martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Marche > Facevano pipì sui muri, pagheranno una multa di oltre tremila euro

Facevano pipì sui muri, pagheranno una multa di oltre tremila euro

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Arrivano nuove conferme all’operato della Polizia Municipale in materia di contrasto ai fenomeni connessi alla cosiddetta “movida molesta”.

Nei giorni scorsi, infatti, la Prefettura di Ascoli Piceno ha emesso tre ordinanze ingiuntive relative ad altrettanti verbali elevati nei mesi scorsi dagli agenti della Polizia Municipale di San Benedetto nei confronti di persone sospese a fare pipì dinanzi sui muri di abitazioni del centro cittadino.

Gli agenti avevano rilevato “atti contrari alla pubblica decenza”, fattispecie non più prevista come reato penale ma che prevede una sanzione amministrativa piuttosto salata, da 5mila a 10mila euro. E la Prefettura, respingendo le giustificazioni addotte dai trasgressori, ha ingiunto a queste tre persone il pagamento entro 30 giorni di 3.333,33 euro, pari cioè ad un terzo del massimo della sanzione prevista.

Nel corso della stagione estiva, inoltre, la Polizia Municipale ha colto altre persone a fare pipì sui muri e anche per loro è scattata la sanzione amministrativa prevista.

“E’ questo un ulteriore segnale dell’efficacia delle misure che stiamo adottando – dice il sindaco Pasqualino Piunti – sia a livello normativo sia di azioni messe in campo autonomamente e con il coordinamento della Prefettura. La percezione di un cambio di passo mi pare sia abbastanza diffusa, ma presto diffonderemo i dati a consuntivo della stagione che certificheranno i risultati di questo impegno. Non è nostra intenzione fermarci qui – aggiunge il Sindaco – mi adopererò per quanto è nei poteri del Sindaco, anche utilizzando la nuova normativa, perché alle attività ripetutamente sanzionate per violazione delle regole sia applicata la sanzione accessoria della chiusura”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *