domenica, Dicembre 5, 2021
Home > Marche > San Benedetto del Tronto, altri due anni per finire l’edificio di piazza Kolbe

San Benedetto del Tronto, altri due anni per finire l’edificio di piazza Kolbe

Nella seduta del Consiglio comunale del 25 novembre andrà approvato anche il bilancio consolidato

 

Il presidente Giovanni Chiarini ha convocato il Consiglio comunale per sabato 25 novembre con inizio alle ore 9. Sei i punti all’ordine del giorno. Si segnalano:

 

  • una interrogazione del consigliere Capriotti Antonio che chiede come mai non sia stato presentato entro la scadenza del 30 settembre il bilancio consolidato dell’esercizio 2016;
  • l’approvazione dello schema di bilancio consolidato relativo all’esercizio 2016. Il bilancio consolidato comprende i bilanci degli organismi, enti strumentali e società controllate e partecipate. Per il Comune di San Benedetto vengono considerati i dati di Azienda Multiservizi, CIIP, Picenambiente, Start, Start Plus e Hydrowatt e il documento ha un valore complessivo di 208 milioni circa con un risultato utile ante imposte di poco più di 4,2 milioni di euro.
  • Alcune variazioni al bilancio di previsione. Serviranno per reperire, tra l’altro, € 110.000 per l’aumento esponenziale e non prevedibile dei minori trovati in stato di abbandono nel territorio comunale, € 28.000 per l’incremento dei pasti erogati e il miglioramento della loro qualità nelle mense scolastiche. Previsti anche l’introito di 67.000,00 euro dalla Regione per la messa in sicurezza di frane e smottamenti in via Montecretaccio e via Monterenzo e il risparmio di € 87.000,00 sugli interessi sui mutui.
  • La concessione di un’ulteriore proroga del termine di ultimazione dell’immobile di zona Cerboni realizzato dalla SIPA costrizioni che dovrà ospitare, grazie ad un accordo pubblico privato stipulato sulla base del cosiddetto “Decreto sviluppo” del 2011, anche la nuova sede della Polizia Municipale. Se la proroga verrà concessa, l’edificio di piazza Kolbe dovrà essere ultimato entro il 10 agosto 2019.
  • L’autorizzazione alla costituzione di una servitù per realizzare su suolo pubblico in via Paolini una cabina di distribuzione elettrica. L’operazione si rende necessaria per consentire lo spostamento di una cabina Enel a servizio della zona che attualmente si trova nel perimetro dell’ex ghiacciaia “Armatori sambenedettesi” per la quale è imminente l’avvio della demolizione.