martedì, Marzo 2, 2021
Home > Marche > Fermo, nasce Smart village: progetto sperimentale di assistenza socio-sanitaria

Fermo, nasce Smart village: progetto sperimentale di assistenza socio-sanitaria

Da un nuovo modo di pensare all’assistenza domiciliare alle persone non autosufficienti nasce il Progetto Sperimentale SMART VILLAGE, che risponde alla volontà dell’Università Politecnica delle Marche, dell’ATS XIX di Fermo, dell’Asur Marche e di molti altri enti locali, tra cui diversi comuni del territorio fermano-maceratese, di migliorare la qualità della vita della popolazione anziana.

SMART VILLAGE propone, infatti, un concetto avanzato di assistenza socio-santaria che si prefigura di raggiungere i seguenti obiettivi:

  • migliorare il sistema di assistenza sanitaria e renderlo economicamente sostenibile;
  • migliorare la mobilità, l’inclusione sociale e la partecipazione delle persone anziane;
  • aumentare la qualità della vita degli stessi anziani.

Il punto di forza del progetto è il suo carattere innovativo:

attraverso l’impiego di tecnologie, verrà resa disponibile una piattaforma web che, grazie all’operatore sociale del servizio di assistenza domiciliare (SAD) metterà in contatto il paziente con il proprio medico di base, le farmacie e i servizi sanitari eventualmente necessari.

L’assistenza alla persona diventa modulare e scalabile, grazie alla collaborazione tra enti diversi che, sulla base delle richieste e delle condizioni di vita della persona non autosufficiente, erogheranno servizi creati su misura per l’utente, che potrà rimanere più in salute e più a lungo presso il proprio domicilio.

Il Progetto SMART VILLAGE si propone anche la rivitalizzazione dei territori interni, attraverso l’utilizzo di forza lavoro del territorio.

Nella fase sperimentale, che durerà 12 mesi,  saranno coinvolte fino a 200 famiglie con persone non autosufficienti residenti nei Comuni aderenti: Belmonte Piceno, Falerone, Francavilla d’Ete, Massa Fermana, Monte Vidon Corrado, Monteleone di Fermo, Montappone, Servigliano, Mogliano e Petriolo.

Successivamente, sarà possibile implementare questo nuovo modello assistenziale, che potrà essere replicato ed esportato a livello regionale, nazionale ed internazionale.

SMART VILLAGE sarà presentato al pubblico sabato 10 marzo dalle ore 9,30 nella Sala Comunale “Chiesa di San Filippo” (adiacente il Tribunale di Fermo).

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *