sabato, Novembre 27, 2021
Home > Marche > Giocatori dell’Ascoli aggrediti al rientro della trasferta a Venezia

Giocatori dell’Ascoli aggrediti al rientro della trasferta a Venezia

< img src="https://www.la-notizia.net/giocatori.jpg" alt="giocatori"

ASCOLI PICENO – Aggrediti mentre stavano rientrando nelle proprie abitazioni in centro ad Ascoli Piceno da un gruppo di circa dieci persone con il volto coperto da sciarpe bianconere: il messaggio è chiaro come anche la firma apposta al gesto. A subire la vicenda due giocatori dell’Ascoli Picchio, al rientro dalla trasferta a Venezia che ha decretato, con la sconfitta della società bianconera per 1-0, l’ultimo posto in serie B.

Si tratta del centrocampista Samuele Parlati e del portiere Vincenzo Venditti. Il primo ad essere aggredito è stato Parlati, che è riuscito ad evitare un pugno cadendo poi a terra insieme all’altro. A soccorrerlo è stato Venditti, che è stato a sua volta sferzato con uno schiaffo.

Gli aggressori hanno rivolto ai due frasi contenenti minacce estese anche al resto della squadra, che è a rischio retrocessione.

Fa riflettere il fatto che ad essere presi di mira siano stati proprio due giocatori che non hanno rivestito ruoli fondamentali nella caduta libera della squadra in classifica: Venditti non ha mai giocato, mentre Parlati ha effettuato una sola presenza.

Questo il comunicato ufficiale del Club: “Questa notte, al rientro della squadra ad Ascoli dalla trasferta di Venezia, si è verificato un gravissimo episodio che ha visto coinvolti due calciatori bianconeri: Vincenzo Venditti e Samuele Parlati. I due giocatori sono stati aggrediti fisicamente da una decina di individui con volto coperto da sciarpe che li hanno attesi sulla via di casa. Gli aggressori, dopo momenti molto concitati, hanno minacciato di dare seguito alla violenza su altri tesserati.

Indignazione, sconcerto e disprezzo sono stati i primi sentimenti che hanno pervaso la Società tutta nel momento in cui ha appreso del gravissimo episodio. Il Club bianconero, come più volte dichiarato e dimostrato, accetta ogni forma civile di critica, giustificabile quando si occupa l’ultimo posto in classifica, ma non tollera, non ha mai tollerato e mai tollererà ogni violenza, che condanna con forza e intransigenza. Da mesi il Club deve fare i conti con un clima intimidatorio e di minacce, più volte segnalato alle autorità e che stanotte è culminato nella violenza fisica. Un clima alimentato ed esasperato dai numerosi commenti sui social network che si susseguono da mesi e che hanno contribuito a fomentare questo stato di violenza.

La Società, che si auspica che tale episodio resti isolato e circoscritto, ha sporto denuncia contro ignoti e perseguirà legalmente anche gli autori di post intimidatori sul web che istigano alla violenza. L’increscioso fatto non ha nulla a che fare con lo Sport, non rappresenta l’Ascoli e la Città di Ascoli Piceno e finisce per apporre una macchia indelebile su quanti, in maniera civile ed educata, hanno manifestato e manifestano il proprio malcontento per l’andamento del campionato della squadra. Aggredire i componenti dell’Ascoli Picchio equivale a colpire l’intera Società, che, pur sentendosi ferita dal vile gesto, crede fermamante nel raggiungimento della salvezza della categoria e attraverso ogni suo interprete farà di tutto per ottenerla.

Di seguito il commento del Presidente Bellini appena ha appreso la notizia:

“Sono molto amareggiato da quanto successo, si tratta di un episodio che con lo Sport non ha nulla a che fare e che mina la tranquillità e la concentrazione della squadra distruggendone lo spirito. Già da mesi il gruppo deve fare i conti con un clima sfavorevole che non aiuta al raggiungimento della salvezza. Saremo vicini come sempre ai nostri giocatori, crediamo in loro e non cambieremo mai la nostra opinione su di essi, li tuteleremo in ogni modo”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net