

– l’interrogazione di Bruno Gabrielli per avere chiarimenti sull’episodio di scarico incontrollato di reflui provenienti dagli stand della manifestazione “Ittico”;

– l’utilizzo di risparmi provenienti da operazioni finanziarie a tutela delle fluttuazioni dei tassi di interesse (“collar swap”) da destinare per 20mila euro a contributi per iniziative sportive, per 5mila euro per iniziative promozionali, per 76mila euro circa per la manutenzione straordinaria delle pavimentazioni stradali e la sistemazione di cabine stampa e impianti elettrici dello stadio “Riviera delle Palme”;

 

– la ratifica di alcune variazioni al bilancio deliberate dalla giunta per il centro Alzheimer, per iniziative turistiche, sociale e culturali e per le assunzioni di personale a tempo determinato;

 

– la verifica dello stato di attuazione dei programmi e l’approvazione del Documento Unico di Programmazione 2018/2020, ovvero del documento che programma e indirizza l’azione amministrativa e gestionale;

 

– l’approvazione del regolamento relativo alla definizione agevolata delle controversie tributarie, grazie al quale il contribuente che ha un contenzioso aperto col Comune potrà evitare sanzioni e interessi maturati dal sessantesimo giorno successivo alla notifica dell’atto di accertamento. Attualmente in materia tributaria il Comune ha aperti 125 contenziosi nei vari gradi di giudizio;

 

– l’affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali all’Agenzia delle entrate – Riscossione, il nuovo soggetto nato dopo lo scioglimento di Equitalia. Il passaggio non obbliga ad affidare tutta la riscossione al soggetto statale perché il Comune si riserva di utilizzare sempre l’apposito servizio comunale istituito alcuni anni fa, in base al tipo di tributo;

 

– una mozione dei consiglieri Sanguigni e De Vecchis per dare sostegno alla proposta di legge in esame da parte del Parlamento per il riconoscimento ufficiale della figura del “caregiver familiare”, di colui cioè che si dedica volontariamente e gratuitamente alle cure di un parente non autosufficiente;

 

– la mozione di Marco Curzi per impegnare l’Amministrazione ad evitare l’apertura di un locale di videogiochi in via della Liberazione, a poca distanza da una sede di un istituto bancario.